COMPLEJO MONUMENTAL DEL PALAZZO REALE Y LA CAPILLA DE PALATINA

La oferta de visita monumental se enriquece con una visita a los Jardines Reales por un costo de 2 euros. Los usuarios del Complejo Monumental pueden, opcionalmente, agregarlo a la ruta turística.

Desde el miércoles 5 de septiembre, con la nueva entrada desde la Piazza del Parlamento, la oferta se enriquece con la exposición, establecida en la Venta Duca di Montalto, ROSALIA, eris in plague patron. La exposición presenta, por primera vez, treinta y ocho obras de arte, entre las más importantes, dedicadas a Santa Rosalía, Patrona de la ciudad de Palermo.

……………..

Costo de entrada

Entrada única exposición.
Completo € 6.00

reducido
– Niños de entre 14/17 años 3,00 €.
– Alumnos que visitan la escuela por 1,00 €.

Entrada a los jardines reales solamente

Todos los días 2,00 €.
Entrada a la exposición, capilla palatina y apartamentos reales.

De viernes a lunes y festivos y cuando se puedan visitar los Apartamentos Reales.

Completo € 12.00 Reducido € 10.00

Entrada a la exposición y capilla palatina.

De martes a jueves y cuando no se pueden visitar los Apartamentos Reales.
Total € 10.00 Reducido € 8.00
Los maestros temporales y los niños entre las edades de 18 y 25 años tienen derecho a un boleto reducido.

COSTO DE TICKET REDUCIDO TODOS LOS DIAS

Ciudadanos de 65 años o más € 8.00.
Niños entre 14 y 17 años 4,00 €.
Alumnos que visitan la escuela por 2,00 €.

TICKETS GRATIS
• Maestros acompañando a los alumnos en visitas educativas.
• Niños y jóvenes de hasta 13 años, si están acompañados por adultos y no en una visita educativa.
• Profesores y estudiantes matriculados regularmente en cursos de grado en materias históricas, artísticas y literarias.
• Periodistas, miembros del ICOM y empleados del Departamento Regional de Patrimonio Cultural.
• Con discapacidad y un cuidador si es necesario.

Todas las condiciones relacionadas con las reducciones y las admisiones gratuitas están garantizadas a todos los ciudadanos de los países de la Unión Europea y de países fuera de la Unión Europea pero en condiciones de reciprocidad.

No hay reducciones en boletos acumulados.

FRUTO DEL PALACIO REAL PARA LOS DISCAPACITADOS

Para garantizar una mejor recepción y un servicio de acompañamiento (garantizado en cualquier caso) a los usuarios de sillas de ruedas, comunique amablemente el día y la hora de la visita, también por correo electrónico.

VISITAS TURÍSTICAS DE GRUPOS, ESCUELAS Y PRIVADOS.

Para obtener más información sobre visitas turísticas para grupos y escuelas o visitas privadas, escriba un correo electrónico a la siguiente dirección fondazione@federicosecondo.org; o comuníquese con las oficinas de Piazza della Vittoria, 23 al número de teléfono 091/7055611 – refiera al Sr. Claudio Picciurro.
videoguides

Dentro de la librería es posible alquilar la guía de video, un iPod Touch, que ilustra el itinerario de la visita con fotos y textos en italiano, inglés, francés, alemán, español y ruso.

Compra el boleto online

Biglietteria online

ENTRADA TURÍSTICA DE PIAZZA DEL PARLAMENTO

Además de la Capilla Palatina y la Exposición, todas las habitaciones de los Apartamentos Reales están incluidas en el itinerario turístico, a excepción de la Sala Pío La Torre y la Sala Piersanti Mattarella.

……………

COMPLEJO MONUMENTAL DE PALALO REAL Y CAPILLA DE PALATINA

La oferta de visita monumental se enriquece con una visita a los Jardines Reales por un costo de 2 euros. Los usuarios del Complejo Monumental pueden, opcionalmente, agregarlo a la ruta turística.

……………

Los martes, miércoles y jueves, los Apartamentos Reales están cerrados al público para actividades parlamentarias, mientras que la Capilla Palatina se puede visitar, con la excepción de los servicios religiosos. Los cierres anticipados de la Capilla Palatina se detallan, mes a mes, en la página de este sitio.

En caso de cierre anticipado de la Capilla Palatina, los Jardines Reales y la exposición “ROSALIA eris in peste patona” permanecerán abiertas a los visitantes. En este caso, la taquilla emitirá el último boleto a las 16h40.

HORAS
Lunes / Sábado de 8.15 a 5.40 pm
(último boleto a las 4.40 pm)

Domingos y festivos de 8:15 a 13:00.
(último boleto a las 12.00)

……………

LA PROCESIÓN CINCUARIOS AÑOS DE HISTORIA – PALAZZO MONCADA CALTANISSETTA

Abierto del 15 de marzo al 15 de mayo de 2019.
De martes a sábado de 10 a 13 (última admisión a las 12.30) y de 17 a 20 (última admisión a las 19.30).
Días de cierre: 21 y 22 de abril.

COSTOS
Completo 5 euros, visitas guiadas 6 euros, reducido (escuelas y niños de 7 a 18 años) 2,50 euros, reducido (grupos de mínimo 10 unidades) 3 euros.
Gratis para niños hasta 6 años, discapacitados y sus cuidadores, profesores que acompañan a los grupos escolares, guías turísticos que acompañan a los grupos.

……………

CIERRE TEMPRANO DE ABRIL DE 2019

El domingo 7 visitas a la Capilla Palatina estará fuera de los límites de 9.30 a 11.00; el domingo 14, 21, 28, las visitas a la Capilla Palatina estarán cerradas de 9.30 a 11.30; el martes 9, la taquilla emitirá el último boleto de entrada a la Capilla Palatina a las 14.30. Los Jardines Reales y la exposición eris de ROSALIA en la plaga del patrón permanecerán abiertos a los visitantes, para lo cual el último boleto será a las 16:40; el miércoles 3 la taquilla emitirá el último boleto a las 4:30 pm; El jueves 4, la taquilla emitirá el último boleto de admisión a las 16.00 horas. Los Jardines Reales y la exposición eris de ROSALIA en la plaga del patrón permanecerán abiertos a los visitantes, para los cuales el último boleto será a las 16.30; Jueves 4, sábado 13, jueves 18, viernes 19, martes 23, miércoles 24, sábado 27, martes 30, la taquilla emitirá el último boleto de entrada a las 4:00 pm. Los Jardines Reales y la exposición eris de ROSALIA en la plaga del patrón permanecerán abiertos a los visitantes, para lo cual el último boleto será a las 16:40;

……………

El viernes 19 de abril, con motivo de los preceptos de la Semana Santa, se invita a los visitantes a observar un silencio absoluto dentro de la Capilla Palatina.

El lunes 22 y el jueves 25 de abril, el Complejo Monumental se cerrará a la 1.00 pm (último boleto emitido a las 12.00).

……………

DÍAS DE CIERRE
25 de diciembre y 1 de enero.

DÍAS DE CIERRE TEMPRANO
Los días 15 de julio y 4 de septiembre son días festivos en la ciudad de Palermo, por lo que el cierre está programado a las 13.00, la última entrada a las 12.00.

























The Exhibition


The exhibition recalls one of the most critical moments in the history of Palermo: the fifty year time span that sees the city hit by two terrible plagues, in 1575-76 and in 1624; the helpless and decimated population seeks comfort and protection in the traditional Patrons, the five Virgin Saints of Palermo, the Saints Rocco and Sebastiano, to whom is added in those same years Saint Carlo Borromeo, thanks to the cult introduced in the city by the rich merchant “Nation” of the Lombardi. But in 1624, at the outbreak of an even more devastating pestilence, the discovery on Mount Pellegrino of the sacred remains of Rosalia, a Palermo hermit lived in the Middle Ages, and the simultaneous immediate end of the disease, make it possible to attribute to her special thaumaturgical powers, such to acclaim her as the only patron against the terrible disease.

The triumph of the cult, immediately spread throughout Europe and further thanks to the Jesuits and the Franciscans, requires precise choices regarding the iconography of the Saint, to which particular contribution is provided by Anton Van Dyck, the great Flemish painter living in Palermo in that sad period.

Based on these elements, the exhibition develops through a path that, starting from the devotion to the traditional patrons Saints, exemplified by a series of important paintings and sculptures of the sixteenth century made in those years, reaches the triumph of the cult of Rosalia as the only patron, configured by several works, especially altarpieces, commissioned by famous artists such as Anton Van Dyck, Pietro Novelli, Vincenzo La Barbera and Mattia Preti. The paintings and sculptures are joined by numerous preparatory drawings of large paintings, decorative works of art, printed and archival materials.

Anthony_van_Dyck_-_Saint_Rosalie

The cult of Saint Rosalia is not exclusive to Sicilian history and traditions. With this exhibition, the Federico II Foundation underlines, after careful and detailed research, that element that sees it go beyond the borders of the island. It is in the relationship with the “Nation” of the Lombards that one of its highest expressions is found. Upper Lombardy, between the fifteenth and nineteenth centuries, was characterized by an emigration process towards the city of Palermo. A flow that developed mainly in the seventeenth century. The result was a collaboration aimed at collecting money offers for the purchase of material goods to be sent to the ecclesial communities of origin. Among the gifts, there are various sacred ornaments in silver, still preserved today in the Lombard churches.

The action promoted by the Federico II Foundation continues, in synergy with the Sicilian Regional Assembly, the Regional Department of Cultural Heritage and Sicilian Identity, the Superintendence for Cultural Heritage and the Archdiocese of Palermo, aimed at protecting the historical artistic heritage, in the strictest sense, to give back our history, our culture, our arts and our knowledge to the whole community, especially to the new generations.

The Location


totale-cappella

The Royal Palace (Palazzo dei Normanni) is situated in Palermo, and it is the most ancient Royal residence in Europe. Still visible in the dungeons, the remains of the first Punic settlements, but the first structure dates back to the arab domination in the IX century.

The Normans later transformed the Castle into the center of their monarchy and built four towers, connected with porches and gardens. Thanks to Roger II, a magnificent chapel was built inside the palace, the “Palatine Chapel”, dedicated to Saint Peter and Saint Paul and consecrated in 1140. The complex was originally connected to the Cathedral through a covered path. In 1556, after the demolition the towers and the reconstruction of the great façade, it became the residence of the Spanish Viceroys.

The manor was built on two stories: ground floor and noble floor; adjacent to the main building and accessible through designated openings was the chapel; this was decorated with painted architectures created in 1762.

After the Unification of Italy, it became part of the estate of the Military and, with the occasion the national exhibition of 1891 – 1892 the furniture in the royal apartments was renovated. In 1919 the possibility of using the Palace as the location for the academies of the building was proposed by Architect Corrado Anselmi. The exhibition spaces are dedicated to the conservation and presentation to the public of the painting collections and of a selection of graphic artworks.

In the ‘30s of the ‘900, some restorations were made by superintendent to monuments Francesco Valenti, then continued by Mario Guiotto, bringing back some of the Norman structures. Only in 1947 it was named Palazzo dei Normanni (Palace of the Normans) and the associations located there were transferred elsewhere.

The latest restorations took place in 2002, following the damages due to the earthquake. Today the Palace has an important directorial function, as it is the location of the Assemblea Regionale Siciliana (Sicilian Regional Council), but it is also the headquarter of the Astronomic Observatory of Palermo.

palazzoreale2

Gallery


INFORMATION


Ingresso da Piazza del Parlamento

Timetable

Monday/Saturday 8.15 a.m. to 5.40 p.m.
(last ticket 4.40 p.m.)
 Sundays/Holidays 8.15 a.m. to 1.00 p.m.
(last ticket 12.00 a.m.)

Ticket price

Only Exhibition
full fare € 6,00

Reduced
Teenagers: 14/17 years € 3,00
Students in school visit € 1,00

Only Royal Gardens
Everyday  € 2,00

Exhibition, Palatine Chapel and Royal Apartments
from Friday to Monday and holidays when Royal Apartments are open
full fare € 12,00 – reduced € 10,00

Exhibition and Palatine Chapel
from Friday to Monday when the Royal Apartments are closed
full fare € 10,00 – reduced € 8,00

Teachers and young people aged between 18 and 25 years are entitled to reduced ticket.

Reduced Ticket Price everyday
Seniors (>) 65 years € 8,00
Teenagers: 14/17 years € 4,00
Students in school visit € 2,00

It is possible to make a RESERVATION for the exhibition visit and Monumental Complex sending an email to fondazione@federicosecondo.org
(info +39 091 6262833)


An exhibition outside the logic of pre-packaged products

“This exhibition brings out the greatness of Saint Rosalia, able not only to heal the plague victims, but to do another miracle: to unite territories that in other respects are very distant. Devotion to the patron saint even in the upper Padan Plain is an irrefutable message of high relevance. And if the devotion to Santa Rosalia from South to North is the proof and the hope that religion will unite, even art once again creates unimaginable links beyond geographical boundaries and divisions. This exhibition also has the merit of being an absolute first. The Federico II Foundation continues to reject pre-packaged exhibitions, coming out of the logic of the such product. These are unique exhibitions, built for the occasion with a lot of work and inter-institutional collaboration with the intention, not easy but certainly ambitious, to generate a cultural process, which in this case concerns our beloved patron saint. But there’s more, Rosalia has returned home through the main entrance. The inauguration of the exhibition at the Royal Palace, where Rosalia Sinibaldi lived, coincides with the opening, after a long time, of the Seventeenth-century Regimental Gateway Door, which gives way to the new tourist route of one of the most visited sites in Sicily and of vertiginous growth. The visitors, until now entering through a side entrance, can finally access from Piazza Parlamento, located in the heart of the Unesco Heritage Norman-Arab route. To welcome the exhibition, a votive shrine that will remain inside the building, but also “R”, the show dedicated to her that has thrilled me and has won the approval of the public and critics “.

Gianfranco Miccichè

President of the Sicilian Regional Assembly and the Federico II Foundation

danielatomasino

Rosalia, a female and international Saint

“In a historical-political moment in which our glorious constitution is insistently put under scrutiny, we should, as a beacon, keep in mind the basis of Article 9 that promotes the development of culture and scientific research and the protection of heritage. Precisely due to this last point the Federico II Foundation has chosen to invest resources and energy by channeling them into the exhibition “Sicilië, Flemish painting” and now in “ROSALIA eris in peste patrona”. The cement of all this work lies in cultural cooperation and in the valorization of the Cultural Heritage in synergy with the other Institutions present on Italian and foreign territories. A passage that, in the past years, has been neglected. It is undoubtly easier to avoid the effort of the campaign to borrow paintings and sculptures scattered in the territories. We have already been against the current for the exhibition “Sicilië, Flemish painting” and now for “Rosalia eris in peste patrona”. We have reversed the route. Ours is a more difficult work method, complex but of profound transformation and extraordinary results. So much effort and so much energy engaged in research and study have given us a surprise: to discover how much the magnificence of the works regarding the Saint and her devotion is not an exclusive fact of Sicilian history and traditions. This exhibition, in fact, highlights, after careful and detailed research, that element that sees it go beyond the borders of the island. A miracle, the one from the liberation from the plague, carried out in the Sicilian capital that went around the world: affected by the plague in the Seventeenth century, the citizens of São Paulo in Brasil, of Caracas in Venezuela, of Monterey in California were entrusted to the Saint. A popularity that has never had borders especially thanks to, more than other artists, Anton Van Dyck; contributing in this way to spread the cult of an international saint. The one for Saint Rosalia is a cult rooted in the territory that ends up conquering such a communicative force capable, over the centuries, of delineating a strongly diffusive trait. The patron saint of Palermo contains in herself a high symbolic, significant and foundational value of a certain religiosity that, going beyond tradition, enhances the ascetic dimension while maintaining, at the same time, a concrete role towards citizenship. Reclaiming the figure of Saint Rosalia is an urgency to stimulate research and the Federico II Foundation is responsible for its paternity, including the historical and cultural roots of the Royal Palace”.

Patrizia Monterosso

General Manager of the Federico II Foundation

Sergio-Alessandro

A rigorous and faithful historical reconstruction

“Rosalia Sinibaldi, a noble Palermitan girl of the Twelfth century, probably of Norman origin, become in the Seventeenth century the patron saint of Palermo, returns to live in the halls of the Royal Palace, home of her youth, according to the legendary biography between myth and history. To the Virgin hermit who saved the Sicilian capital from the plague is dedicated in fact the great exhibition, curated by Vincenzo Abbate, which will be inaugurated on September 4th, on the day of thediesnatalis (birthday) of the Saint, right in the halls of the Duke of Montalto of the Royal Palace. Precious synergy between the Department of Cultural Heritage and Sicilian Identity of the Sicilian Region and the Federico II Foundation in this original and unprecedented initiative that gives back to the public an articulated and complex reading path aimed at combining the past and the present in a multiplicity of expressive registers. The intent is that of a rigorous historical reconstruction in order to retrace, starting from the plague of the Seventeenth century, the most significant stages of a centuries-old cult which becomes a symbol of the municipality and of the urban renaissance by the Jesuits. The extraordinary symbolic effectiveness of the PalermitanSantuzza (little saint) is demonstrated by the vast figurative heritage of artists such as Pietro Novelli, Vincenzo La Barbera and Antoon Van Dyck who,during his stay in Palermo, dedicated to the Saint a series of works, now in the Regional Gallery of Palazzo Abatellis of Palermo, at the Metropolitan Museum in New York, in Antwerp, in Vienna, at the Museum of Puerto Rico, but also such as Luca Giordano, whose paintings are exhibited at the Museo del Prado, and Bartolomè Esteban Murillo, at the Thyssen Museum in Madrid, just to name a few the most important. Works not only from Sicily are exhibited to the public in order to show the extraordinary spread of Saint Rosalia, immortalized not only in the great figurative and sculptural works, but also in an infinite variety of devotional objects of everyday life. In the year in which Palermo is proclaimed the capital of culture, this exhibition presents itself as the revival of a myth that is renewed every year with the parade of the triumphal chariot during the July Festino (feast) and the great religious procession of the relics in the silver urn, as well as with the acchianata (pilgrimage) to the sacred Montepellegrino in the month of September, becoming, in the final analysis, the most representative expression of the collective memory, almost a totem of the cultural identity of Palermo “.

Sergio Alessandro

General Manager of the Department of Cultural Heritage and Sicilian Identity


Beyond the ascetic dimension, the concrete link with the people

“The devotion to Saint Rosalia has a strongly communicative character and proof of it are the rapid timing of her canonization and of her acclamation as the patron saint of Palermo. The recognition as a protector of the city is conferred to Rosalia almost by right, considered the grave and tragic historical context in which the plague decimated the people starting from 1624. The merit is attributable to the Genoese Archbishop GiannettinoDoria, who managed to establish a close link between the discovery of the female bones in the cave on Mount Pellegrino and the end of the black plague epidemic following the procession of the urn with the mortal remains of the Santuzza (little saint). In 1625 Rosalia was proclaimed patron of Palermo by the city Senate and by popular acclamation, immediately becoming the point of reference for the whole city and forever obscuring the role of the four ancient copatron saints: Ninfa, Olive, Agatha and Cristine. In 1630, thanks to the popularity achieved by the “Santuzza”, the Doria managed to obtain from Pope Urban VIII, of whom the Cardinal had been one of the great electors, the inclusion of Rosalia in the Roman Martyrology, definitive confirmation of the patron saint’s holiness.
The Santuzza then also assumed a strategic role in the sphere of Spanish politics: Rosalia as a warrior aiding the Catholic king was used as an “instrumentumregni” to eradicate, for example, the Catalan insurgents. In a short time, the cult to the saint became so ingrained and of such great communicative power to acquired over the centuries a markedly diffuse trait. The Palermo Saint who lives in the context of the city is taken as a model to free other places from the plague. We find in Rosalia’s devotion a very strong, significant and fundamental symbolic value of a type of religiosity that values the ascetic dimension which, at the same time, maintains a concrete, human bond with the people. Palermo already had a long and secular experience of the social role of enclosed women in the city. In the Monastery of Saint Catherine of Alexandria at the Cassaro lived nuns of noble families who, despite the strict papal enclosure, exerted a great influence on the political and social life of the city. GiannettinoDoria, recognizing the decisive role that the Dominican nuns had assumed in the history and economic and social development of the city, regarding the proclamation of Rosalia as patron of Palermo, donated to the monastery a relic of the saint, almost to seal that the Santuzza (little saint), noble woman, hermit, new patron of the city, from the top of Mount Pellegrino, replaced the role that for centuries had belonged to the noble cloistered nuns of the Monastery of Saint Catherine, located next to the city palace. In the diffusion of the devotion to the Santuzza great importance must also be attributed to the extraordinary iconographic production of the painted, engraved, sculptured images of the saint from 1624. The exhibition “Rosalia eris in pestepatrona”, fruit of the collaboration of the Cultural Heritage Office of the Archdiocese of Palermo with the Regional Department for Cultural Heritage and Sicilian Identity, the Direction of the Federico II Foundation and the Department of Palermo, is an operation of great intuition and cultural depth, expression of a new way of understanding the promotion and use of the cultural heritage. TheSantuzza descends from Mount Pellegrino and returns to the Royal Palace, in what, according to the historical and hagiographic accounts about Rosalia Sinibaldi was her first home. I believe it is an added value that the public institutions, in a courageous way, have chosen not to set up an easy trendy exhibition, creating competition with private structures, but have invested human and economic resources to let the world know what this land has and in doing so they have operated in synergy among all the institutional realities “.

Padre Giuseppe Bucaro

Director of the Cultural Heritage for the Archdioceses of Palermo

Art to understand the deep link that Palermo has with the patron saint

“The cult of Saint Rosalia in Palermo has its roots in a particular relationship of devotion and love with thepatron saint, the result of a simple faith: for centuries, the city had sought a saint who embodied in her own history a popular Christian humanism, humble, generous, but without being able to find it. At the beginning of the Seventeenth century there were six patron saints in Palermo, Ninfa, Fabian and Sebastian, Agatha, Cristine and Rocco who, despite having had an important role in city devotion on several occasions, had not managed to enter the heart of the inhabitants. Even in 1624 the city, afflicted by the umpteenth contagion of plague, turns to its patron saints with a large procession to demand release from the epidemic but without success and, precisely during the procession, on July 15th, Father Pietro Garofalo narrates that people raise the invocation to Saint Rosalia and he himself follows an “internal inspiration” to invoke her, without knowing that on Mount Pellegrino her bones had been found. A few days later, the image of St. Rosalia is paraded and the plague ceases entirely in the city, and the following year the first big celebration in her honor is held. The cult of Saint Rosalia is therefore born from the sensus fidei of the people of Palermo who, recognizing by intuition of faith her holiness, invoke herobtaining evidence and certainty that the Saints “are the true bearers of light within history, because they are men and women of faith, hope and love “(Deus Caritas est, 40). It is the sensus fidei, which isthe personal attitude that believers possess within the ecclesial communion to discern the truth of faith, which allowed to immediately create a link between the saint and the citizens of Palermo, not the result of abstract theological speculations but of authentic popular piety which “manifests a thirst for God that only the simple and the poor can know” (EvangeliInuntiandi, 48). Precisely this link with popular piety has enabled our city to include the Gospel in everyday life, in a dynamic reality constantly recreated by the people and transmitted from generation to generation. As Pope Francis reminds us: “Each portion of the People of God, translating into their lives the gift of God according to their own genius, is evidence of the faith received and enriches it with new expressions that are eloquent. It can be said that “the people continually evangelize themselves”.Here popular piety is an important expression of the spontaneous missionary activity of the People of God. It is a reality in permanent development, where the Holy Spirit is the protagonist “(EvangeliiGaudium, 122). The acchianata(pilgrimage) on Mount Pellegrino, so heartfelt and shared every year, is an eloquent expression of this faith of the heart, able to entrust itself with simplicity and authenticity to the Lord who welcomes everyone, but also evidence of faith that becomes a missionary announcement in a world that seems increasingly distant and distracted. On the journey to the Shrine everybeliever experiences our Christian life made up of jagged realities, trials and obstacles to overcome but also of sharing, witness, fraternity and certainty of the goal to be reached. Upon arrival, the grotto allows the pilgrim to perceive and make his own the strength of a trusting prayer to God, capable of defeating evil by succeeding in illuminating even the dark depths of the earth. The many ex-votos present in the Shrine are the attestation of how the Lord does not tire of listening to the trusting prayer of his believers and for the intercession of Saint Rosalia continues to perform signs and wonders in the midst of his people freeing them from evil in a renewed Easter experience. In this way all Christians “are made capable of understanding, living and proclaiming the truths of divine revelation” (Lumen Gentium, 35). The iconography, which for centuries has continued to nourish and give life to this faith of the people and which finds admirable synthesis in the present exhibition, helps us grasp the deep bond that Palermo has with its patron saint, but above all it offers us a precious opportunity to rediscover our faith not only in its personal dimension but above all in its ecclesial and community dimension. In this sense the popular dimension of faith becomes an expression of its catholicity, capable of overcoming conflicts through a culture of encounter and solidarity that does not eliminate differences but harmonizes them. May our beloved city still be enriched and sustained by the fruitful faith of its people “.

Corrado Lorefice

Archbishop of Palermo

The image of the Saint and a lively debate on her iconography

“The artistic narration regarding Saint Rosalia and her cult could not avoid including some considerations on the plague and the causes that decimated entire populations of Europe. We have, first of all, chosen to do so through the treaties of the time and the distressing images of death or the heartfelt penitential processions, as they have been represented in the devout paintings of the Fifth and Seventeenth century, in those altarpieces, true ex-votos made for the long-awaited grace obtained through the tutelary Saints. The exhibition develops along a path that, starting fromsculptures and paintingsas concrete testimony of the vast cult still centered in the sixteenth century around the canonical thaumaturge saints against the plague, arrives to Rosalia in the twenties of the seventeenth century. It is Rosalia Sinibaldi who by divine will was proclaimed the only savior thanks to her heartfelt intercession with the celestial Throne which, according to the beautiful invention of Pietro Novelli, the greatest Sicilian painter of the Seventeenth century, in the stunning dedicatory altarpiece of Castiglione delleStiviere officially grants the title: ERIS IN PESTE PATRONA. A conversation on the plague could not avoid the presence of significant works in the exhibition, useful to let the visitor into the life of particular situations and events of those terrible years: as the view of the Cala, the ancient port of the city, always the first and immediate place for the contagion due to the continuous landing of often infectedgalleys and tartansof various origins; but also a crowded penitential procession to obtain the divine grace (and the choice could not fail to fall on the one depicted in the ex-voto panel by Simone di Wobreck, held on the night of July 29th 1576 with the participation of the Duke of Terranova, President of the Kingdom, of the dignitaries, of the clergy and of all the confraternities following the venerated Crucifix of the Cathedral); anda great processional cross, the Cross that normally in moments of felt contrition and repentance from sins becomes a symbol and unequivocal beacon of salvation and redemption. This exhibition also boasts, for the first time, the presence of the great processional cross of Livo (Como), a masterpiece of the 16th century Palermitan silverware, commissioned to the local consulate of the silversmiths by the flourishing and rich Lombard community of Alto Lario resident in the city.The image of Saint Rosalia in the early days, precisely because it concerns the new unique patron of the city, is characterized by a lively debate on her iconography, certainly not easy to solve, if that of a simple hermit and anchorite dressed in rough tunic, assupported by the Franciscan pauperism movements, or of a nun with a noble appearance under the strict rule of a claustral order, as especially the Jesuits and Benedictines claimed on the trail of ancient depictions existing in their illustrious city monasteries”.

Vincenzo Abbate

Art Historian and Museology expert

santarosalia_x

Exemplary pictorial and plastics of the highest importance exhibited

“The exhibition pays tribute to the venerable Saint patron of the city of Palermo, the so-called Santuzza (little saint), retracing, through extremely precious artistic evidence, a crucial historical phase of the city, when at the end of the Sixteenth century the population was periodically decimated by devastating plague epidemics. The first was already in 1575, followed by years of famine and drought in which the defenseless citizens of Palermo sought comfort and protection in the traditional patron saints, the five Holy Virgins of Palermo, the Saints Rocco and Sebastian, who was soon joined by Saint Carlo Borromeo, thanks to the cult introduced into the city by the rich merchant nation of the Lombards. In fact, visitors are welcomed in the exhibition by pictorial and plastic reliefs bearing well-known depictions of the so-called “Saints of the plague”, together with the unprecedented presence of a silver cross from the late sixteenth century embellished with enamels coming from Livo, in the Como area, origin of a large community of Lombards transplanted to Palermo who commissioned it to skilled local workers. In 1624, at the outbreak of an even more devastating pestilence, the discovery of the sacred remains on Mount Pellegrino of Rosalia, a young noblewoman who lived in Norman times, and the simultaneous immediate termination of the disease, attributes her special thaumaturgical powers, and therefore people acclaim her almost immediately as the patron saint of the city.
The triumph of the cult immediately imposes precise choices on the iconography of the Saint, to whom Anton Van Dyck, the great Flemish painter called in Palermo in those sad moments by the viceroy Emanuele Filiberto of Savoy, solemnly codifying the image of the saint in the renowned altarpiece created for the altar of the Oratory of the Rosary of Saint Dominic.
The exhibition then unfolds through a coherent path marked by significant works, especially altarpieces, specifically requested to renowned painters, such as Anton Van Dyck, Vincenzo La Barbera and Pietro Novelli, from Monreale, artist who will contribute the most to the diffusion of the cult of the Saint even outside the island. Novelli’s autographs are in fact present in Sicily for the first time two impressive altarpieces, one from Livo, the other from Castiglione delle Stiviere in Mantua where, even with the necessary differences, the same iconography of the Saint can be seen as she intercedes with the Trinity. Also documenting the fervent devotion to the Saint are the magnificent paintings of the Calabrian Mattia Preti coming from the Museum of Capodimonte and from Malta, also for the first time exhibited in Sicily. Specifically, two important preparatory sketches for frescoes that had to decorate the entrance doors to the city of Naples, show, in a naturalistic setting of great impact, the Saint of Palermo together with Gennaro and other saints, invoked by the Neapolitan citizens against the plague that afflicted the city in 1656, together with the renowned altarpiece of the so-called Madonna di Costantinopoli, originally placed in the church of Sant’Agostino degli Scalzi. The Saint Rosalia in Franciscan clothes housed in the Jesuit church of Sarria in Malta, dating back to the seventies of the Seventeenth century, part of a series of paintings in the same church dedicated to the patron saints of the plague, documents the excellent performance of the Calabrian lord, who resided in Malta until the end of his days. The itinerary ends with an important canvas, probably coming from Sicily and never exhibited in Palermo, kept at the Duca d’Alba Foundation in Seville, depicting a solemn and articulated procession with the urn of the patron saint, through a bird view from which the urban layout and the various monuments of the city are revealed, between the end of the Seventeenth century and the first years of the following century “.

Maddalena De Luca

Valorization Service of the Department of Cultural Heritage and Sicilian Identity

The works reinforce the link between the figure of the young saint and the natural environment

“The image of Saint Rosalia elaborated by the painters of the Seventeenth century naturalism often shows peculiar characteristics that are identified in the almost adolescent features of the patron saint, animated, at least as far as painting is concerned, by a delicate chiaroscuro that softly focuses on the neck and the ecstatic face and which the light diversifies in extremely natural ways. These characteristics that make the image of the Saint extremely timely, human and almost quotidian, are also found in the plastic works, among which the refined silver reliquary statue from the Chiesa Matrice (main church) of Caccamo stands out.
And again, how can we forget that the image of Santa Rosalia appears to be related to some symbolic places of the city of Palermo: the urban center surrounded by walls with all the lush nature of the Conca d’Oro(Golden plain) and on the other Mount Pellegrino, almost a symbol of the city to which the presence of Saint Rosalia attributes an extraordinary religious value. Here Rosalia lived and here her miraculous mortal remains were found; in this way the holy patron turns to the sacred mountain, in the pictorial expressions on display, invoking the protection and divine benevolence in favor of the whole city. It is clear from the above that the works of art elaborated by the great Seventeenth century painters and selected for the exhibition make the correlation between the figure of the young saint and the natural environment rich and vivid “.

Gaetano Bongiovanni

Official of the Department of Cultural Heritage of Palermo

For all texts courtesy translation Elettra La Duca

Press Area


PALERMO. COME NON L’ABBIAMO MAI CONOSCIUTA. UNA DESCRIZIONE MINUZIOSA, QUASI SURREALE.
IN UNA SOLA OPERA RAFFIGURATI PIÙ DI 700 FEDELI, 24 PALAZZI E 28 “MACCHINE” PROCESSIONALI.
IL QUADRO, FINALMENTE, GIUNGE DA SIVIGLIA DOPO UN LUNGO RESTAURO.
DAL 14 DICEMBRE A PALAZZO REALE.


1693. Il Terremoto. La Santa. La Processione. Palermo


Dal Palacio de las Duenas di Siviglia al Palazzo Reale di Palermo. Per la Processione di Santa Rosalia, opera di fine Seicento di un pittore siciliano confluito nella collezione della Duchessa d’Alba (di proprietà della Fundacion Casa de Alba di Madrid) poco prima del suo definitivo allontanamento da Palermo per la Spagna, un viaggio interstorico e interculturale dalla Spagna alla Sicilia. Uno sforzo che sottolinea, ancora una volta, il nuovo corso promosso dalla Fondazione Federico II volto alla cooperazione e al dialogo interistituzionale a livello nazionale e internazionale. L’opera, per la prima volta in Italia, occuperà il suo posto all’interno del percorso espositivo. Giunge a Palermo, dopo un attento e lungo restauro, stimolato dalla volontà della Fondazione Federico II di averlo in mostra. Il dipinto è più di una descrizione minuziosa degli edifici religiosi, civili e pubblici. Molto di più di un racconto sul culto devozionale di Santa Rosalia in tutto il mondo. È la prova pittorica della magnificenza del Regno di Sicilia e della sua capitale Palermo. L’arte si sostituisce alle parole e comunica con la sua forza dirompente utilizzando il registro linguistico della religione perché tutti possano “vedere, ascoltare e sentire”.

Una città ideale in festa


“Il quadro configura una suggestiva città ideale della festa, con quattro file parallele di edifici davanti a cui si svolge l’interminabile corteo religioso. Non è una veduta reale bensì una veduta composta in modo artificiale, un paesaggio di palazzi pubblici e aristocratici, disposti senza un ordine topografico e alternati a nove facciate ecclesiastiche “moderne”, realizzate tra Manierismo e Barocco (fino alle opere di Giacomo e Paolo Amato) e tutte limitate all’organismo chiesastico, con omissione dei conventi. La città viene rappresentata come una sorta di corteo di pietra, con le quinte di edifici in alta uniforme e le emergenze delle facciate chiesastiche selezionate per la loro modernità. Il silenzioso dispiegamento delle fabbriche ne esalta la potenzialità di luoghi di osservazione dello spettacolo festivo. I palazzi vengono scelti anche per la loro ampia disponibilità di balconi come palchi teatrali; anche alcune chiese esibiscono in facciata i loggiati e le altane riservati agli ecclesiastici. Si tratta evidentemente del quarto giorno della processione di S. Rosalia il 15 luglio. La processione si snoda serpeggiante su tre registri paralleli, comprendenti – dopo il reliquiario e prima di sedici “bare” con statue di santi su semplici basamenti – dodici carri più o meno complessi, con ripiani digradanti, incentrati su baldacchini o edicole e coronati da statue di santa rosalia e di altri santi”.

Professore Marcello Fagiolo

Storico dell’arte e storico dell’architettura italiana

Brano tratto da ROSALIA eris in peste patrona – Il catalogo

In un quadro la magnificenza del Regno di Sicilia


“La particolareggiata rappresentazione urbana di Palermo fa da sfondo alla processione di un’argentea arca-reliquiario. Nel 1693 il canonico Pietro Mataplana pubblica la traduzione dal castigliano all’italiano dell’opera agiografica su santa Rosalia del padre Giovanni da San Bernardo. Al testo l’autore aggiunge in appendice una “Sommaria Relazione de’danni cagionati da’ Terremoti in Sicilia” dove, dopo avere descritto i danni e contati i morti in tutte le provincie della Sicilia, mette in evidenza che a Palermo, non vi è stata vittima alcuna. Il soggetto dipinto nel quadro della collezione Alba, costituisce l’unica rappresentazione nota della processione delle reliquie di santa Rosalia, così come è descritta anche nel ragguaglio del festino di ringraziamento del 1693. L’ignoto pittore, memore probabilmente di quella straordinaria edizione del Festino ce la restituisce calandola all’interno di una Palermo Capitale del Regno rappresentata dalla selezione delle costruzioni modernamente compiute, scampate al pericolo della totale distruzione dal terremoto, e questo grazie alla protezione di santa Rosalia. Pertanto, il dipinto potrebbe rientrare in un più articolato progetto di valorizzazione dell’immagine del Regno di Sicilia e della sua capitale Palermo, progetto avviato nel 1686 dal Teatro geografico antiguo y moderno del reyno de Sicilia promosso dal viceré Francesco Benavides con il supporto dell’editore palermitano Carlo Castiglia”.

Ciro D’Arpa

Storico dell’arte

Brano tratto da ROSALIA eris in peste patrona – Il catalogo


La Palermo che non abbiamo conosciuto
L’opera ci farà scoprire edifici non più esistenti. Ci riferiamo al Palazzo di Carini che si trovava in corso Vittorio Emanuele di fronte la Cattedrale, dove attualmente è la libreria delle Paoline e alla Chiesa delle Stimmate distrutto insieme alla Badia di S.Giuliano per creare il piano del Teatro Massimo.

Edifici che hanno resistito al terremoto e alle trasformazioni
Tra questi ci sono: l’Ospedale di S. Bartolomeo (oggi Istituto Nautico); il Palazzo della Città, (oggi Palazzo Pretorio); la Chiesa di Santa Teresa, attuale chiesa esistente nella piazza Kalsa; il Tribunale Sacro di Sicilia, (oggi sede del Rettorato); la Vicaria, (attuale Palazzo delle Finanze); la Chiesa della Pietà, ancora esistente chiesa in via Torremuzza alla Kalsa; il Palazzo del Principe di Villafranca, esistente Palazzo Alliata di Villafranca in piazza Bologni; la Badia del SS. Salvatore; esistente in corso Vittorio Emanuele di fronte la Biblioteca regionale; il Palazzo del Principe della Roccella esistente in corso Vittorio Emanuele di fronte il Liceo classico Vittorio Emanuele; la Chiesa di S. Matteo, esistente in corso Vittorio Emanuele tra la via Roma e la via Maqueda; il Palazzo del Duca della Fabbrica, esistente in corso Vittorio Emanuele di fronte la cattedrale tra le Paoline e Palazzo Asmundo; il Collegio Novo ex S. Maria della Grotta annessa all’ex Collegio Massimo dei Gesuiti, esistente, in corso Vittorio Emanuele dove oggi è l’ingresso della biblioteca regionale; il Palazzo del Conte di San Marco ancora esistente, oggi Palazzo Mirto; la Badia delli Virgini, (oggi chiesa di Monteoliveto in via dell’Incoronazione); il Palazzo del Duca di Branciforti attuale palazzo Branciforte; il Palazzo del Principe della Cattolica ancora esistente in via Paternostro; la Chiesa dell’Olivella esistente nella piazza omonima; il Palazzo Tarallo, esistente nel quartiere dell’Albergheria, in via delle Pergole; il Palazzo Geraci in corso Vittorio Emanuele, attuale Palazzo Riso; la Cattedrale senza le trasformazioni progettate da Ferdinando Fuga (cupola, campanile del 1726); il Palazzo Arcivescovile attuale Palazzo Arcivescovile.

INFORMAZIONI


Ingresso da Piazza del Parlamento

Orari

Da lunedì al sabato dalle ore 8.15 alle ore 17.40
(ultimo biglietto ore 16.40)

 Domenica e festivi dalle ore 8.15 alle ore 13.00
 (ultimo biglietto ore 12.00)

 

Costo biglietti

Ingresso solo mostra
Intero  € 6,00
Ridotto
– Ragazzi di età compresa tra 14/17 anni
€ 3,00
– Studenti in visita didattica scolastica
€ 1,00

Ingresso solo Giardini Reali
Tutti i giorni  € 2,00

Ingresso mostra, Cappella Palatina e Appartamenti Reali
Da venerdì a lunedì e festivi e quando gli Appartamenti Reali sono visitabili
Intero € 12,00
Ridotto  € 10,00

Ingresso mostra e Cappella Palatina
Da martedì a giovedì e quando gli Appartamenti Reali non sono visitabili

Intero € 10,00
Ridotto € 8,00

Hanno diritto al biglietto ridotto gli insegnanti di ruolo e i ragazzi di età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Costo biglietti ridotti tutti i giorni
Cittadini di età pari o superiore ai 65 anni
€ 8,00
Ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni
€ 4,00
Studenti in visita didattica scolastica
€ 2,00

La Mostra


La Mostra ripercorre uno dei momenti più critici della storia di Palermo: il lasso di tempo di cinquant’anni che vede la città colpita da due terribili pestilenze, nel 1575-76 e nel 1624; la popolazione inerme e decimata cerca conforto e  protezione nei tradizionali Patroni, le Sante cinque Vergini Palermitane, i Santi Rocco e Sebastiano cui subito si aggiunge in quegli stessi anni anche San Carlo Borromeo, grazie al culto introdotto in città dalla ricca “Nazione” mercantile dei Lombardi. Ma nel 1624, allo scoppio di una pestilenza ancor più devastante, il ritrovamento dei sacri resti sul Monte Pellegrino di Rosalia, romita palermitana vissuta nel Medioevo, e la contemporanea immediata cessazione del morbo, fanno sì che a lei vengano riconosciuti speciali poteri taumaturgici, da farla acclamare unica patrona contro il terribile morbo.

Il trionfo del culto, immediatamente diffusosi grazie ai Gesuiti e ai Francescani in tutta Europa, ma non solo, impone subito scelte precise sull’iconografia della Santa, cui darà contributo particolare Anton Van Dyck, il grande pittore fiammingo trovatosi a Palermo in quei tristi frangenti.

Su tali presupposti, la mostra si snoda attraverso un percorso che partendo dalla devozione ai Santi Patroni tradizionali, esemplificata da una serie di importanti dipinti e sculture cinquecentesche realizzate in quegli anni, arriva sino al trionfo del culto di Rosalia quale unica patrona, configurato da altrettante opere, soprattutto pale d’altare, commissionate ad artisti famosi, come Anton Van Dyck, Pietro Novelli, Vincenzo La Barbera e Mattia Preti. Ai dipinti e alle sculture si affiancheranno numerosi disegni preparatori dei grandi dipinti, opere d’arte decorativa, materiali a stampa e d’archivio.

Anthony_van_Dyck_-_Saint_Rosalie

Il culto di Santa Rosalia non è, fatto esclusivo, della storia e delle tradizioni siciliane. La Fondazione Federico II con questa mostra ne sottolinea, dopo attente e dettagliate ricerche, quell’elemento che la vede travalicare i confini dell’Isola. È nel rapporto con la “Nazione” dei lombardi che se ne trova una delle massime espressioni. L’Alta Lombardia, tra il XV e il XIX secolo, fu caratterizzata da un processo emigratorio verso la città di Palermo. Un flusso che si sviluppò, principalmente, nel Seicento. Ciò che ne venne fuori fu una collaborazione volta alla raccolta di offerte in danaro destinate all’acquisto di beni materiali da inviare alle comunità ecclesiali di origine. Fra i doni, si annoverano varie suppellettili sacre in argento, ancor oggi conservate nelle chiese lombarde.

Continua, senza sosta, l’azione promossa dalla Fondazione Federico II, in sinergia con l’Assemblea Regionale Siciliana, il Dipartimento Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, la Soprintendenza per i Beni Culturali e l’Arcidiocesi di Palermo volta alla tutela del patrimonio storico artistico, nel più stretto significato, di restituire la nostra storia, la nostra cultura, le nostre arti e i nostri saperi a tutta la comunità, in particolar modo alle nuove.generazioni.

Gallery



Una mostra fuori dalle logiche di prodotti preconfezionati

“Questa mostra fa emergere la grandezza di Santa Rosalia in grado, non solo di guarire gli appestati, ma di fare un altro miracolo: unire territori che sotto altri aspetti sono molto distanti. La devozione per la Patrona persino nell’Alta Padana è un messaggio inconfutabile di stretta attualità. E se la devozione per Santa Rosalia da Sud a Nord è la prova e l’auspicio che la religione unisca, anche l’arte ancora una volta crea collegamenti impensabili al di là dei confini geografici e delle divisioni. Questa mostra inoltre ha il pregio di essere una prima assoluta. La Fondazione Federico II continua a rifiutare le mostre pacchetto chiavi in mano, uscendo dalle logiche del prodotto confezionato. Si tratta di mostre uniche, costruite per l’occasione con tanto lavoro e la collaborazione interistituzionale con l’intenzione, non facile ma certamente ambiziosa, di generare un processo culturale, che in questo caso riguarda la nostra amata Patrona. Ma c’è di più Rosalia è tornata a casa dal portone principale. L’inaugurazione della mostra a Palazzo Reale, dove Rosalia Sinibaldi abitò, coincide infatti con l’apertura dopo tempo immemore del Portone Monumentale Vice Regio seicentesco, che dà il via al nuovo percorso turistico di uno dei siti più visitati in Sicilia e in vertiginosa crescita. I visitatori, finora entrati da un ingresso defilato, posso finalmente accedere da Piazza Parlamento, situata nel cuore dell’itinerario arabo normanno Patrimonio dell’Unesco. Ad accoglierla la mostra, un’edicola votiva che rimarrà all’interno del palazzo, ma anche “R”, lo spettacolo a lei dedicato che mi ha emozionato e ha riscosso il gradimento del pubblico e della critica”.

Gianfranco Miccichè

Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana
e della Fondazione Federico II

danielatomasino

Rosalia, una Santa femmina e internazionale

“In un momento storico-politico in cui si tira la giacchetta alla nostra gloriosa carta costituzionale dovremmo, come un faro, tenere a mente il presupposto dell’articolo 9 che promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e la tutela del Patrimonio. Proprio su questo ultimo punto la Fondazione Federico II ha scelto di investire risorse e energie incanalandole nella realizzazione  della mostra Sicilië, pittura fiamminga e ora in Rosalia eris in peste patrona. Il collante di tutto questo lavoro sta nella cooperazione culturale e nella valorizzazione dei Beni Culturali in sinergia con le altre Istituzioni presenti sul territorio italiano e straniero. Un’azione volta a promuovere mostre su temi specifici restituendo valore e centralità al metodo adoperato dai curatori, ai criteri storiografici adottati e agli sforzi interpretativi. Un passaggio che, negli ultimi anni, è stato abbondantemente trascurato. È indubbio quanto sia più facile evitarsi la fatica della campagna prestiti di dipinti e sculture disseminate nei territori. Siamo stati, già per la mostra Sicilië, pittura fiamminga e adesso per Rosalia eris in peste patrona, controcorrente. Abbiamo invertito la rotta. Il nostro è un metodo di lavoro più difficile, complesso ma di profonda trasformazione e risultati straordinari. Tanta fatica e altrettanta energia impegnata nella ricerca e nello studio ci hanno regalato una sorpresa: scoprire quanto la grandiosità delle opere attorno alla Santa e alla sua devozione non sia un fatto esclusivo della storia e delle tradizioni siciliane. Questa mostra ne sottolinea, dopo attente e dettagliate ricerche,infatti, quell’elemento che la vede travalicare i confini dell’Isola. Un miracolo, quello dalla liberazione dalla peste, compiuto nel capoluogo siciliano che fece il giro del mondo: colpiti dalla peste nel Seicento, alla Santa si affidarono cittadini di San Paolo del Brasile, di Caracas in Venezuela, di Monterey in California. Una popolarità che non ha mai avuto confini con un merito, più di altri artisti, che spetta ad Anton Van Dyck; contribuendo in questo modo a diffondere il culto di una Santa internazionale.  Quello per Santa Rosalia è un culto così radicato nel territorio che finisce con il conquistare una tale forza comunicativa capace, nei secoli, di delineare un tratto fortemente diffusivo. La Patrona di Palermo racchiude in se un alto valore simbolico, significativo e fondante di una certa religiosità che, andando oltre tradizione, valorizza la dimensione ascetica pur mantenendo, nello stesso tempo, un ruolo concreto nei confronti della cittadinanza. Riappropriarsi della figura di Santa Rosalia rappresenta un’urgenza  per stimolare la ricerca e la Fondazione Federico II se ne è intestata la paternità, anche delle radici storiche e culturali di Palazzo Reale”.

Patrizia Monterosso

Direttore Generale della Fondazione Federico II

Sergio-Alessandro

Una rigorosa e fedele ricostruzione storica

“Rosalia Sinibaldi, nobile fanciulla palermitana del XII secolo, dalle presunte origini normanne, divenuta nel Seicento patrona di Palermo, torna a rivivere nelle sale del Palazzo Reale, dimora della sua giovinezza, secondo la leggendaria biografia fra mito e storia. Alla Vergine eremita che salvò il capoluogo siciliano dalla peste è dedicata infatti la grande mostra, curata da Vincenzo Abbate, che sarà inaugurata il prossimo 4 settembre, nel giorno del diesnatalis della Santa, proprio nelle sale del Duca di Montalto del Palazzo dei Normanni. Preziosa sinergia fra il Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Siciliana e la Fondazione Federico II in questa iniziativa originale e inedita che restituisce al pubblico un percorso di lettura articolato e complesso volto a coniugare il passato e il presente in una molteplicità di registri espressivi. L’intento è quello di una rigorosa ricostruzione storica  allo scopo di ripercorrere, a partire dalla peste del Seicento, le tappe più significative di un culto plurisecolare che diviene simbolo della municipalità e della rinascita urbana ad opera dei gesuiti. La straordinaria efficacia simbolica della Santuzza palermitana è testimoniata dal vasto patrimonio figurativo di artisti come Pietro Novelli, Vincenzo La Barbera, Antoon Van Dyck che alla Santa dedicò, durante il suo soggiorno a Palermo,  un ciclo di opere oggi custodite alla Galleria Regionale di Palazzo Abatellis di Palermo, al Metropolitan Museum di New York, ad Anversa, a Vienna, al Museo di Portorico, ma anche come Luca Giordano i cui quadri sono esposti al Museo del Prado e Bartolomè Esteban Murillo al Museo Thyssen di Madrid, solo per citare alcuni fra i più importanti. Opere di provenienza non solo siciliana vengono presentate al pubblico nell’intento di far conoscere la straordinaria diffusione di Santa Rosalia, immortalata non soltanto nelle grandi opere figurative e scultoree, ma anche in un’infinita varietà di oggetti devozionali della vita quotidiana. Nell’anno in cui Palermo è proclamata capitale della cultura, questa mostra si pone come la riproposizione di un mito che si rinnova ogni anno con la sfilata del carro trionfale durante il Festino di Luglio e la grande processione religiosa delle reliquie nell’urna d’argento, nonché con l’acchianata al sacro Montepellegrino nel mese d settembre, configurandosi, in ultima analisi, come l’espressione più rappresentativa della memoria collettiva, quasi un totem dell’identità culturale di Palermo”.

Sergio Alessandro

Dirigente Generale del Dipartimento Beni Culturali e dell’Identità Siciliana

Oltre la dimensione ascetica il legame concreto con il popolo

“La devozione a Santa Rosalia racchiude in sé un carattere fortemente comunicativo e prova ne sono i tempi rapidi della sua canonizzazione e della sua acclamazione a Patrona di Palermo. Il riconoscimento quale santa protettrice della città spettò a Rosalia quasi di diritto, considerato il grave e luttuoso contesto storico nel quale la peste a più riprese decimò il popolo a partire dal 1624. Il merito è da ascrivere all’Arcivescovo genovese Giannettino Doria, che riuscì a stabilire uno stretto legame trail ritrovamento delle ossa femminili nella grotta sul Monte Pellegrino e l’esaurirsi dell’epidemia di peste nera a seguito della processione dell’urna con i resti mortali della Santuzza. Nel 1625 Rosalia venne proclamata patrona di Palermo dal Senato cittadino e per acclamazione popolare, divenendo subito il punto di riferimento per tutta la città e oscurando per sempre il ruolo delle quattro Sante antiche, copatrone fino a quel momento: Ninfa, Oliva, Agata e Cristina.

Nel 1630, grazie alla popolarità raggiunta della “Santuzza”, il Doria riuscì ad ottenere da Papa Urbano VIII, del quale il Cardinale era stato uno dei grandi elettori, l’inserimento di Rosalia nel Martirologio Romano, a definitiva conferma della conclamata santità della patrona.

La Santuzza assunse in seguito anche un ruolo strategico anche nell’ambito della politica spagnola: la Rosalia guerriera in aiuto al re cattolico fu utilizzata quale “instrumentum regni” per debellare ad esempio gli insorti Catalani. In breve tempo il culto alla santa divenne così radicato e di grande forza comunicativa da acquistare nei secoli un marcato tratto diffusivo. La Santa palermitana che vive nel contesto della città viene presa a modello come sostegno per liberare altri luoghi dalla peste. Ritroviamo nella devozione a Rosalia un valore simbolico molto forte, significativo e fondante di un tipo di religiosità che valorizza la dimensione ascetica che mantiene, al contempo, un legame concreto, umano, nei confronti del popolo. Palermo aveva già una lunga esperienza secolare del ruolo sociale delle donne di clausura sulla città. Nel Monastero di Santa Caterina d’Alessandria al Cassaro vivevano moniali di nobili casati che, nonostante la stretta clausura papale, esercitavano una grande influenza sulla vita politica e sociale della città. Giannettino Doria, riconoscendo il ruolo determinante che le monache domenicane avevano  assunto nella storia e nello sviluppo economico e sociale della città, nell’ambito della proclamazione di Rosalia quale patrona di Palermo, fece dono al monastero di una reliquia della santa, quasi a sigillare che la Santuzza, nobile donna, eremita, nuova patrona della città, dall’alto del Monte Pellegrino, sostituiva il ruolo che per secoli era appartenuto alle nobili monache di clausura del Monastero di Santa Caterina, sito accanto al palazzo di città. Nella diffusione della devozione alla Santuzza grande importanza ebbe anche la straordinaria produzione iconografica delle immagini dipinte, incise, scolpite della santa a partire dal 1624. La mostra “Rosalia eris in peste patrona”, frutto della collaborazione dell’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Palermo con l’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, la Direzione della Fondazione Federico II e la Soprintendenza di Palermo, costituisce un’operazione di grande intuito e spessore culturale, espressione di nuovo modo di intendere la promozione e la fruizione del patrimonio culturale. La Santuzza scende dal monte Pellegrino e torna al Palazzo Reale, in quella che, stando ai racconti storici e agiografici, di Rosalia Sinibaldi fu la sua prima dimora. Ritengo costituisca un valore aggiunto il fatto che gli Enti pubblici, in modo coraggioso, abbiano scelto di non allestire una facile mostra alla moda, creando concorrenza con strutture private, ma abbiano investito risorse umane e economiche per far conoscere al mondo quello che questa terra possiede e nel farlo abbiano operato in sinergia tra tutte le realtà istituzionali”.

Padre Giuseppe Bucaro

Direttore Beni Culturali Arcidiocesi di Palermo

L’arte per cogliere il profondo legame che Palermo ha con la sua Patrona

“Il culto di S. Rosalia a Palermo affonda le sue radici in un particolare rapporto di devozione e amore con la propria Patrona, frutto di una fede semplice: per secoli, la città aveva cercato una santa che incarnasse nella propria storia un umanesimo cristiano popolare, umile, generoso, senza però riuscire a trovarla. All’inizio del ‘600 si contavano a Palermo sei santi patroni,Ninfa, Fabiano e Sebastiano, Agata, Cristina e Rocco che, pur avendo avuto in diverse occasioni un ruolo importante nella devozione cittadina, non erano però riusciti ad entrare nel cuore degli abitanti. Anche nel 1624 la città, afflitta dall’ennesimo contagio di peste, si rivolge ai suoi patroni con una grande processione per chiedere la liberazione dall’epidemia ma senza successo e, proprio durante il corteo, il 15 luglio, padre Pietro Garofalo narra che dal popolo si leva l’invocazione a Santa Rosalia e lui stesso, senza sapere che su Monte Pellegrino erano statetrovate le sue ossa, segue una «interna ispirazione» a invocarla. Alcuni giorni dopo viene fatta sfilare l’immagine di S. Rosalia e la peste cessa del tutto in città e già l’anno successivo viene celebrata la prima grande festa in suo onore. Il culto di S. Rosalia nasce dunque dal sensus fidei del popolo palermitano che, riconoscendo per intuito della fede la sua santità, la invoca nella prova, nella certezza che i Santi «sono i veri portatori di luce all’interno della storia, perché sono uomini e donne di fede, di speranza e di amore» (Deus Caritas est, 40). É il sensus fidei, cioè la personale attitudine che i credenti posseggonoall’interno della comunione ecclesialedi discernere la verità della fede, che ha permesso di creare immediatamente un legame tra la santa e i palermitani, frutto non di astratte speculazioni teologiche ma di autentica pietà popolare che «manifesta una sete di Dio che solo i semplici e i poveri possono conoscere» (Evangeliinuntiandi, 48). Proprio questo legame con la pietà popolare ha consentito alla nostra città di inculturare il Vangelo nella quotidianità, in una realtà dinamica costantemente ricreata dal popolo e trasmessa di generazione in generazione. Come ci ricorda Papa Francesco: «Ciascuna porzione del Popolo di Dio, traducendo nella propria vita il dono di Dio secondo il proprio genio, offre testimonianza alla fede ricevuta e la arricchisce con nuove espressioni che sono eloquenti. Si può dire che “il popolo evangelizza continuamente sé stesso”. Qui riveste importanza la pietà popolare, autentica espressione dell’azione missionaria spontanea del Popolo di Dio. Si tratta di una realtà in permanente sviluppo, dove lo Spirito Santo è il protagonista» (Evangelii Gaudium, 122). L’acchianata al monte Pellegrino, così sentita e partecipata ogni anno, è espressione eloquente di questa fede del cuore, capace di affidarsi con semplicità e autenticità al Signore che tutti accoglie, ma anche testimonianza di fede che diventa annuncio missionario in un mondo che sembra sempre più distante e distratto. Nel cammino verso il Santuario ogni fedele fa esperienza della nostra vita cristiana fatta di realtà accidentate, prove e fatiche da superare ma anche di condivisione, testimonianza, fraternità e certezza della meta da raggiungere. All’arrivo, la grottapermette al pellegrino di percepire e fare propria la forza della preghiera fiduciosa in Dio capace di sconfiggere il male riuscendo a illuminare anche le oscure profondità della terra. I tanti ex voto presenti nel Santuario sono l’attestazione di come il Signore non si stanca di ascoltare la preghiera fiduciosa dei suoifedeli e per l’intercessione di Santa Rosalia continua a compiere segni e prodigi in mezzo al suo popolo liberandolo dal male in una rinnovata esperienza pasquale. In questo modo tutti i cristiani «sono resi capaci di comprendere, vivere e annunciare le verità della rivelazione divina» (Lumen Gentium, 35). L’iconografia, che per secoli ha continuato ad alimentare e fare vivere questa fede del popolo e che trova mirabile sintesi nella presente mostra, ci aiuta a cogliere il profondo legame che Palermo ha con la sua Patrona, ma soprattutto ci offre una preziosa occasione volta a riscoprire la nostra fede non solo nella sua dimensione personale ma soprattutto nella sua dimensione ecclesiale e comunitaria. In questo senso la dimensione popolare della fede diventa espressione della sua cattolicità, capace di superare i conflitti attraverso una cultura dell’incontro e della solidarietà che non elimina le differenze ma le armonizza. Possa la nostra amata Città essere ancora arricchita e sostenuta dalla feconda fede del suo popolo”.

Corrado Lorefice

Arcivescovo Metropolita di Palermo

L’immagine della Santa e un vivace dibattito sulla sua iconografia

“La narrazione artistica su Santa Rosalia e il suo culto non poteva non includere alcune considerazioni sulla peste e sulle cause che decimarono intere popolazioni dell’Europa. Abbiamo, prima di tutto, scelto di farlo attraverso i trattati dell’epoca e le angoscianti immagini di morte o delle partecipate processioni penitenziali, per come ci sono state tramandate dalla pittura devota del Cinque e del Seicento, in quelle pale d’altare, veri e propri ex-voto realizzati per la sospirata grazia ottenuta tramite i Santi tutelari. La mostra si sviluppa lungo un percorso che partendo da opere in scultura e pittura a testimonianza concreta del vasto culto tributato ancora nel Cinquecento ai Santi taumaturghi canonici contro la peste arriva negli anni venti del Seicento a Rosalia. Sarà, proprio, Rosalia Sinibaldi che per divina volontà fu proclamata unica salvatrice grazie all’accorata sua intercessione presso il Trono celeste che, stando alla bella invenzione di Pietro Novelli, il più grande pittore siciliano del Seicento, nella  bella pala dedicatoria di Castiglione delle Stiviere le concederà ufficialmente il titolo: ERIS IN PESTE PATRONA. Un discorso sulla peste non poteva prescindere dalla presenza in mostra di opere significative, utili a far entrare il visitatore nel vivo di particolari situazioni ed eventi di quegli anni terribili: come la veduta della Cala, l’antico porto per antonomasia della città, da sempre primo e immediato luogo di attecchimento del contagio per l’approdo continuo di galere, galeotte e tartane, spesso infette, di svariata provenienza; ma anche un’affollata processione penitenziale per impetrare definitivamente la grazia divina (e la scelta non poteva non cadere su quella raffigurata nella tavola ex-voto di Simone di Wobreck, tenutasi la notte del 29 luglio 1576 con la partecipazione del Duca di Terranova, Presidente del Regno, dei dignitari, del clero e di tutte le confraternite laicali al seguito del venerato Crocifisso della Cattedrale); e ancora una grande croce processionale, la Croce che di norma nei momenti di sentita contrizione e pentimento dai peccati diventa simbolo e faro inequivocabile di salvezza e redenzione. Questa mostra, inoltre, vanta, per la prima volta, della presenza della grande croce astile di Livo (Como), capolavoro dell’argenteria palermitana del Cinquecento, commissionata al locale consolato cittadino degli argentieri dalla fiorente e ricca comunità lombarda dell’Alto Lario residente in città. L’immagine di Santa Rosalia, nei primordi proprio perché concernente la nuova Patrona unica della città metropoli, si contraddistingue da un vivace dibattito sulla sua iconografia, certamente di  non facile soluzione, se di semplice romita e anacoreta vestita di rude saio, come andavano sostenendo i movimenti pauperistici francescani, o di monaca dal nobile aspetto sotto la regola rigida di un ordine claustrale, come pretesero soprattutto Gesuiti e Benedettini sulla traccia di antiche raffigurazioni esistenti in loro illustri monasteri cittadini di clausura”.

Vincenzo Abbate

Storico dell’arte e museologo

santarosalia_x

In mostra esemplari pittorici e plastici di altissimo rilievo

“La Mostra rende omaggio alla veneratissima Santa patrona della città di Palermo, la cosiddetta Santuzza, ripercorrendo, attraverso oltremodo preziose testimonianze artistiche, una fase storica cruciale della città, quando già sul finire del Cinquecento la popolazione veniva periodicamente decimata da devastanti epidemie di peste. La prima già nel 1575, a cui seguirono anni di carestie e siccità in cui i palermitani inermi cercavano conforto e  protezione nei tradizionali santi protettori, le Sante cinque Vergini Palermitane, i Santi Rocco e Sebastiano cui subito si aggiunse negli stessi anni anche San Carlo Borromeo, grazie al culto introdotto in città dalla ricca Nazione mercantile dei Lombardi. I visitatori sono accolti in mostra proprio da esemplari pittorici e plastici di rilievo recanti note raffigurazioni dei cosiddetti “Santi della peste”, insieme ala presenza inedita di una croce argentea della fine del Cinquecento impreziosita da smalti proveniente da Livo, nel comasco terra d’origine di una folta comunità di lombardi trapiantati a  Palermo che la commissionarono ad abili maestranze locali. Nel 1624, allo scoppio di una pestilenza ancor più devastante, il ritrovamento dei sacri resti sul Monte Pellegrino di Rosalia, giovane nobildonna vissuta in età normanna, e la contemporanea immediata cessazione del morbo, fanno sì che a lei vengano riconosciuti speciali poteri taumaturgici, da farla acclamare quasi subito unica patrona della città.

Il trionfo del culto impone subito scelte precise sull’iconografia della Santa, cui darà contributo particolare Anton Van Dyck, il grande pittore fiammingo chiamato a Palermo in quei tristi frangenti dal vicerè Emanuele Filiberto di Savoia,  codificando solennemente l’immagine della santa nella rinomata pala eseguita per l’altare dell’ Oratorio del Rosario in San Domenico.

La mostra quindi si snoda attraverso un coerente percorso segnato da significative opere, soprattutto pale d’altare, specificatamente richieste a rinomati pittori, quali oltre Anton Van Dyck, Vincenzo La Barbera e il monrealese Pietro Novelli, artista quest’ultimo che contribuirà maggiormente alla diffusione del culto della Santa anche fuori dall’isola. Autografe del Novelli sono infatti presenti in Sicilia per la prima volta due imponenti pale d’altare, provenienti una da Livo, l’altra da Castiglione delle Stiviere nel mantovano dove si riscontra, pur con le dovute differenze, la medesima iconografia della Santa intercedente presso la Trinità. Documentano parimenti la fervida devozione rivolta alla Santa le magniloquenti tele del calabrese Mattia Preti provenienti dal Museo di Capodimonte e da Malta, anch’esse per la prima volta esposte in Sicilia. Nello specifico due importanti bozzetti preparatori per affreschi che dovevano decorare le porte di accesso alla città di Napoli, presentano, in un’ambientazione naturalistica di grande impatto, la santa palermitana insieme a Gennaro ed altri santi, invocati dai cittadini napoletani per la peste che afflisse la città  nel 1656, insieme alla rinomata pala della cosiddetta Madonna di Costantinopoli, originariamente collocata nella chiesa partenopea di sant’Agostino degli Scalzi. La Santa Rosalia in abiti francescani custodita presso la chiesa gesuitica di Sarria a Malta databile ai anni Settanta del XVII secolo, parte di un ciclo di dipinti presenti nella medesima chiesa dedicati ai santi protettori della peste, documenta pregevolmente l’abilità esecutiva del Cavalier calabrese, lungamente residente a Malta fino al termine dei suoi giorni. Concluderà il percorso un’importante tela, verosimilmente proveniente dalla Sicilia e mai esposta a Palermo, custodita presso la Fondazione del Duca d’Alba a Siviglia, raffigurante una solenne e articolata processione con l’urna della santa Patrona, attraverso una veduta a volo d’uccello da cui si evincono l’impianto urbano e le varie emergenze monumentali della città, tra lo scadere del  Seicento e i primi anni del secolo successivo”.

Maddalena De Luca

Servizio Valorizzazione del Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana

Le opere rafforzano il legame tra la figura della giovane santa e l’ambiente naturale

“L’immagine di Santa Rosalia elaborata dai pittori del naturalismo secentesco mostra spesso caratteri peculiari che si individuano nelle fattezze quasi adolescenziali della santa patrona, animate, almeno per quel che riguarda la pittura da un morbido chiaroscuro che si concentra morbidamente sul collo e sul volto estatico e che la luce diversifica in modi estremamente naturali. Queste caratteristiche che rendono al contempo estremamente schietta, umana e quasi quotidiana l’immagine della Santa si riscontrano anche nelle opere plastiche, tra le quali spicca la raffinata statua reliquiaria in argento proveniente dalla chiesa Madre di Caccamo.
Ed ancora, come non ricordare che l’immagine di santa Rosalia appare correlata ad alcuni luoghi simbolo della città di Palermo: il centro urbano cinto da mura con tutt’intorno la rigogliosa natura della Conca d’oro e dall’altro il Monte Pellegrino, quasi un simbolo della città a cui proprio la presenza di santa Rosalia attribuisce uno straordinario valore religioso. Qui Rosalia visse e qui furono ritrovati i suoi miracolosi resti mortali; così al sacro monte, nelle espressioni pittoriche in mostra rivolge l’attenzione la santa protettrice invocando la protezione e la benevolenza divina a favore dell’intera città. Da quanto sopra esposto si evince come le opere d’arte elaborate dai grandi pittori del Seicento e selezionate per la mostra rendono pregnante e vivido la correlazione tra la figura della giovane santa e l’ambiente naturale”.

Gaetano Bongiovanni

Funzionario della Soprintendenza Beni Culturali di Palermo e storico dell’arte

TOURIST ENTRANCE FROM PIAZZA DEL PARLAMENTO

MONUMENTAL COMPLEX OF THE ROYAL PALACE AND THE PALATINE CHAPEL

The monumental visit offer is enriched by a visit to the Royal Gardens for a cost of 2 euros. The visitors of the Monumental Complex can choose to add it to the tourist route.

 On Tuesday, Wednesday and Thursday the Royal Apartments are closed to the public due to parliamentary activities, while the Palatine Chapel remains open, except during religious services. The early closures are specified month by month on this website.

From Wednesday, September 5th, with the new entrance from Piazza del Parlamento, the offer is enriched by the exhibition, set up in the Duke of Montalto Halls, “ROSALIA, eris in pestepatrona”. The exhibition presents, for the first time, thirty-eight works of art, among the most important, dedicates a Santa Rosalia, patron of the city of Palermo.

 TICKETS COST

Entrance exhibition

only Full price € 6.00

Concessions – Teenagers from 14 to 17 years of age € 3.00

– Students on a field trip € 1.00

Entrance to the Royal Gardens only Every day € 2.00

Entrance to the exhibition, the Palatine Chapel and the Royal Apartments

From Friday to Monday and holidays and when the Royal Apartments are open to visitors

Full price € 12.00 Concessions € 10.00

Entrance to the exhibition and the Palatine Chapel

From Tuesday to Thursday and when the Royal Apartments are closed to visitors

Full price € 10.00 Concessions € 8.00

Professors and students between the ages of 18 and 25 years are entitled to concessions.

EVERY DAY CONCESSIONS

Seniors of 65 years of age or older € 8.00

Teenagers from 14 to 17 years of age € 4.00

Students on a field trip € 2.00

You can make a reservation for a visit to the exhibition and to the Monumental Complex by sending an email to fondazione@federicosecondo.org (info +39 091 6262833).

FREE TICKETS

Teachers accompanying students on a field trip Children and teenagers up to 13 years of age, if accompanied by adults and not on a field trip

Professors and students pursuing degrees in historical, artistic and literary fields

Journalists,

ICOM members and employees of the Regional Department of Cultural Heritage

People affected by disabilities and an accompanying person when established.

All conditions relating to discounts and free entries are guaranteed to all citizens of European Union countries and those of countries outside the European Union with which a reciprocity agreement is established. No reductions on the cumulative tickets are made.

FRUITION OF THE ROYAL PALACE FOR PEOPLE AFFECTED BY DISABILITIES

In order to ensure a better welcome and accompaniment  service(always guaranteed) to people affected by disabilities in wheelchairs, please kindly communicate, also by mail, the day and time of the visit. BOOKING SERVICE

For more information on group tours and school groups or private visits, please write an email to the following address fondazione@federicosecondo.org; or contact the offices of via Nicolò Garzilli at number 091/6262833 – reference Mr. Claudio Picciurro.

Videoguides

At the bookshop it is possible to rent the videoguide, an IPOD touch, which illustrates the itinerary with photos and texts in Italian, English, French, German, Spanish and Russian.

THE EXHIBITION


The exhibition, promoted by the Fondazione Federico II and the assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana (regional council for the Cultural Heritage and the Sicilian Identity), offers a meaningful selection of important Flemish paintings from public and private Sicilian collections. The prestigious heritage gathered here can be framed in a vast chronologic arch, ranging from the late XV century to the XVII century. The route of the exhibition is articulated according to  two strongly intertwined themes: on one hand, the artwork arrived in Sicily through several paths of artistic patronage and collecting; on the other, artists of Flemish and Dutch origins who had been active and completely integrated in the Sicilian historical and social fabric since the central years of the XVI century.

The exhibition has a notable protagonist, an artwork that reveals itself to the public after a silence lasted 32 years: Saint Catherine of Egyptian Alexandria. The martyr is represented on an oak panel (XXI – XXVIII), and was part, together with the panel representing Saint Roch, of a devotional triptych. The author is a Flemish painter, unknown for an obvious reason: the central part of the triptych has been lost and it is therefore impossible to be certain of the artist. Among the artworks exhibited it is remarkable the most famous work of Jean Gossart, also known as Mabuse, which is the Malvagna triptych, a miniature depicting a Madonna with Child and angels, Saint  Catherine of Alexandria and Saint Dorothea, while on the back of the panel the coat of arms of the Lanza family can be seen; the Deposition by Jan Provoost, instead, emblematically represents one of the most significant examples of the transition from Gothic to Renaissance in the Netherlands; while from the Chiaramonte Bordonaro collection the Madonna with Child is going to be shown, by Anton van Dyck, Rubens’ apprentice, who in this artwork consolidates the emancipation from his master; another work by Van Dyck is the Crucifixion (private collection Palazzo Alliata di Villafranca) where the genre he created is presented, as an evolution and a personal elaboration of Rubens’ manner, and has obtained, since the beginning, a great success thanks to that combination of dramatic verisimilitude that depicted Christ in the exact moment of death; of high artistic value is also the Circumcision of Simone de Wobreck, an oil on wood where the typical late mannerist pathetic and devotional inclinations can be seen, as well as the predominance of decoration of the composition scheme; no less significant is the presence of Dutch  Mattia Stomer with the work The death of Cato, characterized by a voluminous plasticity of the flesh and a strong chromatic impasto.

This type of painting offered a novel figurative notion according to which the minute and lenticular descriptivism of figures, environments and landscapes coordinates with a  particular expressive use of color. Since the third decade of the XVI century, Flemish artists encountered the Italian Renaissance and the first mannerist painters, maturing a new composition research of great balance, typical of the paint workshops of Antwerp. Since the early XVII century, the new wave of naturalism inspired by Caravaggio marks a new centrality of Flemish and Duch paintings, in Sicily as well, with van Dyck, Honthorst, Stom e Houbraken.

March 23rd, 2018. After thirty-two years of oblivion, a Flemish artwork has been unveiled in Palermo, depicting Saint Catherine of Alexandria, the Martyr that converted all but her persecutor. The unveiling, organized by the Fondazione Federico II and the Assessorato ai Beni Culturali (Council for the Cultural Heritage), was held in an almost surreal atmosphere in the Monastery that bears the same name as the Saint, in the presence of several military, civilian and diplomatic authorities, among which were the representatives of the Belgian Embassy in Italy.

Santa Caterina

After listening to the Voci Bianche of the Conservatorio di Palermo (Boy Choir of the Palermo Conservatory), silence filled the Church, then the unveiling and the sound of bells to “Welcome back Catherine”. Until today it had been safeguarded in the Convent of the Friars Minor Capuchin in Palermo, from the Church of Saint Jacob, annexed to the convent of the same order, in Bivona.The art work (end of the XV century- beginning of the XVI century, oil on wood, 53,8 x15,3) is a panel, the right door of a dismembered triptych, and has been attributed to the so-called Master of the Legend of Saint Lucy, artist active in Bruges, close to the style of Hans Memling and Gerard David. After the event, “Saint Catherine” has been immediately transferred, with the aid of important security measurements, to the Royal Palace, where it is going to be the protagonist of the exhibition “Sicilië, pittura fiamminga” (“Sicilië, Flemish painting”), which unites for the first time Flemish artworks from public and private Sicilian collections. The exhibition is going to be held in the renewed Halls Duke of Montalto and opens to the public with the inauguration of March 27th at 6 p.m. to continue until May 28th. The Saint depicted, Catherine, is the daughter of aristocrats form Egyptian Alexandria, alive at the time of emperor Maximinus, here represented at her feet. Sentenced to martyrdom with a spiked breaking wheel, she was eventually decapitated with a sword, one of her iconographic attributes.

March 23rd, 2018. After thirty-two years of oblivion, a Flemish artwork has been unveiled in Palermo, depicting Saint Catherine of Alexandria, the Martyr that converted all but her persecutor. The unveiling, organized by the Fondazione Federico II and the Assessorato ai Beni Culturali (Council for the Cultural Heritage), was held in an almost surreal atmosphere in the Monastery that bears the same name as the Saint, in the presence of several military, civilian and diplomatic authorities, among which were the representatives of the Belgian Embassy in Italy. After listening to the Voci Bianche of the Conservatorio di Palermo (Boy Choir of the Palermo Conservatory), silence filled the Church, then the unveiling and the sound of bells to “Welcome back Catherine”. Until today it had been safeguarded in the Convent of the Friars Minor Capuchin in Palermo, from the Church of Saint Jacob, annexed to the convent of the same order, in Bivona.

The art work (end of the XV century- beginning of the XVI century, oil on wood, 53,8 x15,3) is a panel, the right door of a dismembered triptych, and has been attributed to the so-called Master of the Legend of Saint Lucy, artist active in Bruges, close to the style of Hans Memling and Gerard David. After the event, “Saint Catherine” has been immediately transferred, with the aid of important security measurements, to the Royal Palace, where it is going to be the protagonist of the exhibition “Sicilië, pittura fiamminga” (“Sicilië, Flemish painting”), which unites for the first time Flemish artworks from public and private Sicilian collections. The exhibition is going to be held in the renewed Halls Duke of Montalto and opens to the public with the inauguration of March 27th at 6 p.m. to continue until May 28th. The Saint depicted, Catherine, is the daughter of aristocrats form Egyptian Alexandria, alive at the time of emperor Maximinus, here represented at her feet. Sentenced to martyrdom with a spiked breaking wheel, she was eventually decapitated with a sword, one of her iconographic attributes.

The Location


totale-cappella

The Royal Palace (Palazzo dei Normanni) is situated in Palermo, and it is the most ancient Royal residence in Europe. Still visible in the dungeons, the remains of the first Punic settlements, but the first structure dates back to the arab domination in the IX century.

The Normans later transformed the Castle into the center of their monarchy and built four towers, connected with porches and gardens. Thanks to Roger II, a magnificent chapel was built inside the palace, the “Palatine Chapel”, dedicated to Saint Peter and Saint Paul and consecrated in 1140. The complex was originally connected to the Cathedral through a covered path. In 1556, after the demolition the towers and the reconstruction of the great façade, it became the residence of the Spanish Viceroys.

The manor was built on two stories: ground floor and noble floor; adjacent to the main building and accessible through designated openings was the chapel; this was decorated with painted architectures created in 1762.

After the Unification of Italy, it became part of the estate of the Military and, with the occasion the national exhibition of 1891 – 1892 the furniture in the royal apartments was renovated. In 1919 the possibility of using the Palace as the location for the academies of the building was proposed by Architect Corrado Anselmi. The exhibition spaces are dedicated to the conservation and presentation to the public of the painting collections and of a selection of graphic artworks.

In the ‘30s of the ‘900, some restorations were made by superintendent to monuments Francesco Valenti, then continued by Mario Guiotto, bringing back some of the Norman structures. Only in 1947 it was named Palazzo dei Normanni (Palace of the Normans) and the associations located there were transferred elsewhere.

The latest restorations took place in 2002, following the damages due to the earthquake. Today the Palace has an important directorial function, as it is the location of the Assemblea Regionale Siciliana (Sicilian Regional Council), but it is also the headquarter of the Astronomic Observatory of Palermo.

palazzoreale2

Gallery


Sicily and the Flanders have ancient cultural ties that were fundamental to develop strong relations with the Flemish maritime cities, determining the migration of artisans that moved from the Flanders and Holland to Sicily. The exhibition “Sicilië, pittura fiamminga” (“Sicilië, Flemish painting”) intends to pay homage to this cultural trait d’union between the Mediterranean and the North Sea, uniting for the first time the Flemish painting from public and private Sicilian collections.

Flemish and Dutch artists contribute, therefore, in a meaningful way to Sicilian civilization, fully taking part to the public life and tradition of Sicily, in the period between the XV and XVII century. The choice to present these masters through thematic routes is particularly successful. The invaluable  “Malvagna Triptich” by Jan Gossaert, the “Deposizione” by Jan Provoost , the “Madonna with Child” by Anton van Dyck, the “Saint Catherine of Alexandria” kept in Palermo (art work of Flemish workshops, unveiled for the first time) and many other masterpieces, draw a fil rouge which recalls the artwork by Pieter Paul Rubens inspired by Caravaggio, who is also connected to our Island.

A tribute, thus, to the history, at the same time Northern and Mediterranean, of our Island, offered together, with the occasion of the year of Palermo as Capital of Culture, by the Fondazione Federico II, the Sicilian Parliament, the assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana (regional council for the Cultural Heritage and the Sicilian Identity) and the Embassy of the Kingdom of Belgium in Italy. The monumental complex of the Royal Palace, location of the regionale siciliana (Sicilian Regional Council) and UNESCO site, offers once more a testament of the value of that multifaceted and polycentric civilization of which our island has been notable and original incubator.

Gianfranco Miccichè

President of the Assemblea Regionale Siciliana (Sicilian Regional Council) and of the Fondazione Federico II

monterosso

“With this exhibition, the Fondazione Federico II officially changes course, adopts a new work method; the vivid and tight collaboration with great the professionals of Culture, private and public, with the assessorato regionale ai Beni Culturali (regional council for the Cultural Heritage) with the objective of offering the best of Sicily and which concludes this expository excursus with  the Patron Saint of the city, Saint Rosalia, for Palermo Capital of Culture. Many are the studies and researches on the relationship between Flemish and Italian painters of cities like Rome, Genoa, Venice and Naples. However, still too little is known of the artistically florid and intense tie with Sicilian artists. This exhibition is meant to pay homage to the innumerable traces left on this Island by the relations between Flemish and Sicilian painters. It is an irrefutable fact that the Flemish masters travelled to all of Italy, including Sicily, to admire and study the great artists of the Renaissance and Mannerism. The exhibition is a tribute to the history of Sicily, capable of dialogue with Northern Europe. This land has demonstrated, once more, its ability to offer a propulsive drive to the multifaceted cultural, artistic and economic landscape of Italy. A determining characteristic to attract all those who have been great masters of Flemish painting. And it is this magnificence, this greatness that we recount in “Sicilië, pittura fiamminga” (“Sicilië, Flemish painting”).”

Patrizia Monterosso

Director of the Fondazione Federico II

volpes

“Sicily deserves love and I have much of it for the Cultural Heritage. I have had the privilege to work in a wonderful field such as the Cultural Heritage administration and to love it as a son. We have carefully worked to catalog the Flemish artworks hosted by museums, Foundations, Churches, Oratories and privates. The following step was to explain to all the subjects to whom these artworks are entrusted the importance and the value of this exhibition dedicated to Flemish art, to the traces left in Sicily by Flemish painters. Art unites all the artists, from Antonello to van Dyck, and this exhibition is evidence that the assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana (regional council for the Cultural Heritage and the Sicilian Identity) and the Region collaborate with the municipality. For the first time we witness a collaboration among three institutions that goes beyond any political appearance. In this bridge of culture ranging from the XV to the XVII century an exhibition of artworks belonging only to Sicily is an unicum in the whole country and shows an invaluable and endless treasure which will necessarily have to open a new phase of management of the treasure of the Cultural Heritage in which economy and art live together. And the reasons for which Sicily has a growing economy are tied, precisely, to art and tourism. In the year of Palermo Capital of Culture, this exhibition represents our crown jewel.”

Marilena Volpes

General director regional department of the Cultural Heritage

INFORMATION


Timetable
Monday/Saturday 8.15 a.m. to 5.40 p.m.
(last ticket 5.00 p.m.)
 Sundays/Holidays 8.15 a.m. to 1.00 p.m.
(last ticket 12.15 a.m.)

TICKET PRICE

Only Exhibition
full fare € 6,00

Reduced
Teenagers: 14/17 years € 3,00
Students in school visit € 1,00

Exhibition, Palatine Chapel and Royal Apartments
from Friday to Monday and holidays when Royal Apartments are open
full fare € 12,00 – reduced € 10,00

Exhibition and Palatine Chapel from Friday to Monday
when the Royal Apartments are closed
full fare € 10,00 – reduced € 8,00

Teachers and young people aged between 18 and 25 years are entitled to reduced ticket.

Reduced Ticket Price everyday

Seniors (>) 65 years € 8,00
Teenagers: 14/17 years € 4,00
Students in school visit € 2,00

It is possible to make a RESERVATION for the exhibition visit and Monumental Complex sending an email to fondazione@federicosecondo.org
(info +39 091 6262833)

courtesy translation Elettra La Duca

La Mostra


The exhibition, promoted by the Fondazione Federico II and the assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana (regional council for the Cultural Heritage and the Sicilian Identity), offers a meaningful selection of important Flemish paintings from public and private Sicilian collections. The prestigious heritage gathered here can be framed in a vast chronologic arch, ranging from the late XV century to the XVII century. The route of the exhibition is articulated according to  two strongly intertwined themes: on one hand, the artwork arrived in Sicily through several paths of artistic patronage and collecting; on the other, artists of Flemish and Dutch origins who had been active and completely integrated in the Sicilian historical and social fabric since the central years of the XVI century.
The exhibition has a notable protagonist, an artwork that reveals itself to the public after a silence lasted 32 years: Saint Catherine of Egyptian Alexandria. The martyr is represented on an oak panel (XXI – XXVIII), and was part, together with the panel representing Saint Roch, of a devotional triptych. The author is a Flemish painter, unknown for an obvious reason: the central part of the triptych has been lost and it is therefore impossible to be certain of the artist.
Among the artworks exhibited it is remarkable the most famous work of Jean Gossart, also known as Mabuse, which is the Malvagna triptych, a miniature depicting a Madonna with Child and angels, Saint Catherine of Alexandria and Saint Dorothea, while on the back of the panel the coat of arms of the Lanza family can be seen; the Deposition by Jan Provoost, instead, emblematically represents one of the most significant examples of the transition from Gothic to Renaissance in the Netherlands; while from the Chiaramonte Bordonaro collection the Madonna with Child is going to be shown, by Anton van Dyck, Rubens’ apprentice, who in this artwork consolidates the emancipation from his master; another work by Van Dyck is the Crucifixion (private collection Palazzo Alliata di Villafranca) where the genre he created is presented, as an evolution and a personal elaboration of Rubens’ manner, and has obtained, since the beginning, a great success thanks to that combination of dramatic verisimilitude that depicted Christ in the exact moment of death; of high artistic value is also the Circumcision of Simone de Wobreck, an oil on wood where the typical late mannerist pathetic and devotional inclinations can be seen, as well as the predominance of decoration of the composition scheme; no less significant is the presence of Dutch Mattia Stomer with the work The death of Cato, characterized by a voluminous plasticity of the flesh and a strong chromatic impasto.
This type of painting offered a novel figurative notion according to which the minute and lenticular descriptivism of figures, environments and landscapes coordinates with a particular expressive use of color. Since the third decade of the XVI century, Flemish artists encountered the Italian Renaissance and the first mannerist painters, maturing a new composition research of great balance, typical of the paint workshops of Antwerp. Since the early XVII century, the new wave of naturalism inspired by Caravaggio marks a new centrality of Flemish and Duch paintings, in Sicily as well, with van Dyck, Honthorst, Stom e Houbraken.

March 23 rd , 2018. After thirty-two years of oblivion, a Flemish artwork has been unveiled in Palermo, depicting Saint Catherine of Alexandria, the Martyr that converted all but her persecutor. The unveiling, organized by the Fondazione Federico II and the Assessorato ai Beni Culturali (Council for the Cultural Heritage), was held in an almost surreal atmosphere in the Monastery that bears the same name as the Saint, in the presence of several military, civilian and diplomatic authorities, among which were the representatives of the Belgian Embassy in Italy.

Santa Caterina

After listening to the Voci Bianche of the Conservatorio di Palermo (Boy Choir of the Palermo Conservatory), silence filled the Church, then the unveiling and the sound of bells to “Welcome back Catherine”.
Until today it had been safeguarded in the Convent of the Friars Minor Capuchin in Palermo, from the Church of Saint Jacob, annexed to the convent of the same order, in Bivona.The art work (end of the XV century- beginning of the XVI century, oil on wood, 53,8 x15,3) is a panel, the right door of a dismembered triptych, and has been attributed to the so-called Master of the Legend of Saint Lucy, artist active in Bruges, close to the style of Hans Memling and Gerard David. After the event, “Saint Catherine” has been immediately transferred, with the aid of important security measurements, to the Royal Palace, where it is going to be the protagonist of the exhibition “Sicilië, pittura fiamminga” (“Sicilië, Flemish painting”), which unites for the first time Flemish artworks from public and private Sicilian collections. The exhibition is going to be held in the renewed Halls Duke of Montalto and opens to the public with the inauguration of March 27 th at 6 p.m. to continue until May 28 th. The Saint depicted, Catherine, is the daughter of aristocrats form Egyptian Alexandria, alive at the time of emperor Maximinus, here represented at her feet.
Sentenced to martyrdom with a spiked breaking wheel, she was eventually decapitated with a sword, one of her iconographic attributes.

23 marzo 2018. Dopo trentadue anni di oblio, è stata svelata a Palermo un’opera fiamminga che ritrae Santa Caterina d’Alessandria, la Martire che convertì tutti ma non il suo aguzzino. Lo svelamento, organizzato dalla Fondazione Federico II e dall’Assessorato ai Beni Culturali, si è tenuto in un’atmosfera quasi surreale presso il Monastero che porta il nome della stessa Santa, alla presenza di numerose autorità militari, civili e diplomatiche, tra i quali una rappresentanza dell’Ambasciata Belga in Italia. Dopo aver ascoltato le Voci Bianche del Conservatorio di Palermo, all’interno della Chiesa è calato il silenzio, poi lo svelamento e il suono delle campane per dare il “Bentornato a Caterina”. Fino ad oggi è stata custodita al Convento dei Frati Cappuccini di Palermo, proveniente dalla Chiesa di San Giacomo, annessa al convento del medesimo ordine, a Bivona.

L’opera (fine del secolo XV- inizi del secolo XVI, olio su tavola, 53,8 x15,3) è una tavoletta, sportello destro di un trittico smembrato, ed è stata riferita al cosiddetto Maestro della Leggenda di Santa Lucia, artista attivo a Bruges, vicino ai modi di Hans Memling e Gerard David.Dopo l’evento, la “Santa Caterina” è stata immediatamente trasferita, con l’utilizzo di importanti misure di sicurezza, a Palazzo Reale dove sarà protagonista della mostra “Sicilië, pittura fiamminga”, che raccoglie per la prima volta le opere fiamminghe presenti in collezioni pubbliche e private siciliane. La mostra sarà allestita nelle rinnovate Sale Duca di Montalto e apre al pubblico con l’inaugurazione il 27 marzo alle 18 per proseguire fino al 28 maggio. La Santa raffigurata, Caterina, è figlia di aristocratici e originaria di Alessandria d’Egitto, vissuta al tempo dell’imperatore Massimino, qui ritratto ai suoi piedi. Condannata al martirio attraverso una ruota dentata, fu infine decapitata con una spada anch’essa attributo iconografico.

LA SEDE


totale-cappella

Il Palazzo Reale o dei Normanni si trova a Palermo, ed è la più antica residenza Reale d’Europa. Ancora visibili, nei sotterranei visitabili, i resti dei primi insediamenti punici, ma la prima parte costruita risale alla dominazione araba nel IX secolo.

I Normanni in seguito trasformarono il Castello nel centro nevralgico della loro monarchia e realizzarono quattro torri collegate tra loro da portici e giardini. Si deve a Ruggero II la costruzione di una magnifica cappella interna al palazzo, la “Cappella Palatina”, dedicata ai santi Pietro e Paolo e consacrata nel 1140. Il complesso era collegato in origine alla Cattedrale da una via coperta. Nel 1556 dopo la demolizione delle torri e il rifacimento dell’imponente facciata divenne dimora dei Vicerè spagnoli.

La villa era fabbricata su due elevazioni: pianterreno e piano nobile; adiacente al corpo principale e accessibile attraverso apposite aperture era la cappella; quest’ultima era decorata con architetture dipinte realizzate nel 1762.

Dopo l’Unità d’Italia fece parte dei beni del comando dei Corpi dell’Esercito e in occasione dell’esposizione nazionale del 1891 – 1892 furono rinnovati gli arredi degli appartamenti reali. Nel 1919 si delineò la possibilità di utilizzare il Palazzo come sede di accademie dell’edificio all’Architetto Corrado Anselmi. Gli spazi espositivi sono dedicati alla conservazione e all’esposizione al pubblico delle collezioni pittoriche e di una selezione di opere grafiche.

Negli anni ’30 del ‘900 furono portati avanti dei restauri da parte del sovrintendente ai monumenti Francesco Valenti, poi proseguiti da Mario Guiotto, che hanno riportato in luce alcune strutture normanne. Soltanto nel 1947 fu denominato Palazzo dei Normanni  e gli enti che lo occupavano furono trasferiti in altri immobili.

Gli ultimi restauri sono avvenuti nel 2002, in seguito ai danneggiamenti recati dal terremoto. Oggi il Palazzo svolge un’importante funzione direttiva, essendo sede dell’Assemblea Regionale Siciliana, ma è anche sede dell’Osservatorio Astronomico di Palermo.

palazzoreale2

Gallery


La Sicilia e le Fiandre hanno antichi legami culturali che furono fondamentali per sviluppare forti relazioni con le città marinare fiamminghe, determinando la migrazione di maestranze che dalle Fiandre e dall’Olanda si insediarono in Sicilia. La mostra “Sicilië, pittura fiamminga” intende omaggiare questo trait d’union culturale tra Mediterraneo e Mare del Nord, mettendo insieme per la prima volta tele fiamminghe presenti in collezioni pubbliche e private siciliane.

Artisti fiamminghi ed olandesi contribuirono dunque in modo significativo alla civiltà siciliana, inserendosi pienamente nella vita pubblica e nel vissuto della Sicilia, nel periodo tra il XV e il XVII secolo. La scelta di far conoscere questi maestri attraverso percorsi tematici è particolarmente azzeccata. Il preziosissimo “Trittico Malvagna” di Jan Gossaert, la “Deposizione” di Jan Provoost , la Madonna con Bambino di Anton van Dyck, la Santa Caterina d’Alessandria custodita a Palermo (opera di scuola fiamminga, esposta per la prima volta assoluta) ed altri capolavori ancora, disegnano un filo rosso che ci rimanda a quei capolavori di Pieter Paul Rubens che si ispirarono al Caravaggio, anch’egli legato alla nostra Isola.

Un tributo dunque alla storia, ad un tempo mediterranea e nordica, della nostra isola, offerto congiuntamente, in occasione dell’anno che vede Palermo come Capitale della Cultura, dalla Fondazione Federico II, dal Parlamento siciliano, dall’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana e dell’Ambasciata del Regno del Belgio in Italia.
Il complesso monumentale del Palazzo Reale di Palermo, sede dell’Assemblea regionale siciliana e sito Unesco, ancora una volta offre una testimonianza del valore di quella civiltà multisfaccettata e policentrica di cui la nostra isola è stata mirabile ed originalissima incubatrice.

Gianfranco Miccichè

Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana
e della Fondazione Federico II

monterosso

“La Fondazione Federico II con questa mostra ufficializza un cambio di rotta, un nuovo metodo di lavoro; la vivida e stretta collaborazione con i grandi professionisti della Cultura, privati e pubblici, con l’assessorato regionale ai Beni Culturali con l’obiettivo di proporre il meglio della Sicilia e che chiude questo excursus espositivo con la Patrona della città, Santa Rosalia, per Palermo Capitale della Cultura . Sono tanti gli studi e le ricerche sui rapporti intercorsi tra i fiamminghi e i pittori italiani di città  come Roma, Genova, Venezia e Napoli. Ancora troppo poco si sa, invece, del legame artisticamente florido e intenso avuto con gli artisti siciliani. Questa mostra vuole rendere  omaggio alle innumerevoli tracce lasciate su quest’Isola dalle relazioni strette tra i pittori fiamminghi  e quelli siciliani. È un dato incontrovertibile che i maestri fiamminghi abbiano compiuto viaggi in Italia, inclusa la Sicilia, per ammirare e studiare i grandi artisti del Rinascimento e del Manierismo. L’esposizione è un tributo alla storia della Sicilia capace di dialogare con il Nord dell’Europa. Questa terra ha dimostrato, ancora una volta, di offrire una spinta propulsiva al poliedrico terreno culturale, artistico ed economico italiano. Una caratteristica determinante per attrarre quelli che furono i grandi maestri della pittura delle Fiandre. Ed è questa magnificenza, questa grandiosità che ripercorriamo in Sicilië, pittura fiamminga”.

Patrizia Monterosso

Direttore della Fondazione Federico II

volpes

“La Sicilia merita amore e io ne ho tantissimo per i Beni Culturali. Ho avuto il privilegio di svolgere un lavoro magnifico qual è stato lavorare nell’amministrazione dei Beni Culturali e di amarli come si fa come un figlio. Abbiamo svolto un lavoro certosino per catalogare le opere fiamminghe adottate dalle istituzioni museali, dalle Fondazioni, dalle Chiese, dagli Oratori e dai privati. Il passaggio successivo è stato quello di spiegare ai soggetti cui sono affidate queste opere l’importanza e la valenza di questa mostra dedicata alla pittura fiamminga, alle tracce lasciate in Sicilia dai pittori delle Fiandre. L’arte unisce tutti gli artisti da Antonello a van Dyck e questa mostra è una testimonianza che l’assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana e la Regione sono in intesa con il comune. Per la prima volta assistiamo alla collaborazione tra tre istituzioni che va oltre ogni appartenenza politica. In questo ponte di cultura che va dal Quattrocento al Settecento una mostra fatta di opere che appartengono solo alla Sicilia è un unicum in tutto il Paese e da ragione di un tesoro di inestimabile valore e senza fine che dovrà, necessariamente, aprire una stagione nuova di ministero del tesoro dei Beni Culturali in cui economia e arte vivono insieme. E le ragioni per le quali la Sicilia ha un economia che cresce sono legate, per l’appunto, all’arte e al turismo. Nell’anno di Palermo Capitale della Cultura questa mostra rappresenta il nostro fiore all’occhiello”.

Marilena Volpes

Dirigente generale dipartimento regionale Beni Culturali

INFORMAZIONI


Sicilië – Pittura Fiamminga
Palazzo Reale – Piazza Indipendenza, 1, 90129 Palermo PA
28 marzo – 28 maggio 2018

Orari
Lunedì/sabato dalle ore 8.15 alle ore 17.40
(ultimo biglietto ore 17,00 – last ticket 5.00 p.m.)

Domenica e festivi dalle ore 8.15 alle ore 13.00
(ultimo biglietto ore 12,15 – last ticket 12.15 a.m.)

Nei giorni 22, 23, 24, 25, 28, 29, 30 Aprile – primo Maggio e 2 e 3 Giugno 2018 l’apertura è prorogata fino alle ore 21 (ultimo ingresso ore 20) per la mostra “Sicilië, pittura fiamminga” e la Cappella Palatina.

COSTO BIGLIETTI

Ingresso solo mostra
Intero € 6,00
Ridotto
– Ragazzi di età compresa tra 14/17 anni  € 3,00
– Studenti in visita didattica scolastica     € 1,00

BIGLIETTO UNICO

Ingresso mostra, Cappella Palatina e Appartamenti Reali
Da venerdì a lunedì e festivi e quando gli Appartamenti Reali sono visitabili
Intero € 12,00 – Ridotto € 10,00

Ingresso mostra e Cappella Palatina
Da martedì a giovedì e quando gli Appartamenti Reali non sono visitabili
Intero € 10,00 – Ridotto € 8,00

Hanno diritto al biglietto ridotto gli insegnanti di ruolo e i ragazzi di età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Costo biglietti ridotti tutti i giorni
Cittadini di età pari o superiore ai 65 anni      € 8,00
Ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni    € 4,00
Studenti in visita didattica scolastica              € 2,00

Biglietti omaggio
– Docenti accompagnatori di studenti in visita didattica.
– Bambini e ragazzi di età fino a 13 anni, se accompagnati da adulti e non in visita didattica.
– Docenti e studenti regolarmente iscritti a corsi di laurea in materie storico, artistico e letterarie.
– Giornalisti, membri ICOM e dipendenti dell’Assessorato regionale dei Beni culturali.
– Diversamente abili e a un loro accompagnatore ove previsto.

È possibile effettuare la Prenotazione per la visita alla mostra e al Complesso Monumentale inviando una mail a fondazione@federicosecondo.org (info +39 091 6262833)

La Mostra


La mostra, promossa dalla Fondazione Federico II e dall’assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, presenta una selezione significativa di importanti dipinti fiamminghi provenienti da collezioni pubbliche e private della Sicilia. Il pregevole patrimonio qui raccolto si inquadra in un ampio arco cronologico che va dal tardo Quattrocento al Seicento. Il percorso espositivo si articola attraverso due nuclei tematici strettamente connessi fra loro: da un lato le opere pervenute in Sicilia attraverso i molteplici percorsi del collezionismo e della committenza artistica, dall’altro gli artisti di origine fiamminga e olandese, attivi e pienamente inseriti nel tessuto storico-sociale siciliano già a partire dagli anni centrali del Cinquecento.

L’esposizione ha una protagonista assoluta, un’opera che si svela al pubblico, dopo un silenzio durato trentadue anni: Santa Caterina d’Alessandria d’Egitto. La martire è raffigurata su una tavoletta, in legno di quercia (XXI – XXVIII), e faceva parte insieme all’altra tavoletta di San Rocco di un trittico da devozione. L’autore è un pittore ignoto fiammingo per un’ovvia ragione: la parte centrale del trittico risulta dispersa ed è, quindi, impossibile risalire con certezza alla mano.

Tra le opere in mostra spicca l’opera più famosa di Jean Gossart, detto Mabuse, che è il trittico di Malvagna; opera miniaturista dove vengono rappresentate una Madonna col bambino tra angeli, Santa Caterina d’Alessandria e Santa Dorotea, mentre sul retro del pannello si trova lo stemma della famiglia dei Lanza; la Deposizione di Jan Provoost, invece, rappresenta, in pieno uno degli esempi più significativi del passaggio dal Gotico al Rinascimento dei Paesi Bassi; mentre della collezione Chiaramonte Bordonaro sarà esposta la Madonna con Bambino di Anton van Dyck, l’allievo di Rubens, che in quest’opera consolida la sua emancipazione dal maestro; altra opera di van Dyck è la Crocifissione (collezione privata Palazzo Alliata di Villafranca) dove il genere da lui coniato si presenta, come evoluzione ed elaborazione personale della maniera di Rubens, e riscosse fin dall’inizio un gran successo per quell’insieme di drammatica verosimiglianza che coglieva il Cristo nell’attimo esatto dello spirare; di alto valore artistico è la Circoncisione di Simone de Wobreck, un olio su tavola dove sono evidenti le tipiche inclinazioni patetico-devozionali del tardo manierismo e il decorativismo dello schema compositivo; non meno significativa è la presenza dell’olandese Mattia Stomer con l’opera La morte di Catone contraddistinta da una plasticità voluminosa dell’incarnato e un forte impasto cromatico.

Santa Caterina

Questa pittura presentava un’inedita concezione figurativa in cui il descrittivismo minuto e lenticolare di figure, ambienti, paesaggi viene a coordinarsi con un particolare utilizzo espressivo del colore. Dal terzo decennio del Cinquecento gli artisti fiamminghi incontrano il rinascimento italiano e i pittori del primo manierismo maturando una nuova una ricerca compositiva di grande equilibrio, tipica delle scuole pittoriche di Anversa. Dal primo Seicento la nuova ventata del naturalismo caravaggesco segna anche in Sicilia, con van Dyck, Honthorst, Stom e Houbraken, una nuova centralità della pittura fiammingo-olandese.

23 marzo 2018. Dopo trentadue anni di oblio, è stata svelata a Palermo un’opera fiamminga che ritrae Santa Caterina d’Alessandria, la Martire che convertì tutti ma non il suo aguzzino. Lo svelamento, organizzato dalla Fondazione Federico II e dall’Assessorato ai Beni Culturali, si è tenuto in un’atmosfera quasi surreale presso il Monastero che porta il nome della stessa Santa, alla presenza di numerose autorità militari, civili e diplomatiche, tra i quali una rappresentanza dell’Ambasciata Belga in Italia. Dopo aver ascoltato le Voci Bianche del Conservatorio di Palermo, all’interno della Chiesa è calato il silenzio, poi lo svelamento e il suono delle campane per dare il “Bentornato a Caterina”. Fino ad oggi è stata custodita al Convento dei Frati Cappuccini di Palermo, proveniente dalla Chiesa di San Giacomo, annessa al convento del medesimo ordine, a Bivona.

L’opera (fine del secolo XV- inizi del secolo XVI, olio su tavola, 53,8 x15,3) è una tavoletta, sportello destro di un trittico smembrato, ed è stata riferita al cosiddetto Maestro della Leggenda di Santa Lucia, artista attivo a Bruges, vicino ai modi di Hans Memling e Gerard David.Dopo l’evento, la “Santa Caterina” è stata immediatamente trasferita, con l’utilizzo di importanti misure di sicurezza, a Palazzo Reale dove sarà protagonista della mostra “Sicilië, pittura fiamminga”, che raccoglie per la prima volta le opere fiamminghe presenti in collezioni pubbliche e private siciliane. La mostra sarà allestita nelle rinnovate Sale Duca di Montalto e apre al pubblico con l’inaugurazione il 27 marzo alle 18 per proseguire fino al 28 maggio. La Santa raffigurata, Caterina, è figlia di aristocratici e originaria di Alessandria d’Egitto, vissuta al tempo dell’imperatore Massimino, qui ritratto ai suoi piedi. Condannata al martirio attraverso una ruota dentata, fu infine decapitata con una spada anch’essa attributo iconografico.

LA SEDE


totale-cappella

Il Palazzo Reale o dei Normanni si trova a Palermo, ed è la più antica residenza Reale d’Europa. Ancora visibili, nei sotterranei visitabili, i resti dei primi insediamenti punici, ma la prima parte costruita risale alla dominazione araba nel IX secolo.

I Normanni in seguito trasformarono il Castello nel centro nevralgico della loro monarchia e realizzarono quattro torri collegate tra loro da portici e giardini. Si deve a Ruggero II la costruzione di una magnifica cappella interna al palazzo, la “Cappella Palatina”, dedicata ai santi Pietro e Paolo e consacrata nel 1140. Il complesso era collegato in origine alla Cattedrale da una via coperta. Nel 1556 dopo la demolizione delle torri e il rifacimento dell’imponente facciata divenne dimora dei Vicerè spagnoli.

La villa era fabbricata su due elevazioni: pianterreno e piano nobile; adiacente al corpo principale e accessibile attraverso apposite aperture era la cappella; quest’ultima era decorata con architetture dipinte realizzate nel 1762.

Dopo l’Unità d’Italia fece parte dei beni del comando dei Corpi dell’Esercito e in occasione dell’esposizione nazionale del 1891 – 1892 furono rinnovati gli arredi degli appartamenti reali. Nel 1919 si delineò la possibilità di utilizzare il Palazzo come sede di accademie dell’edificio all’Architetto Corrado Anselmi. Gli spazi espositivi sono dedicati alla conservazione e all’esposizione al pubblico delle collezioni pittoriche e di una selezione di opere grafiche.

Negli anni ’30 del ‘900 furono portati avanti dei restauri da parte del sovrintendente ai monumenti Francesco Valenti, poi proseguiti da Mario Guiotto, che hanno riportato in luce alcune strutture normanne. Soltanto nel 1947 fu denominato Palazzo dei Normanni  e gli enti che lo occupavano furono trasferiti in altri immobili.

Gli ultimi restauri sono avvenuti nel 2002, in seguito ai danneggiamenti recati dal terremoto. Oggi il Palazzo svolge un’importante funzione direttiva, essendo sede dell’Assemblea Regionale Siciliana, ma è anche sede dell’Osservatorio Astronomico di Palermo.

palazzoreale2

Gallery


La Sicilia e le Fiandre hanno antichi legami culturali che furono fondamentali per sviluppare forti relazioni con le città marinare fiamminghe, determinando la migrazione di maestranze che dalle Fiandre e dall’Olanda si insediarono in Sicilia. La mostra “Sicilië, pittura fiamminga” intende omaggiare questo trait d’union culturale tra Mediterraneo e Mare del Nord, mettendo insieme per la prima volta tele fiamminghe presenti in collezioni pubbliche e private siciliane.

Artisti fiamminghi ed olandesi contribuirono dunque in modo significativo alla civiltà siciliana, inserendosi pienamente nella vita pubblica e nel vissuto della Sicilia, nel periodo tra il XV e il XVII secolo. La scelta di far conoscere questi maestri attraverso percorsi tematici è particolarmente azzeccata. Il preziosissimo “Trittico Malvagna” di Jan Gossaert, la “Deposizione” di Jan Provoost , la Madonna con Bambino di Anton van Dyck, la Santa Caterina d’Alessandria custodita a Palermo (opera di scuola fiamminga, esposta per la prima volta assoluta) ed altri capolavori ancora, disegnano un filo rosso che ci rimanda a quei capolavori di Pieter Paul Rubens che si ispirarono al Caravaggio, anch’egli legato alla nostra Isola.

Un tributo dunque alla storia, ad un tempo mediterranea e nordica, della nostra isola, offerto congiuntamente, in occasione dell’anno che vede Palermo come Capitale della Cultura, dalla Fondazione Federico II, dal Parlamento siciliano, dall’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana e dell’Ambasciata del Regno del Belgio in Italia.
Il complesso monumentale del Palazzo Reale di Palermo, sede dell’Assemblea regionale siciliana e sito Unesco, ancora una volta offre una testimonianza del valore di quella civiltà multisfaccettata e policentrica di cui la nostra isola è stata mirabile ed originalissima incubatrice.

Gianfranco Miccichè

Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana
e della Fondazione Federico II

monterosso

“La Fondazione Federico II con questa mostra ufficializza un cambio di rotta, un nuovo metodo di lavoro; la vivida e stretta collaborazione con i grandi professionisti della Cultura, privati e pubblici, con l’assessorato regionale ai Beni Culturali con l’obiettivo di proporre il meglio della Sicilia e che chiude questo excursus espositivo con la Patrona della città, Santa Rosalia, per Palermo Capitale della Cultura . Sono tanti gli studi e le ricerche sui rapporti intercorsi tra i fiamminghi e i pittori italiani di città  come Roma, Genova, Venezia e Napoli. Ancora troppo poco si sa, invece, del legame artisticamente florido e intenso avuto con gli artisti siciliani. Questa mostra vuole rendere  omaggio alle innumerevoli tracce lasciate su quest’Isola dalle relazioni strette tra i pittori fiamminghi  e quelli siciliani. È un dato incontrovertibile che i maestri fiamminghi abbiano compiuto viaggi in Italia, inclusa la Sicilia, per ammirare e studiare i grandi artisti del Rinascimento e del Manierismo. L’esposizione è un tributo alla storia della Sicilia capace di dialogare con il Nord dell’Europa. Questa terra ha dimostrato, ancora una volta, di offrire una spinta propulsiva al poliedrico terreno culturale, artistico ed economico italiano. Una caratteristica determinante per attrarre quelli che furono i grandi maestri della pittura delle Fiandre. Ed è questa magnificenza, questa grandiosità che ripercorriamo in Sicilië, pittura fiamminga”.

Patrizia Monterosso

Direttore della Fondazione Federico II

volpes

“La Sicilia merita amore e io ne ho tantissimo per i Beni Culturali. Ho avuto il privilegio di svolgere un lavoro magnifico qual è stato lavorare nell’amministrazione dei Beni Culturali e di amarli come si fa come un figlio. Abbiamo svolto un lavoro certosino per catalogare le opere fiamminghe adottate dalle istituzioni museali, dalle Fondazioni, dalle Chiese, dagli Oratori e dai privati. Il passaggio successivo è stato quello di spiegare ai soggetti cui sono affidate queste opere l’importanza e la valenza di questa mostra dedicata alla pittura fiamminga, alle tracce lasciate in Sicilia dai pittori delle Fiandre. L’arte unisce tutti gli artisti da Antonello a van Dyck e questa mostra è una testimonianza che l’assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana e la Regione sono in intesa con il comune. Per la prima volta assistiamo alla collaborazione tra tre istituzioni che va oltre ogni appartenenza politica. In questo ponte di cultura che va dal Quattrocento al Settecento una mostra fatta di opere che appartengono solo alla Sicilia è un unicum in tutto il Paese e da ragione di un tesoro di inestimabile valore e senza fine che dovrà, necessariamente, aprire una stagione nuova di ministero del tesoro dei Beni Culturali in cui economia e arte vivono insieme. E le ragioni per le quali la Sicilia ha un economia che cresce sono legate, per l’appunto, all’arte e al turismo. Nell’anno di Palermo Capitale della Cultura questa mostra rappresenta il nostro fiore all’occhiello”.

Marilena Volpes

Dirigente generale dipartimento regionale Beni Culturali

INFORMAZIONI


Sicilië – Pittura Fiamminga
Palazzo Reale – Piazza Indipendenza, 1, 90129 Palermo PA
28 marzo – 28 maggio 2018

Orari
Lunedì/sabato dalle ore 8.15 alle ore 17.40
(ultimo biglietto ore 17,00 – last ticket 5.00 p.m.)

Domenica e festivi dalle ore 8.15 alle ore 13.00
(ultimo biglietto ore 12,15 – last ticket 12.15 a.m.)

Nei giorni 22, 23, 24, 25, 28, 29, 30 Aprile – primo Maggio e 2 e 3 Giugno 2018 l’apertura è prorogata fino alle ore 21 (ultimo ingresso ore 20) per la mostra “Sicilië, pittura fiamminga” e la Cappella Palatina.

COSTO BIGLIETTI

Ingresso solo mostra
Intero € 6,00
Ridotto
– Ragazzi di età compresa tra 14/17 anni  € 3,00
– Studenti in visita didattica scolastica     € 1,00

BIGLIETTO UNICO

Ingresso mostra, Cappella Palatina e Appartamenti Reali
Da venerdì a lunedì e festivi e quando gli Appartamenti Reali sono visitabili
Intero € 12,00 – Ridotto € 10,00

Ingresso mostra e Cappella Palatina
Da martedì a giovedì e quando gli Appartamenti Reali non sono visitabili
Intero € 10,00 – Ridotto € 8,00

Hanno diritto al biglietto ridotto gli insegnanti di ruolo e i ragazzi di età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Costo biglietti ridotti tutti i giorni
Cittadini di età pari o superiore ai 65 anni      € 8,00
Ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni    € 4,00
Studenti in visita didattica scolastica              € 2,00

Biglietti omaggio
– Docenti accompagnatori di studenti in visita didattica.
– Bambini e ragazzi di età fino a 13 anni, se accompagnati da adulti e non in visita didattica.
– Docenti e studenti regolarmente iscritti a corsi di laurea in materie storico, artistico e letterarie.
– Giornalisti, membri ICOM e dipendenti dell’Assessorato regionale dei Beni culturali.
– Diversamente abili e a un loro accompagnatore ove previsto.

È possibile effettuare la Prenotazione per la visita alla mostra e al Complesso Monumentale inviando una mail a fondazione@federicosecondo.org (info +39 091 6262833)

Data di pubblicazione: 14/12/2017

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L’AFFIDAMENTO DI NR. 1 INCARICO DI ESPERTO NELLE ATTIVITA’ DI CERTIFICAZIONE DEI COSTI CON RIFERIMENTO AL  PROGETTO  “SOCIAL SEEDS – INTERREG EUROPE”

 

La Fondazione Federico II Partner del progetto SOCIAL SEEDS

RENDE NOTO

E’ indetta la procedura di selezione, mediante valutazione comparativa, per il conferimento di un incarico individuale ad un esperto con profilo professionale di revisore contabile senior in materia di progetti finanziati attraverso progetti comunitari, per l’attività da svolgere nell’ambito del progetto “Social Seeds”, finanziato nell’ambito del Programma Interreg Europe

All’affidamento dell’incarico si procederà ai sensi del Regolamento in materia di conferimento di incarichi individuali nelle pubbliche amministrazioni, secondo le modalità e nel rispetto dei requisiti indicati nel presente avviso di selezione, previa valutazione comparativa dei curriculum presentati.

Art. 1 – oggetto dell’incarico

  1. Con il presente avviso pubblico viene dato avvio alla procedura di selezione comparativa, per l’affidamento dell’incarico di n. 1 esperto con profilo professionale di revisore contabile senior in materia di progetti finanziati attraverso progetti comunitari, con esperienza anche nella valutazione e implementazione di progetti di carattere transnazionale, per l’attività da svolgere nell’ambito del progetto Social Seeds
  2. L’incarico oggetto del presente avviso prevede lo svolgimento delle seguenti prestazioni:
  3. verificare che le spese rendicontate in ciascun Rapporto intermedio soddisfino le seguenti condizioni:
  • I costi siano ammissibili;
  • Le condizioni del programma, dell’application form approvato e del Grant agreement siano rispettate;
  • Le entrate ed i pagamenti siano correttamente registrati e sufficientemente documentati;
  • Le attività relative al progetto, le forniture ed i servizi esternalizzati siano in corso di svolgimento o siano state completate;
  • Le regole dell’Unione Europea siano state rispettate con particolar riferimento a informazione e divulgazione, procedure di appalto pubblico, pari opportunità e protezione ambientale;
  1. supervisione delle attività di rendicontazione inerenti al progetto;
  2. predisposizione di qualunque altra documentazione necessaria per una migliore gestione e controllo dell’andamento del progetto, richiesta dal Lead partner e dal Direttore Amministrativo della Fondazione.

Art. 2 – modalità di esecuzione dell’incarico

  1. L’incarico è svolto dal soggetto affidatario in piena ed assoluta autonomia, senza vincoli d’orario, senza alcun inserimento nell’organizzazione della Fondazione e senza alcun assoggettamento gerarchico o funzionale e con l’esclusione di qualsiasi vincolo di subordinazione.
  2. L’incarico è svolto a stretto contatto con la Direzione Amministrativa ed in linea con le indicazioni elaborate dalla stessa Direzione.
  3. Al fine di svolgere il proprio incarico in modo ottimale, il soggetto affidatario potrà accedere agli uffici della Fondazione e utilizzare gli strumenti che gli saranno messi a disposizione nei termini e nei modi opportunamente concordati con il Direttore Amministrativo o dei funzionari da questo indicati.

Art. 3 – durata dell’incarico e compenso

  1. L’incarico è conferito mediante contratto in forma di scrittura privata, con decorrenza dalla comunicazione di eseguibilità del contratto.
  2. Per lo svolgimento dell’attività prevista per la figura di esperto valutatore è stabilito un compenso lordo di € 10500,00 a fronte della predisposizione delle revisioni per i 6 rapporti intermedi più quella relativa al rendiconto finale.
  3. Le attività oggetto dell’incarico devono essere svolte entro il 31 luglio 2020, fatto salvo eventuali proroghe o slittamenti dell’attività relativi al progetto e gli adempimenti inerenti alla consegna del report finale.

Art. 4 – requisiti generali di ammissione

  1. I requisiti generali per l’ammissione alla selezione per il conferimento dell’incarico, dichiarati dal candidato con dichiarazione sostitutiva ex artt. 46 e 47 del P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 “Testo unico sulla documentazione amministrativa”, pena l’esclusione, sono i seguenti:
  1. essere in possesso della cittadinanza italiana o cittadinanza di uno dei Paesi membri dell’Unione europea;
  2. avere il godimento dei diritti civili e politici;
  3. non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, non essere stato licenziato per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo, non essere stato dichiarato decaduto da un impiego pubblico per aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
  4. non aver riportato condanne penali e non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale;
  5. non avere procedimenti penali pendenti a proprio carico; qualora gli stessi sussistano dovranno essere specificatamente dichiarati.
  1. I requisiti generali di ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del presente avviso, al momento del conferimento dell’incarico e devono essere mantenuti per tutta la durata dell’incarico stesso.
  2. I cittadini di altri Stati membri dell’Unione Europea devono essere in possesso, fatta eccezione per la titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri analoghi requisiti previsti per i cittadini della Repubblica italiana. I medesimi devono, inoltre, possedere una perfetta conoscenza parlata e scritta della lingua italiana.

Art. 5 – requisiti specifici

  1. I candidati in possesso di tutti i requisiti di ordine generale possono presentare domanda di partecipazione alla selezione per esperto revisore contabile senior in materia di progetti finanziati attraverso fondi comunitari, per la quale sono richiesti i seguenti requisiti specifici:
    • Iscrizione all’albo dei revisori contabili;
    • Ottima conoscenza della lingua inglese;
    • Buona conoscenza di sistemi operativi e applicativi informativi di larga diffusione (Windows, Office professional, Word, Excel)
    • Esperienza professionale: successiva all’iscrizione all’albo, effettiva, complessiva di almeno due anni di attività esperita e comprovata presso Enti pubblici o privati riferita a aree professionali di ambito comunitario o internazionale riguardanti almeno uno dei seguenti tre aspetti:
  • rendicontazione di progetti finanziati attraverso i Fondi strutturali comunitari e/o altri fondi internazionali, comunitari, nazionali, regionali;
  • verifica e validazione delle rendicontazione presentate sui progetti finanziati attraverso i Fondi strutturali;
  • forme di finanza agevolata e contributi alle imprese ed alle pubbliche amministrazioni.
  1. Al fine di garantire l’indipendenza delle attività di revisione, i candidati non devono avere in corso altre collaborazioni a qualunque titolo con la Fondazione, né possono avere legami di parentela con collaboratori e dipendenti della Fondazione, né possono fare parte degli organi direttivi e di vigilanza della Fondazione.
  2. Sono altresì valutate positivamente le seguenti conoscenze e esperienze:

– master/corsi di specializzazione post laurea nell’ambito delle materie in considerazione presso enti ed istituti accreditati a livello nazionale comunitario;

– conoscenze specifiche nell’ambito delle tematiche riguardanti il presente interpello;

– tirocini formativi/work experience negli specifici settori lavorativi in considerazione presso Enti pubblici o privati;

– l’aver svolto la propria attività  professionale presso un ufficio Politiche comunitarie oppure presso istituti che si occupano prevalentemente di relazioni internazionali e comunitarie o imprese quali: Comunità Montane, Agenzie di sviluppo locale, Enti di formazione, società di Consulenza, Enti di promozione europea o comunque altri soggetti privati specificatamente attivi nelle materie comunitarie e internazionali, sportelli informativi europei e di altri uffici che svolgano al loro interno una attività legata all’Unione Europea od alle relazioni internazionali;

  1. I requisiti specifici prescritti debbono essere posseduti dai candidati alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di ammissione, nonché al momento della stipula del contratto.
  2. Ai fini del computo dei periodi di esperienza di cui al punto 1 lettera c, si prenderanno a riferimento i periodi di vigenza dei singoli contratti, escludendo sovrapposizioni temporali, sommandoli in termini di mesi di 30 giorni; i resti di giorni concorrono a formare un mese se la somma è pari a A tale fine, nella domanda allegata, dovranno essere indicate con la massima precisione la struttura nella quale l’attività è stata svolta, le mansioni espletate, il periodo di attività, con l’indicazione della data di inizio e termine. Qualora il candidato non dovesse indicare con precisione le date richieste ma solamente il mese di riferimento, la Commissione computerà i periodi contrattuali a decorrere dal mese successivo per la parte iniziale e dal mese precedente per la parte finale.

Art. 6 – criteri di valutazione delle candidature

Fermo restando che non potranno essere valutate le candidature prive dei requisiti generali di cui all’articolo 4 e di quelli specifici di cui all’articolo 5, l’incarico sarà conferito secondo l’ordine risultante dalle graduatorie determinate attraverso l’attribuzione dei punteggi ai seguenti titoli:

  1. Dottorati, master o corsi di specializzazione post laurea attinenti (sono attribuiti punti 2 per ciascun titolo ottenuto, fino ad un massimo di 6 punti);
  2. Corsi di formazione professionale, di aggiornamento, tirocini formativi e/o work experience in materie attinenti (sono attribuiti punti 0,50 per corso completato, fino ad un massimo di 4 punti);
  3. Esperienze professionali post-laurea attinenti, comprovate e svolte presso soggetti pubblici o privati, anche tramite consulenza in materia, riferite al monitoraggio ed alla valutazione di progetti afferenti al programma comunitario per l’apprendimento permanente (sono attribuiti punti 0,50 per ogni mese, computato secondo quanto al precedente articolo 5 c. 3, fino ad un massimo di 30 punti).

Art. 7 – modalità di selezione

  1. La valutazione comparativa è affidata ad una Commissione interna della Fondazione. Il giudizio della Commissione è insindacabile.
  2. La Commissione, verificata la regolarità formale della documentazione pervenuta ed accertata per ciascuna candidatura la sussistenza dei requisiti generali e specifici di ammissibilità di cui rispettivamente agli articoli 4 e 5, procede alla valutazione comparativa dei candidati ammessi alla selezione, sulla base dell’esame della documentazione allegata alla domanda di partecipazione, assegnando i punteggi secondo quanto previsto all’articolo 6.
  3. La procedura comparativa si conclude entro 15 giorni lavorativi dalla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione. Al termine della valutazione, la Commissione forma la graduatoria di merito dei candidati ed indica il soggetto risultato più idoneo a ricevere l’affidamento dell’incarico. Qualora più candidati risultassero classificati ex aequo è data la precedenza al candidato più anziano d’età.
  4. Nel corso dell’attività di valutazione dei curricula presentati, la Commissione può contattare direttamente i candidati in ordine ad eventuali necessità di chiarificazione.
  5. A conclusione della procedura di selezione viene redatta la graduatoria finale. Con proprio atto, il Direttore Amministrativo approva la graduatoria finale. La graduatoria finale ha validità per due anni dalla data del provvedimento di approvazione della graduatoria stessa.
  6. Nel caso in cui il candidato selezionato rinunci all’incarico, la Fondazione può conferire l’incarico medesimo al candidato che segue in graduatoria.
  7. La Fondazione si riserva di non procedere all’affidamento dell’incarico nel caso in cui, a proprio insindacabile giudizio, nessuna candidatura sia ritenuta idonea.
  8. L’incarico può essere affidato anche in presenza di una sola candidatura.

Art. 8 – disposizioni e procedure specifiche

La Fondazione si riserva la facoltà di verificare in qualsiasi fase della selezione la veridicità dei dati riportati nelle dichiarazioni sostitutive di atto notorio e nel curriculum vitae e di richiederne la documentazione giustificativa. La non conformità tra quanto dichiarato all’atto della presentazione della domanda e quanto diversamente accertato dall’Amministrazione, fermo restando quanto stabilito dall’articolo 76 del DPR 445/2000, comporta l’immediata esclusione della candidatura e l’adozione di ogni altra azione prevista dalla legge.

Art. 9 termini e modalità di presentazione delle domande

  1. Gli interessati devono presentare la domanda di ammissione alla selezione pubblica, in busta chiusa, debitamente sottoscritto in originale in calce, senza necessità di alcuna autentica, ai sensi dell’articolo 39 del DPR 445/2000.
  2. La busta chiusa deve riportare la seguente dicitura: “Domanda di partecipazione a procedura comparativa per l’affidamento di incarico individuale di esperto nelle attività di certificazione dei costi – Progetto SOCIAL SEEDS – NON APRIRE”.
  3. Nella domanda deve essere indicato un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) o, in alternativa, un numero di fax, cui trasmettere le eventuali comunicazioni.
  4. La domanda di ammissione alla selezione pubblica deve contenere una dichiarazione sostitutiva, resa dal candidato ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445, attestante il possesso da parte dello stesso dei requisiti generali di cui all’articolo 4 del presente avviso.
  5. Alla domanda di ammissione devono essere allegati:
  1. il curriculum vitae, redatto in formato europeo, datato e sottoscritto in originale dal candidato, attestante la qualità, oltre che il possesso, dei requisiti specifici di cui all’articolo 5 del presente avviso, contenente una dichiarazione sostitutiva, resa dal candidato ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000, che attesta la veridicità delle informazioni contenute e recante l’autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 196/2003. Il curriculum vitae deve essere di data non anteriore a 30 giorni rispetto alla data di presentazione della domanda;
  2. una fotocopia fronte/retro di un documento di riconoscimento del richiedente in corso di validità.
  1. Tutta la documentazione deve essere prodotta in lingua italiana.
  2. Sono escluse dalla selezione le domande:
  • non sottoscritte in originale;
  • non datate;
  • non presentate nelle forme prescritte dal presente avviso, ovverosia non compilate anche in parte;
  • non presentate entro i termini o secondo le modalità di cui al presente articolo.
  1. Dal 1° gennaio 2012 le Pubbliche amministrazioni non possono più richiedere atti o certificati contenenti informazioni già in possesso della P.A. I certificati sono sempre sostituiti da dichiarazioni sostitutive di certificazioni o dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà. Pertanto, non verrà preso in considerazione quanto contenuto in certificazioni rilasciate da Pubbliche Amministrazioni ed eventualmente allegate alla domanda.
  2. La domanda, comprensiva dei relativi allegati, deve pervenire perentoriamente, a pena di esclusione, entro e non oltre 10 giorni dalla Pubblicazione sul sito della Fondazione, esclusivamente mediante una delle seguenti modalità:
  1. servizio postale, con raccomandata con avviso di ricevimento inviata al seguente indirizzo: Via Nicolò Garzilli, 36 – 90141 PALERMO . Ai fini del rispetto del termine, fa fede la data di spedizione della raccomandata. Non vengono prese in considerazione le raccomandate pervenute dopo sette giorni dalla scadenza dell’avviso ancorché spedite nei termini;
  2. invio con Pec al seguente indirizzo: amministrazione.federicosecondo@pec.it
  1. La Fondazione non assume alcuna responsabilità per eventuali ritardi o disguidi postali e declina ogni responsabilità in ordine al mancato o tardivo recapito del plico, restando la cura dello stesso posta in capo al candidato.
  2. Il termine per l’arrivo delle domande, ove scada in giorno non lavorativo per l’ufficio competente, è prorogato al primo giorno lavorativo seguente.
  3. La Fondazione si riserva la facoltà di prorogare o riaprire il termine di scadenza di presentazione delle domande, nonché si riserva la facoltà di sospendere, modificare e annullare la procedura relativa alla presente selezione in qualunque momento e qualunque sia lo stato di avanzamento della stessa, senza che gli interessati possano esercitare nei suoi confronti alcuna pretesa a titolo di risarcimento o di indennizzo.
  4. La pubblicazione del presente avviso non comporta per la Fondazione alcun obbligo di attribuzione di eventuali incarichi né, per i soggetti che presentino una candidatura, alcun diritto a qualsivoglia prestazione o rimborso da parte dell’Amministrazione stessa.
  5. Il candidato è tenuto a comunicare per iscritto l’eventuale cambiamento del recapito, che avvenga successivamente alla data di presentazione della domanda, per l’invio delle comunicazioni relative alla selezione.
  6. La Fondazione non assume alcuna responsabilità nel caso di dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del candidato o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili a colpa dell’Amministrazione stessa.

 

 

Art. 10 – pubblicità e comunicazioni

  1. La graduatoria finale è pubblicata sul sito della Fondazione e si provvederà a darne diretta comunicazione agli interessati all’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) o al numero di fax indicati nella domanda di partecipazione.
  2. Qualora la Fondazione si avvalga della facoltà di sospendere, modificare o annullare la procedura di valutazione comparativa di cui al presente avviso o comunque ritenga di non procedere all’affidamento dell’incarico, ne verrà data notizia esclusivamente sul sito istituzionale.

 

 

Art. 11 – affidamento incarico

  1. Al candidato selezionato verrà affidato l’incarico per lo svolgimento delle funzioni di cui all’articolo 1 del presente avviso, relativamente al progetto comunitario SOCIAL SEEDS
  2. L’incarico sarà attribuito con apposito contratto individuale. A tale fine il candidato selezionato dovrà presentare, a pena di decadenza, una dichiarazione attestante:
  1. l’accettazione dell’incarico;
  2. l’assenza di altri rapporti o incarichi con la Fondazione Federico II e di rapporti di parantela con dipendenti o collaboratori della stessa Fondazione;
  3. i dati previdenziali.

 

 

Art. 12 – informazioni sull’avviso

  1. Il presente avviso è pubblicato, sul sito internet istituzionale www.federicosecondo.org voce di menu ‘Amministrazione Trasparente’
  2. Il responsabile del procedimento è il Direttore Amministrativo, Sig. Rosaria Razete, Via Nicolò Garzilli, 36 – 90141 PALERMO indirizzo email antonella.razete@federicosecondo.org

 

 

Art. 13 – trattamento dati personali

I dati personali forniti dai candidati saranno trattati ai sensi del D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 e successive modificazioni e integrazioni.

Scarica il Bando in versione PDF

Avviso Controller Social Seeds

TOURIST ENTRANCE FROM PIAZZA DEL PARLAMENTO

MONUMENTAL COMPLEX OF THE ROYAL PALACE AND THE PALATINE CHAPEL

In addition to the Palatine Chapel and the Exhibition, all the Royal Apartments are included in the tourist itinerary, with the exception of thePio La Torre Hall and Piersanti Mattarella Hall.

The monumental visit offer is enriched by a visit to the Royal Gardens for a cost of 2 euros. The visitors of the Monumental Complex can choose to add it to the tourist route.

On Tuesday, Wednesday and Thursday the Royal Apartments are closed to the public due to parliamentary activities, while the Palatine Chapel remains open, except during religious services. The early closures are specified month by month on this website.

In the event of early closure, the Royal Gardens and the exhibition “ROSALIA eris in peste patrona” remain open to visitors. In this case the ticket office issues the last entry ticket at 4.40 pm.

From Wednesday, September 5th, with the new entrance from Piazza del Parlamento, the offer is enriched by the exhibition, set up in the Duke of Montalto Halls, “ROSALIA, eris in peste patrona”. The exhibition presents, for the first time, thirty-eight works of art, among the most important, dedicates a Santa Rosalia, patron of the city of Palermo.

*************

Attention: on Saturday, March 23, 2019, the Palazzo Reale Monumental Complex will be closed for visitors all day for institutional reasons.

TIMETABLES

Monday / Saturday from 8.15 a.m. to 5.40 p.m.

(last ticket at 4.00 p.m.)

Sunday and holidays from 8.15 to 1.00 p.m.

(last ticket at 12.00 p.m.)

*****************

EARLY CLOSURES OF APRIL 2019

Sunday 7 visits to the Palatine Chapel will be off-limits from 9.30 to 11.00.

On Sunday 14, 21, 28, visits to the Palatine Chapel will be closed from 9.30 am to 11.30 am.

Tuesday 9, the ticket office will issue the last entry ticket to the Palatine Chapel at 14.30. The Royal Gardens and the ROSALIA eris exhibition in the patron plague will remain open to visitors, for which the last ticket will be at 4.40 pm;

Wednesday 3 the ticket office will issue the last ticket at 4.30pm;

Thursday 4, the Ticket Office will issue the last admission ticket at 16.00. The Royal Gardens and the ROSALIA eris exhibition in the patron plague will remain open to visitors, for which the last ticket will be at 16.30;

Thursday 4, Saturday 13, Thursday 18, Friday 19, Tuesday 23, Wednesday 24, Saturday 27, Tuesday 30, the Ticket Office will issue the last entry ticket at 4.00 pm. The Royal Gardens and the ROSALIA eris exhibition in the patron plague will remain open to visitors, for which the last ticket will be at 4.40 pm;

*****************

Friday 19 April, on the occasion of the Holy Week precepts, visitors are invited to observe absolute silence within the Palatine Chapel.

On Monday 22 and Thursday 25 April the Monumental Complex will close at 1.00 pm (last ticket issued at 12.00).

*****************

LA PROCESIÓN FIVE HUNDRED YEARS OF HISTORY – PALAZZO MONCADA CALTANISSETTA
Open from 15 March to 15 May 2019

From Tuesday to Saturday from 10 to 1 p.m. (last admission at 12.30) and from 5 p.m. to 8 p.m. (last admission 7.30 p.m.)
Closing days: 21 and 22 April

COSTS SHOW THE PROCESIÓN
full 5 euros, guided tours 6 euros, reduced (schools and children aged 7 to 18) 2.50 euros, reduced (groups of minimum 10 units) 3 euros.
Free for children up to 6 years, disabled and their carers, teachers who accompany school groups, tourist guides who accompany groups.

CLOSING DAYS

December 25thand January 1st. EARLY CLOSURE DAYS The days of July 15th and September 4th are holidaysin the city of Palermo, so the closure is scheduled at 1.00 pm, last admission at 12.15 p.m.

Si trova al piano terra, all’inizio del percorso di visita; proprio nello spazio, un tempo adibito alla emeroteca, tra la sezione muraria seicentesca e le absidi della Chiesa inferiore. Arredato seguendo uno stile contemporaneo e minimale colpisce per il meraviglioso affresco staccato e restaurato raffigurante la Madonna del Rosario con San Domenico e San Francesco, realizzato intorno al 1600, dal noto artista Giuseppe Spatafora junior.

L’affresco raffigurante la Madonna del Rosario con San Domenico e San Francesco di Giuseppe Spatafora junior.

Ben allestito e organizzato, propone un catalogo ricco e fornito, in continuo aggiornamento editoriale, con libri sulla storia del Palazzo e sull’arte che lo contraddistingue, testi di narrativa e cataloghi delle mostre, allestite temporaneamente nelle Sale Duca di Montalto. Offre al visitatore e al turista un’ampia scelta di originalissimi e raffinati gadget del merchandising e di selezionati designer siciliani dalla ceramica al tessuto. In questo spazio, dove prevalgono i valori culturali legati al Complesso Monumentale di Palazzo Reale ed identificativi della Sicilia, l’oggettistica assume caratteristiche di pregio grazie al design, ai materiali, agli aspetti estetici e funzionali che ribaltano la semplicistica definizione di gadget.

Registered Office:
Piazza del Parlamento, 1 - 90134 Palermo
Direzione Generale e Uffici:
Piazza della Vittoria, 23 - 90134 Palermo

E-mail: fondazione@federicosecondo.org
Tel.: +39 091 7055611

Info - PEC:
direzione.federicosecondo@pec.it
amministrazione.federicosecondo.@pec.it
personale.federicosecondo.@pec.it

  • (*) obbligatorio

Orari

  • Lunedì/Sabato

    dalle ore 8.15 alle ore 17.40

  • Palazzo Reale / Cappella Palatina
  • Domenica e festivi

    dalle ore 8.15 alle ore 13.00

  • Palazzo Reale / Cappella Palatina

Ponte dell'Ammiraglio

It was completed around 1131 by the will of Giorgio d’Antiochia, admiral of King Ruggero II of Sicily, one year after the birth of the Kingdom of Sicily, to connect the city (become capital) to the gardens beyond the Oreto river. Even today in the square, called Scaffa, is a symbol of the link between the city center and the peripheral area Brancaccio.

The use of very sharp arches made it possible for the bridge to bear very high loads; it is also interesting to open small arcs between the shoulders of the big ones to lighten the structure and pressure of the river below. In fact, the bridge resisted even to the terrible Flood of Palermo in February 1931. On May 27, 1860, during the Shipment of Thousands, Garibaldi, right on this bridge and in the nearby Termini gateway, collided with the Borbone troops,

Since July 3, 2015, it is part of the World Heritage Site (UNESCO) within the “Palermo-Norman Palermo Route and the Cathedrals of Cefalù and Monreale”.

Ponte dell'Ammiraglio

Chiesa di San Cataldo

Founded by Maione of Bari, in the years when it was the great admiral of William I, between 1154 and 1160, the building was later entrusted to the Benedictines of Monreale, who guarded it until 1787. In 1882, after various vicissitudes that saw the church embedded in a neoclassical structure by architect Alessandro Emmanuele Marvuglia and transformed even in post office, was completely restored by Giuseppe Patricolo and restored to the rigorous original architectural structure.

The building was traditionally attributed to Maione da Bari. At the Maione assassination in 1160, his properties were sold to Silvestro, so his son Guglielmo sold them together with the jus of a chapel “in predictis domibus costructa”, clearly identifiable in San Cataldo, since the same church was used to burial the little sister Matilda, who died in 1161, as derived from the inscription that is still visible today on one of the church’s interior walls near the entrance.

Chiesa San Cataldo

Chiesa Santa Maria dell'Ammiraglio (La Martorana)

The Church of Santa Maria dell’Ammiraglio, seat of the parish of San Nicolò dei Greci (the chapel of St. Kollit Arbëreshëvet in Albanian), note like Martorana, is located in the historical center of Palermo. Adjacent to the church of San Cataldo, it overlooks Piazza Bellini where the church of Santa Caterina d’Alessandria faces.

The Church belongs to the Eparchy of Piana degli Albanesi, a constituency of the Italian-Albanian Church, and follows the liturgy for the Italian-Albanian residents of the city according to the Byzantine rite.

Byzantine Byzantine building of the Middle Ages, is a witness to the religious and artistic culture still present in Italy today, further brought by the exiles of Albanians refugeed in Sicily under the burden of Turkish persecution in the Balkans.

Since July 3, 2015, it is part of the World Heritage Site (UNESCO) under the “Arab-Norman Itinerary of Palermo, Cefalù and Monreale”.

chiesa santa maria dell'ammiraglio (la martorana)

Chiesa di San Giovanni degli Eremiti

It is a Romanesque church and externally reminds of Oriental buildings. This appeal to the Orient is even more emphasized by the red domed domes, restored in the nineteenth century by the architect Giuseppe Patricolo perhaps similar to the original one. -581, St. Gregory the Great, and Santa Silvia’s mother are among the promoters and founders of the place of worship. The monastery belongs to the Benedictine Order before Abbazia of the Benedictine Congregation in Sicily.

With the rebuilding of Ruggero he assumes the title of “Real” and receives concessions of numerous privileges. Over the centuries the church suffered some tampering but they did not in any way affect the interior building. Overlapping was eliminated around 1880 by architect Giuseppe Patricolo.

Since July 3, 2015, it is part of the World Heritage Site (UNESCO) in the “Arab-Norman Itinerary of Palermo, Cefalù and Monreale”.

Chiesa San Giovanni Eremiti

Castello della Zisa

The Zisa Castle (from Al-Azizah or “the splendid”) dates back to the 12th century and is one of the best testimonies of the Arab-Norman domination in Sicily. Built as a summer residence out of town for the leisure of the king, it was built by the Normans on the model of the rich residences of their Arab predecessors.

Today Zisa hosts the Islamic Art Museum, which collects works from Sicily and the Mediterranean area produced between the 9th and 12th centuries. Among these very interesting is a Christian inscription in four languages: Hebrew, Latin, Byzantine and Arabic greek, testimony to the multiethnicity of Palermo.

Duomo di Cefalù

The cathedral of Cefalù, known as the Cathedral Basilica of the Transfiguration, is a basilica located in Cefalù, in the metropolitan city of Palermo, and cathedral of the diocese of the same name.

According to the legend, he would have emerged following the vote to the Most Holy Salvatore of Ruggero II, escaped a storm and landed on the town’s beaches. The real motivation seems rather political-military, given its character of fortress.

The constructive events were complex and was finally completed in the Swabian age. An ambulance made in the thickness of the wall and the same roof, consisting of three roofs, different era and different construction techniques, testify to the changes in the project.

The monument has a Romanesque style with Byzantine features.

Since July 3, 2015, it is part of the World Heritage Site (UNESCO) under the Palermo-Norman Route of Palermo, Cefalù and Monreale.

Duomo Cefalù

Duomo di Monreale

The Cathedral of Santa Maria Nuova is located in the historic center of Monreale, set on the slopes of Mount Caputo.

The building follows the pattern of the great Benedictine Basilicas from Cluniac. The facade, overlooking a quadrangular square, is narrow between the two bell towers, of which the left left unfinished in the first order. The entrance is preceded by the eighteenth-century porch, baroque style, which opens on the outside with three arches, all over the sixth, resting on Tuscan columns; Below it, there is the portal, closed by two bronze hinges, by Bonanno Pisano and dating back to 1185 – 1186

The construction of the great temple was started in 1172 and ended in 1267.

Duomo Monreale

Palermo Cathedral

Palermo Cathedral is the cathedral church of the Roman Catholic Archdiocese of Palermo, located in Palermo, Sicily, southern Italy. It is dedicated to the Assumption of the Virgin Mary. As an architectural complex, it is characterized by the presence of different styles, due to a long history of additions, alterations and restorations, the last of which occurred in the 18th century.

The church was erected in 1185 by Walter Ophamil (or Walter of the Mill), the Anglo-Norman archbishop of Palermo and King William II’s minister, on the area of an earlier Byzantine basilica.

.

Cattedrale di Palermo

MAKE A TOUR IN NORMAN PALACE AND PALATIN CHAPEL BY OUR VIDEOGUIDE

DISCOVER A WONDERFUL WORLD!

RENT YOUR VIDEOGUIDE ON IPOD TOUCH AND START YOUR JOURNEY IN NORMAN PALACE

VIDEOGUIDA CAN BE HIREENED IN TICKETS OR BOOKSHOP DESK

SERVICE COST: € 5.00 – AVAILABLE IN ITALIAN, ENGLISH, FRENCH, SPANISH, GERMAN AND RUSSIAN.

**************

FOR TOURIST GROUPS IS ALSO AVAILABLE THE RADIOGUIDE SERVICE, AT A COST OF € 1.50 PER PERSON.

TOURIST ENTRANCE FROM PIAZZA DEL PARLAMENTO

MONUMENTAL COMPLEX OF THE ROYAL PALACE AND THE PALATINE CHAPEL

The monumental visit offer is enriched by a visit to the Royal Gardens for a cost of 2 euros. The visitors of the Monumental Complex can choose to add it to the tourist route.

On Tuesday, Wednesday and Thursday the Royal Apartments are closed to the public due to parliamentary activities, while the Palatine Chapel remains open, except during religious services. The early closures are specified month by month on this website.

From Wednesday, September 5th, with the new entrance from Piazza del Parlamento, the offer is enriched by the exhibition, set up in the Duke of Montalto Halls, “ROSALIA, eris in pestepatrona”. The exhibition presents, for the first time, thirty-eight works of art, among the most important, dedicates a Santa Rosalia, patron of the city of Palermo.

 TICKETS COST

Entrance exhibition

only Full price € 6.00

Concessions – Teenagers from 14 to 17 years of age € 3.00

– Students on a field trip € 1.00

Entrance to the Royal Gardens only Every day € 2.00

Entrance to the exhibition, the Palatine Chapel and the Royal Apartments

From Friday to Monday and holidays and when the Royal Apartments are open to visitors

Full price € 12.00 Concessions € 10.00

Entrance to the exhibition and the Palatine Chapel

From Tuesday to Thursday and when the Royal Apartments are closed to visitors

Full price € 10.00 Concessions € 8.00

Professors and students between the ages of 18 and 25 years are entitled to concessions.

EVERY DAY CONCESSIONS

Seniors of 65 years of age or older € 8.00

Teenagers from 14 to 17 years of age € 4.00

Students on a field trip € 2.00

You can make a reservation for a visit to the exhibition and to the Monumental Complex by sending an email to fondazione@federicosecondo.org (info +39 091 6262833).

FREE TICKETS

Teachers accompanying students on a field trip Children and teenagers up to 13 years of age, if accompanied by adults and not on a field trip

Professors and students pursuing degrees in historical, artistic and literary fields

Journalists,

ICOM members and employees of the Regional Department of Cultural Heritage

People affected by disabilities and an accompanying person when established.

All conditions relating to discounts and free entries are guaranteed to all citizens of European Union countries and those of countries outside the European Union with which a reciprocity agreement is established. No reductions on the cumulative tickets are made.

FRUITION OF THE ROYAL PALACE FOR PEOPLE AFFECTED BY DISABILITIES

In order to ensure a better welcome and accompaniment  service(always guaranteed) to people affected by disabilities in wheelchairs, please kindly communicate, also by mail, the day and time of the visit. BOOKING SERVICE

For more information on group tours and school groups or private visits, please write an email to the following address fondazione@federicosecondo.org; or contact the offices of Piazza della Vittoria, 23 at number 091/7055611 – reference Mr. Claudio Picciurro.

Videoguides

At the bookshop it is possible to rent the videoguide, an IPOD touch, which illustrates the itinerary with photos and texts in Italian, English, French, German, Spanish and Russian.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Tickets On Line

Buy Tickets

Located on the first floor of the Norman Palace and it was dedicated, by will of Roger II as its made clear  in a document from 1132, to Saint Peter Apostle, this already before the  official document from 1140. Bears the year 1143 the inscription on the base of the dome, which sets a coeval date to the mosaics on the presbytery and leaving , as proved by the stylistic analysis, contemporary to the kingdom of William I the mosaics in the naves.

Its the highest example, from an historic and artistic point of view, of the coexistence between cultures, religions and ways of thinking apparently irreconcilable, as Byzantine, Muslim and Latin handcraft masters  were involved by the wisely managed  power of Roger II.  The Chapel arose to synthesized the liturgical needs of both the Latin and Greek rituals, proof of this is the

Latin plant divided in three naves and the presbytery (byzantine), surmounted by a dome, made exactly according to the most classic byzantine codes. Interesting is the repetition of this element in the basin of the central apse, where it has a communicative and mercifully effect to whom enters the church.  Among the ancient mosaics outstanding is the baptism of Christ, stupendous work with the stylization of the waves.

Images of Saints and Fathers of the Church are present on the pillars and on the soffits of the arches.

On the side naves, decorated under the kingdom of  William I are narrated episodes of the lives of Saint Peter and Saint Paul and in the central nave the events of the Old Testament. The marble chandelier to hold the Easter candle, leaning on the ambo, an elegant sculpture made probably by artists with ties to North of Italy.

The Arab handcraft masters realized the vault in muqarnas, that dominates the central nave, a unique example in the whole world of pictorial Islamic decorations with human representations inside a worship place. A structure entirely fabricated in wood, wisely  elaborated in sections united by insertions ,with stalactite and concave elements, that remind us of a cave.  An inscription in Latin, Greek and Arab in 1142, in memory of the hydraulic watch made by Roger II, which is testimony of the fusion of cultures in Norman Palermo (the inscription is located in the Maqueda Courtyard on the wall on the left side before entering the Chapel in direction to the stairs that conduct us to the Fountain Courtyard and its translated in its byzantine version “Oh new wonder! The strong Sir Roger having had the scepter from God , stop the course of the fluid substance, distributing cognition free of error from the hours of time. In the month of March fifth call and of our health the year 1142, and of his happy kingdom the year XIII” ).

The mosaics on the frontage at the entrance where performed during the beginning of the XIX century by Santi Cardini and Pietro Casamassima  and represent the events of the life of Assalon, rebel son of king David. This cycle was realized by will of Ferdinand III of Bourbon (present along with his wife Maria Carolina in the medallion on the mosaic with the Genius of Palermo crowned).

Palatin Chapel

Palatin Chapel

The Royal Palace or The Norman Palace of Palermo was constructed on the highest part of the city, above a Punic installation discovered in 1984 (located in the section under the Duke of Montalto Halls). During the Arab domination, the first nucleus was built between the rivers Kemonia and Papireto with characteristics that were typically defensive, that is why it was named “Qsar”, a term that in Arabic indicates more than a castle, but also a fortress for military assignments.

With the arrival of the Normans to Palermo in 1072, the reconstruction and amplification of the city began, work that allowed the transformation from fortress to Royal Palace and neuralgic center of complex events that, in 1130, following the crowning of Roger II of Altavilla (first Norman king of Sicily) conducted to the construction of the marvelous Palatine Chapel.

Four towers characterized the main nucleus of the Norman palace, inside of which could’ve  be a workshop and a textile laboratory (tiraz); to which the courts, first of  Roger II and later  of William I (the Mean one) and of William II (the Good one), succeeded on the miracle of joining cultures deeply diverse.

Frederick II of Swabia , heir of  Henry VI Hohenstaufen and Constance of Altavilla,  continued his grandfather Roger II’s  line of  politics, and despite the fact that he was involved in the Palermitan  direction  only at an early age, he organized the administrative  activities, as well as the cultural aspects with the meetings of the  Sicilian Poetry  School.

After a  phase of forgetfulness, characterized during the Angevin and Aragonese domination, the Royal Palace was relaunched   from the politics of the Spanish  viceroys in the second phase of the XVI century, and therefore were constituted new architectonic elements with military stamp and of representation, consistent with the new organizational needs (among which the Fountain Courtyard  1584 and the Maqueda Courtyard 1600).

The Bourbons period gave a cue for the completion of the “Palace” and in particular to the new decorations in the Hercules Hall, today home of the Sicilian Regional Assembly.

How to reach the Royal Palace of Palermo and the Palatine Chapel:

  • From Catania: A19 – exit to Palermo – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza dell’Indipendenza
  • From Trapani: A29dir/E933 – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza dell’Indipendenza
  • By Metro: Stazione Metro Orleans
  • Bus: 304 Capolinea, 104, 108, 118, 105, 110
  • Monumental complex


  • How to reach the Royal Palace of Palermo and the Palatine Chapel:

    From Catania: A19 – Palermo exit – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza del Parlamento

    From Trapani: A29dir/E933 – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza del Parlamento

    In the city: Metro Station Orleans

    Bus: 304 Capolinea, 104, 108, 118, 105, 110

  • TIMETABLES


    • Monday/Saturday from 8.15 to 17.40 (last ticket at 16.40)
    • Sundays and holidays from 8.15 am to 1.00 pm (last ticket at 12.00 pm)
    • N.B. PLEASE CHECK TIMETABLES UPDATES ON PAGE TIMETABLES

Bookshop

The bookshop is located on the ground floor, where the tour starts. Here you can buy publications on the Royal Palace and the Palatine Chapel, books on History and Arts, tourist guides, audiovisual materials, jewelry, souvenirs, objects and traditional Sicilian pottery. The bookshop also has an exhibition space for Libera Terra, where you can find products of cooperatives working on lands confiscated from the Mafia.

 

For years this construction remained in the shadow  of the Cappella Palatina wanted by Ruggero II and is a monument known only by the few. The name of Santa Maria delle Grazie comes after the insertion of the altarpiece depicting the iconography that bears the same name dating back to the amplifications made into the palace during the Spanish period.

The place often named the “cripta”, because is located below the Cappella Palatina, is in fact a lower church, as it is not located below the cortile Maqueda.

The nucleus consists of three complementary parts: to the east we find a chapel with three naves divided by two columns and covered by a cross vault (Chiesa Santa Maria delle Grazie), to the west a rectangular hall with a barrel vault (area in which in 1166 was placed the sarcophagus of Guglielmo I ) and finally a walkway that surrounds the structure from all four sides.

The church was also used as burial place for prominent individuals such as Vicerè Emanuele Filiberto di Savoia, who died for the plague in 1624.

Le segrete at the same level of the Chiesa inferiore (below the Cappella Palatina) and also in the same origin of the “Arabo-Normanno” period is located under the Cortile della Fontana. The rectangular area, the largest of this part, is the one from which comes the name “Segrete”, after the finding around the 1980s of the graffities, which are medieval ships  depicted.

The mura puniche, dated around the V century B.C., found in 1984, represent the oldest stratigraphic section of the Palazzo dei Normanni, of merit is the postern, perfectly kept and used by the ancients to manage the access to the inside of the city.

Near the main staircase before reaching the Maqueda courtyard you access to the Duke of Montalto Halls, frescoed during the first half of the seventeenth century by the most talented artists of the time including Pietro Novelli, Gerardo Astorino and Vincenzo La Barbera, to transform the original rooms for summer hearings of the Parliament. At the end of the room, there’s  a fresco of Gerardo Astorino showing a meeting of the Sicilian parliament of the seventeenth century. Above the porthole that allows a striking view of the Punic walls, there is a great work by Novelli that depicts Pietro Moncada riding, testimony to the decorative environment, transformed, under Ferdinand III of Bourbon, on project of Venanzio Marvuglia in stables.

It is another section of the “gallery”. On the vault, paintings of three historic episodes made in the first half of the ‘800, by Patania (“La consegna della Città da parte dei Musulmani”) by Patricolo, (“La presa di Palermo da parte dei Normanni”) and by Riolo, (“Il ritorno di Nicodemo al soglio vescovile di Palermo”).Today this hall is home to important cultural encounters.

It was part of the original “gallery” of the palace. Today place for institutional meetings. The ceiling a painting by Benedetto Codardi that highlights: “the Apotheosis of Labor, of Agriculture, of Art and Science”.

During the Norman period in Sicily, was part of the private apartment of the sovereign. In the first half of the 19C was the hall of the apartment used by the Bourbon kings. At the time of the Savoy was used as a living room and there were placed the two great Sicilian landscapes. The paintings were purchased by King Umberto I on the occasion of National Palermo in 1891 along with that of the painter Anna Maria Cariolato “The Prayer” from which the name of the hall.

The furniture, made from four large sofas with relative benches and a console, in carved and lacquered in white with gold tooling, are half of the nineteenth century. The octagonal table in the center of the room in inlaid wood and carved by ornamental design Hispano-Arabic, characterizes the style of oriental furniture European 19C Sicilian invoice.

Is the other surviving tower along with the Joharia of the Palazzo dei Normanni, is home to the offices of the President of the Assemblea Regionale Siciliana. Currently appears with out decorations, but it appears from the traces, (probably battle scenes) in the zones in which were added lofts by the Spaniards, that it was entirely decorated with mosaics, following the codes that imposed a strong symmetry between the scenes depicted. According to tradition, during the time of Federico II, the tower was probably one of the meeting places of the Scuola Poetica Siciliana and an environment that the sovereign himself also attended.

Named after Ruggero di Altavilla, first Norman King of Sicily, but it’s stupendous decorations are because of his son Guglielmo I detto il “Malo” (and they should be coeval to the lateral naves in the Cappella Palatina). The mosaics are of great esteem, they do not represent sacred elements but bear elements of vegetation and animal forms (the hunting scenes and symbols of the Norman power). They tell hunting stories with archers and deers, they also represent peacocks and other exotic animals including leopards, everything with an attempt to show the allegory of the Norman court. The table in the center of the room is a very fine object of neoclassic style, elaborated with petrified sequoia fossil and with amethyst paste.

It is one of the most suggestive and amazing hall in the Palace, being part of  torre “Joharia” (one of the four, along with the Chirimbi, Greca and Pisana of the “arabo-normanno” nucleus of the Palace), a synthesis of the passage of several cultures. From the ‘700 period, after the Utrecht treaty in 1713 which saw Vittorio Amadeo II di Savoia on the Throne of Sicily. The wooden ceiling with the wind rose in the center.

Painted around 1835 by Giovanni Patricolo, is suited to an exotic fashion spread between half of the XVIII century and the first half of the XIX century in many European courts, inspired in Oriental destinations like China, this kind of the hall served either as representation hall or a simple tearoom.

Highly refined hall, painted by Patania during the first half of the XIX century, is another marvellous example of neoclassic decorations influenced by the excavations of Ercolano and Pompei, with particular attention to a re visitation of the typical colors with red and black predominance which in this case turn into soft and delicate tones of blue.

So named for the 21 portraits of viceroys, lieutenants and presidents of the regno Borbone di Sicilia e delle Due Sicilie, of which the first King Carlo di Borbone, crowned June 30th 1735. The portraying characters are of those who ruled Sicily, taking the place of the king who resided in Naples. Domenico Caracciolo di Villamaina and of Francesco D’Aquino di Caramanico stand out among these names. The first one in 1782 suppressed the inquisition by allocating the income of that office for the creation of the new university, and the second one, in 1788 did abolished the angherie (the work free of charge that the farmers had to do in favor of the landowner) and before France, in 1789 did abrogate personal servitude and realized in 1790 the osservatorio astronomico located on the torre Pisana of the Palazzo dei Normanni.

The value of the works in question is dictated by the possibility to extrapolate iconographic data for the study of portraits of time (from 1754 to 1840 approx.) in Sicily.

The frieze that marks the perimeter of the room in direction to the vault , was made in 1901 by Salvatore Gregorietti highlights the symbol of Sicily (Trinacria) and the eagle of the Senato Palermitano.

It is the meeting hall for the 90 members of the Assemblea Regionale Siciliana(legislative organ of the region). Inside, two dates of particular historic interest, 1130 the year the Parlamento Siciliano was born (often considered the oldest in Europe) under the kingdom of Ruggero II di Altavilla and the year 1947, in memory of the first seating after the concession of Statuto Autonomo Siciliano (1946). Giuseppe Velasco (named il Velasquez) between the end of the XVIII and beginning of the XIX century, on commission of Ferdinando III di Borbone, decorated the walls with some of the twelve “Fatiche di Ercole”, using a monochromatic technique. On the vault are visible : the “nascita”, “morte”, and the monumental “Apoteosi”(the only polychrome one) of the mythological Greek hero. The “grottesca” decorations where painted by Benedetto Codardi, in neoclassic Pompeian style, according to the trend of that time.

How to get the Royal Palace and the Palatine Chapel in Palermo:

From Catania: route A19 – uscita Palermo – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza dell’Indipendenza

From Trapani: route A29dir/E933 – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza dell’Indipendenza

Metro station: Orleans

Bus: 304 terminus, 104, 108, 118, 105, 110

Ponte dell'Ammiraglio

Venne completato intorno al 1131 per volere di Giorgio d’Antiochia, ammiraglio del re Ruggero II di Sicilia, un anno dopo la nascita del Regno di Sicilia, per collegare la città (divenuta capitale) ai giardini posti al di là del fiume Oreto.

Ancora oggi nella piazza, denominata Scaffa, rappresenta un monumento simbolo del collegamento tra il centro della città e la zona periferica Brancaccio.

L’uso degli archi molto acuti caratteristici permetteva al ponte di sopportare carichi elevatissimi; interessante anche l’apertura d’archi minori tra le spalle di quelli grandi per alleggerire la struttura e la pressione del fiume sottostante. Il ponte infatti resistette senza problemi persino alla terribile Alluvione di Palermo del febbraio 1931

Il 27 maggio dell’anno 1860, nel corso della Spedizione dei mille, Garibaldi proprio su questo ponte e nella vicina via di porta Termini si scontrò con le truppe dei Borbone, lì posizionate perché rappresentava un punto d’ingresso alla città per chi veniva da sud, in quel caso anche Garibaldi proveniva dal Monte Grifone e precisamente dalla frazione di Gibilrossa. Ciò provocò l’insurrezione di Palermo.

Adesso sotto gli archi del ponte normanno non scorre più il fiume, dopo che il suo corso venne deviato nel 1938 a causa dei suoi continui straripamenti. Questo ha anche consentito l’allargamento del Corso dei Mille. Sotto il ponte dell’Ammiraglio oggi si trova un giardino, con attorno viali alberati, agave e altre varietà di piante grasse.

Il ponte ha ottenuto un incremento di presenze turistiche con l’inaugurazione del Tram di Palermo: infatti il ponte con la piazza omonima sono divenuti una delle principali fermate del percorso “Linea 1″.

Dal 3 luglio 2015 fa parte del Patrimonio dell’umanità (Unesco) nell’ambito dell'”Itinerario Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale”.

Ponte dell'Ammiraglio

Chiesa di San Cataldo

Fondato da Maione di Bari, negli anni in cui era grande ammiraglio di Guglielmo I, e cioè fra il 1154 e il 1160, l’edificio venne successivamente affidato ai benedettini di Monreale, che lo custodirono fino al 1787.

Nel 1882, dopo varie vicissitudini che videro la chiesa inglobata in una struttura neoclassica ad opera dell’architetto Alessandro Emmanuele Marvuglia e trasformata persino in ufficio postale, venne interamente restaurata da Giuseppe Patricolo e restituita alla rigorosa struttura architettonica originaria.

La Chiesa di San Cataldo è utilizzata molto frequentemente come testimonial dell’immagine monumentale di Palermo, in particolare della città in età normanna, per la sua peculiarità di stili presenti (orientale e occidentale). La fondazione della chiesa viene collocata abitualmente negli anni immediatamente successivi alla metà del XII secolo.

La realizzazione è tradizionalmente attribuita a Maione da Bari. All’assassinio del Maione, avvenuto nel 1160, le sue proprietà furono vendute a Silvestro, quindi suo figlio Guglielmo le mise in vendita insieme allo jus di una cappella “in predictis domibus costructa”, chiaramente identificabile nel San Cataldo, poiché la stessa chiesa era stata utilizzata per dare sepoltura alla piccola sorella Matilda, morta nel 1161, come si ricava dall’iscrizione che ancora oggi è visibile sopra una delle pareti interne della chiesa, nei pressi dell’ingresso.

Chiesa San Cataldo

Chiesa Santa Maria dell'Ammiraglio (La Martorana)

La Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, sede della parrocchia di San Nicolò dei Greci (klisha e Shën Kollit së Arbëreshëvet in albanese), nota come Martorana, è ubicata nel centro storico di Palermo. Adiacente alla chiesa di San Cataldo, si affaccia sulla piazza Bellini ove fronteggia la chiesa di Santa Caterina d’Alessandria.

La Chiesa appartiene all’eparchia di Piana degli Albanesi, circoscrizione della Chiesa italo-albanese, e officia la liturgia per gli italo-albanesi residenti in città secondo il rito bizantino.

Edificio bizantino del Medioevo, è testimonianza della cultura religiosa e artistica orientale presente ancora oggi in Italia, ulteriormente apportata dagli esuli albanesi rifugiatisi in Sicilia sotto l’incalzare delle persecuzioni turche nei Balcani.

Quest’ultimo influsso ha lasciato notevoli tracce nella pittura delle icone, nel rito religioso, nella lingua[2], nei costumi tradizionali proprie di alcune colonie albanesi nella provincia di Palermo. La comunità è parte della Chiesa cattolica, ma segue il rito e le tradizioni spirituali che l’accomunano in gran parte alla Chiesa ortodossa.

Si contraddistingue per la molteplicità di stili che s’incontrano, in quanto, con il susseguirsi dei secoli, fu arricchita da vari altri gusti artistici, architettonici e culturali.

Oggi si presenta, infatti, come chiesa-monumento storico, frutto delle molteplici trasformazioni, sottoposta inoltre a tutela.

Dal 3 luglio 2015 fa parte del patrimonio dell’umanità (Unesco) nell’ambito dell'”Itinerario Arabo-Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale”.

chiesa santa maria dell'ammiraglio (la martorana)

Chiesa di San Giovanni degli Eremiti

E’ una chiesa romanica e che esternamente ricorda edifici orientali . Tale richiamo all’Oriente viene ancor più enfatizzato dalle cupole di colore rosso acceso, restaurate nell’ottocento dell’architetto Giuseppe Patricolo forse simili all’originale.

581, San Gregorio Magno e la madre Santa Silvia sono annoverati tra i promotori e fondatori del luogo di culto. Il monastero appartiene all’Ordine benedettino prima sede Abbaziale della Congregazione Benedettina in Sicilia.

VII secolo, Agatone, futuro Papa, veste l’abito monastico in questo monastero.

842, Distruzione saracena e verosimile costruzione di Moschea.

1132, Riedificazione operata da re Ruggero con affido del monastero a Guglielmo da Vercelli fondatore dell’Ordine di Montevergine. In questa fase il primitivo monastero di Sant’Ermete è dedicato a San Giovanni Apostolo ed Evangelista. Adiacente al monastero sorgeva la chiesa di San Mercurio (in greco Ermes), per la vita eremitica dei monaci pertanto definiti romiti, per assonanza o storpiatura o contaminazione verbale col termine Ermete, il luogo di culto ricostruito diviene noto come monastero di San Giovanni degli Eremiti.

Con la ricostruzione di Ruggero assume il titolo di «Reale» e riceve le concessioni di numerosi privilegi.

1157 – 1163, L’Abate Giovanni Nusco discepolo di Guglielmo fonda numerosi monasteri dipendenze del monastero di San Giovanni degli Eremiti, egli conclude la parabola terrena presso uno di essi ovvero nelle pertinenze della Prioria di Santa Maria del Bosco Adriano di Burgio.

Nel corso dei secoli la chiesa ha subito alcune manomissioni che tuttavia non hanno in alcun modo intaccato l’edificio interno. Sovrapposizioni sono state eliminate intorno al 1880, dall’architetto Giuseppe Patricolo.

Dal 3 luglio 2015 fa parte del Patrimonio dell’umanità (Unesco) nell'”Itinerario Arabo-Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale”.

Chiesa San Giovanni Eremiti

Castello della Zisa

Il castello della Zisa (dall’arabo al-Aziza ovvero “la splendida”) risale al XII secolo ed è una delle migliori testimonianze della dominazione arabo-normanna in Sicilia. Sorto come residenza estiva fuori città per lo svago del re, fu costruito dai Normanni su modello delle ricche residenze dei loro predecessori arabi.

Oggi la Zisa ospita il Museo d’arte islamica, che raccoglie opere provenienti dalla Sicilia e dall’area mediterranea  prodotte tra il IX e il XII secolo. Tra queste molto interessante risulta un’iscrizione cristiana in quattro lingue: ebraico, latino, greco bizantino e arabo, testimonianza della multietnicità di Palermo.

Duomo di Cefalù

Il duomo di Cefalù, nome con cui è nota la Basilica Cattedrale della Trasfigurazione, è una basilica  che si trova a Cefalù, nella città metropolitana di Palermo, e cattedrale dell’omonima diocesi.

Secondo la leggenda, sarebbe sorto in seguito al voto al Santissimo Salvatore da Ruggero II, scampato ad una tempesta e approdato sulle spiagge della cittadina. La vera motivazione sembra piuttosto di natura politico-militare, dato il suo carattere di fortezza.

Le vicende costruttive furono complesse e fu definitivamente completato in età sveva. Un ambulacro ricavato nello spessore del muro e la medesima copertura, costituita da tre tetti, di epoca e tecnica costruttiva diversi, testimoniano dei cambiamenti intervenuti nel progetto.

Il monumento ha uno stile romanico con tratti bizantini.

Dal 3 luglio 2015 fa parte del Patrimonio dell’umanità (Unesco) nell’ambito dell’Itinerario Arabo-Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale.

Duomo Cefalù

Duomo di Monreale

La cattedrale di Santa Maria Nuova si trova nel centro storico di Monreale, adagiato sulle pendici del monte Caputo.

L’edificio segue il modello delle grandi basiliche benedettine di provenienza cluniacense. La facciata, prospiciente una piazza quadrangolare, è stretta fra le due torri campanarie, delle quali quella di sinistra rimasta incompiuta al primo ordine. L’ingresso è preceduto dal portico settecentesco, in stile barocco, che si apre sull’esterno con tre archi a tutto sesto poggianti su colonne tuscaniche; al di sotto di esso, vi è il portale, chiuso da due battenti bronzei, opera di Bonanno Pisano e risalenti al 1185 – 1186

La costruzione del grande tempio fu avviata nel 1172 e terminò nel 1267.

Concepito come chiesa dell’annessa abbazia territoriale benedettina, indipendente dalla cattedra di Palermo, nel 1178 l’abate Guglielmo ottenne da Papa Lucio III che fosse costituita l’arcidiocesi metropolitana di Monreale e la chiesa abbaziale elevata al rango di cattedrale.

Alla costruzione seguono una sequenza infinita di privilegi e concessioni reali, da parte delle alte gerarchie ecclesiastiche locali, riconoscimenti consistenti in castelli, terre, chiese, opifici, rendite di vario genere sparsi in tutta la penisola italiana, i primi tre: 15 febbraio 1175, 15 agosto 1176 concessione di Guglielmo II che assegna i castelli di Gaito, di Coriglione e Calatrasi e relativi possedimenti, concessioni riconfermate per privilegio di Margherita di Navarra e di Sicilia.

Duomo Monreale

Cappella Palatina

Fu costruita a partire dal 1129 per volere di re Ruggero II di Sicilia, costituita in parrocchia dall’arcivescovo Pietro, elevata a collegiata, consacrata il 28 aprile 1140 come cappella privata della famiglia reale dall’arcivescovo Ruggero Fesca alla presenza di numerosi prelati del Regno. I lavori furono completati nel 1143 con l’inaugurazione celebrata il 29 giugno e una elogiante omelia dell’arcivescovo di Taormina Filagato da Cerami. Un’iscrizione trilingue (latino, greco-bizantino e arabo) sull’esterno della cappella commemora la costruzione di un horologium nel 1142.

Investita di concessioni e privilegi, prerogative e possedimenti confermati e integrati da Guglielmo I, Guglielmo II d’Altavilla, Enrico VI, Federico II di Svevia, E ancora da Manfredi di Sicilia, Carlo d’Angiò, Federico III d’Aragona, Martino il Giovane,Alfonso V d’Aragona.

Cappella Palatina - Vista Superiore

Palazzo Reale

Il Palazzo Reale o dei Normanni si trova a Palermo, ed è la più antica residenza Reale d’Europa. Ancora visibili, nei sotterranei visitabili, i resti dei primi insediamenti punici, ma la prima parte costruita risale alla dominazione araba nel IX secolo.

I Normanni in seguito trasformarono il Castello nel centro nevralgico della loro monarchia e realizzarono quattro torri collegate tra loro da portici e giardini. Si deve a Ruggero II la costruzione di una magnifica cappella interna al palazzo, la  “Cappella Palatina”, dedicata ai santi Pietro e Paolo e consacrata nel 1140. Il complesso era collegato in origine alla Cattedrale da una via coperta. Nel 1556 dopo la demolizione delle torri e il rifacimento dell’imponente facciata divenne dimora dei Vicerè spagnoli.

Oggi il Palazzo svolge un’importante funzione direttiva, essendo sede dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Palazzo Reale

La Cattedrale di Palermo

La Cattedrale metropolitana di Palermo è dedicata alla Santa Vergine Maria Assunta in Cielo. La patrona della città è Santa Rosalia cui è dedicata la Cappella meridionale posta nell’abside minore del transetto destro.

Importantissimo è il culto che Palermo e la Sicilia tributano alla Vergine Maria, venerazione che trova fondamento nel rapporto epistolare tra l’ambasceria del Senato Messinese e Maria Madre di Gesù Cristo, Madre di Dio, Madre della Chiesa, secondo il dogma Theotókos formulato dal Concilio di Efeso e riaffermato da alcuni principii del Concilio di Nicea I.

Legame rafforzato dall’opera evangelizzatrice degli Apostoli, San Pietro e San Paolo nei rispettivi transiti in terra sicula.

In tutte le accezioni è Patrona delle principali città dell’isola, Patrona Principale del Regno delle Due Sicilie e attuale Patrona della Sicilia, a lei sono dedicate la maggior parte delle Cattedrali e numerosi luoghi di culto.

Cattedrale di Palermo

ORGANICO PERSONALE AL 18.04.2019

(Informazioni comunicate ai sensi della normativa sulla Privacy – D. Lgs 196/2003 – e del contratto nazionale di lavoro).

La Fondazione ha nel proprio organico 43 unità lavorative oltre il Direttore Generale. Il contratto nazionale di lavoro applicato è quello del settore Commercio Terziario Servizi.

Uffici amministrativi e servizi tecnici 13 dipendenti:
(Amministrazione, Personale, Rapporti con tour operator e scuole, Organizzazione mostre ed eventi, Servizi Tecnici, Grafica editoriale, Gestione sito web, Centralino, Protocollo)

  • 1 – I° livello full-time;
  • 1 – II° livello full-time;
  • 5 – III° livello full- time;
  • 3 – III° livello part-time;
  • 1 – IV° livello full-time;
  • 1 – IV° livello part-time;
  • 1 – V° livello full-time.

Servizi Aggiuntivi Palazzo Reale 24 dipendenti:
(Biglietteria, Visita Palazzo, Mostre, Videoguide e Radioguide)

  • 1 – quadro;
  • 1 – II° livello full-time;
  • 1 – IV° livello full-time;
  • 16 – IV° livello part-time;
  • 5 – V° livello part-time.

Bookshop 4 dipendenti:

  • 4 – III° livello full-time.

Cronache Parlamentari (contratto nazionale giornalisti):

  • 1 capo redattore;
  • 1 collaboratore ex art.2.

Direttore Generale

Per contratto il Direttore Generale ha un costo aziendale complessivo di 110.000,00 euro per un importo mensile netto (14 mensilità) di 4.398,00 euro. Il contratto applicato al minimo è quello dei dirigenti di azienda del settore Commercio e Servizi.

COLLABORAZIONI ESTERNE

Consulenza del lavoro ed elaborazione buste paga: Studio Franzone, Palermo; Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (D.Lgs. 81/08): Ing. Paolo Spallino, Palermo; Consulenza fiscale e tributaria: dott. Umberto Consiglio, Palermo; Medico del lavoro: Francesco Gagliardo, Palermo. (D. Lgs. 81/08):

ASSISTENZE LEGALI

Avv. Roberto Croce.

BILANCI

Grafico incassi di biglietteria 2016

Grafico incassi bookshop 2016

Relazione Bilancio 2016

Nota Integrativa 2016

Relazione Sindaci Revisori 2016

Bilancio CEE 2016

Relazione bilancio di previsione 2017

Bilancio di previsione 2017

Bilancio 2017

Nota integrativa bilancio 2017

Relazione consuntivo bilancio 2017

Relazione collegio 2017

Relazione al previsionale 2018

BANDI E CONCORSI

Avviso Controller Social Seeds

ORGANI STATUTARI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Presidente On. Gianfranco Miccichè
Vice Presidente Vicario On. Giovanni Di Mauro
Vice Presidente On. Giovanni Carlo Cancelleri
Componente  On. Giorgio Assenza
Componente  On. Giovanni Bulla
Componente  On. Salvatore Siragusa
Componente  On. Alfio Papale
Componente  On. Emanuele Di Pasquale
Componente  On. Stefano Zito
Componente  Dott. Felice Cavallaro
Componente  Dott. Tommaso Romano
Componente  Dott.ssa Maria Elena Volpes

COLLEGIO SINDACALE

Presidente Giovanni Abate
Componente Mario Giambona
Componente Marco Mazzurco

DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa Patrizia Monterosso

La Fondazione Federico II, istituita il 9 dicembre 1996 con la legge regionale n.44, è un ente di diritto pubblico, la cui personalità giuridica è stata riconosciuta nell’agosto 1997 con decreto del Presidente della Regione Siciliana; è Organo culturale e informativo dell’Assemblea Regionale Siciliana. Intitolata al monarca che nel XIII secolo fece della Sicilia la culla delle lettere e delle arti e che seppe integrare le diversità etnico-culturali presenti allora nell’Isola, la Fondazione Federico II ha il compito di valorizzare il patrimonio culturale della Sicilia e dei suoi artisti.

Fino al 2004 la Fondazione era nell’elenco dei beneficiari di quella che fu la tabella h ma con una modifica dello statuto e un intervento legislativo (articolo 51 della legge regionale n. 15) oggi l’ente cura la gestione dei servizi aggiuntivi del Complesso Monumentale di Palazzo dei Normanni e della Cappella Palatina (bigliettazione e bookshop) e copre, attraverso queste attività, i propri costi di funzionamento. L’Ars, inoltre, ha concesso degli spazi propri quali le Sale Duca di Montalto, la Sala Pier Santi Mattarella, la Sala Pio La Torre e l’Oratorio dei Santi Elena e Costantino per l’organizzazione e la promozione di eventi, mostre, convegni di studio e di ricerche storico – giuridiche anche mediante la istituzione di borse di studio e la collaborazione con istituti universitari e di ricerca, italiani ed esteri, e con provveditorati agli studi siciliani.

Infine, lo statuto, all’articolo 3, assegna alla Fondazione anche il compito di gestire delegate per atto normativo, amministrativo o in regime di convenzione dalla Regione siciliana (attività in house).

Va da se che per le iniziative in house curate dalla Fondazione l’ente pubblico di riferimento è l’Assessorato regionale competente a svolgere attività analoghe a quelle gestite in house.

La Fondazione cura un quotidiano online Cronache Parlamentari Siciliane, realizzando in tal modo il compito di diffondere la conoscenza dell’attività degli Organi Istituzionali della Regione Siciliana.

FONDAZIONE FEDERICO II

STATUTO

Articolo 1) DENOMINAZIONE

È costituita, ai sensi dell’art. 12 e seguenti del c.c. ed in esecuzione della legge regionale 9 dicembre 1996, n. 44 e successive modifiche ed integrazioni una fondazione denominata

“FONDAZIONE FEDERICO II”

Articolo 2) SEDE

La Fondazione ha sede legale in Palermo.

Con delibera del Consiglio di Amministrazione possono istituirsi sedi amministrative e/o operative nel territorio della Regione Siciliana, nonché sedi ed uffici di rappresentanza in Italia e all’estero.

Articolo 3) NATURA GIURIDICA

La Fondazione è ente di diritto pubblico, costituito sotto l’alto patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana e della Regione Siciliana.

La nomina della maggioranza dei membri dell’organo di amministrazione è effettuata in forza di legge e gli amministratori, in maggioranza, sono rappresentanti della Regione siciliana.

Le attività svolte dalla Fondazione, anche quali risultanti dal bilancio, sono realizzate nell’interesse della Regione siciliana e delle sue Istituzioni.

Articolo 4) SCOPI

La Fondazione, con esclusivo riferimento alla Regione Siciliana, persegue fini di interesse e di utilità soociale nei settori della ricerca scientifica, economica e giuridica, della cultura e dell’arte, da realizzare direttamente o tramite soggetti pubblici o privati interessati e connotati da particolare rilevanza e specifica competenza nei settori di attività.

A tal fine, la Fondazione si propone, tra l’altro, di realizzare una più ampia conoscenza e diffusione dell’attività degli organi costituzionali della Regione, dell’Assemblea Regionale Siciliana e dei valori e del patrimonio culturale della Sicilia.

In particolare, la Fondazione intende realizzare le proprie finalità preminentemente mediante:

a) l’edizione, la pubblicazione e la diffusione con qualsiasi mezzo, cartaceo, informatico o multimediale in genere, di volumi, riviste, stampe periodiche, giornali e notizie sull’autonomia regionale siciliana e le sue istituzioni;

b) la promozione di convegni di studio, di ricerche giuridiche e storiche sull’autonomia regionale siciliana e le sue istituzioni, anche mediante la istituzione di borse di studio e la collaborazione con istituti universitari e di ricerca, italiani ed esteri, e con provveditorati agli studi siciliani;

c) la promozione di iniziative volte alla valorizzazione del patrimonio culturale della Sicilia e delle opere degli artisti siciliani;

d) la realizzazione e gestione automatizzata di servizi di promozione, valorizzazione, fruizione, sponsorizzazione servizi aggiuntivi ed innovativi comunque afferenti ai beni culturali, monumentali ed archeologici siciliani, in essi compresi i servizi previsti dalla Legge Regione Siciliana 22 Dicembre 2005 n. 19, articolo 24, commi 22 e 23, ed in essi compresa altresì la diffusione presso le scuole della conoscenza e del patrimonio culturale siciliano;

e) il perseguimento di fini di promozione sociale nei settori sopra indicati, anche mediante attività di orientamento e/o formazione professionale a servizio della missione scientifica, sociale e culturale della Fondazione stessa;

La Fondazione, per il perseguimento delle finalità istituzionali, può porre in essere iniziative, svolgere attività ed effettuare operazioni finanziarie, commerciali, immobiliari e mobiliari, ed in particolare, a titolo esemplificativo e non esaustivo;

– ottenere concessioni amministrative ed ogni altro mezzo, atto o strumento opportuno al raggiungimento degli scopi;

– porre in essere atti o stipulare contratti per il finanziamento, la regolamentazione e la puntuale esecuzione delle attività deliberate;

– organizzare, allestire e gestire, direttamente o no, librerie, eventi, archivi, caffè letterari, punti d’incontro e spazi comunque finalizzati al raggiungimento delle proprie finalità;

– promuovere, costituire, partecipare ad associazioni, consorzi, enti e società con o senza personalità giuridica, anche in veste di socio unico laddove consentito;

– ottenere credito, misure di sostegno e finanziamenti in genere procedendo anche ad operazioni creditizie, finanziarie, bancarie ed altri interventi con ogni tipo di garanzia anche reale;

– sottoscrivere atti per la concessione in uso e/o la gestione anche in forma indiretta di beni mobili anche immateriali, immobili, siti e realtà culturalmente rilevanti;

– stipulare convenzioni con Enti pubblici o privati finalizzate al raggiungimento dello scopo;

– nei limiti di legge, operare quale ente strumentale o concessionario di servizi “in house” del suo Fondatore e della Regione Siciliana;

– promuovere intese anche di carattere associativo con Enti scientifici e/o culturali, con associazioni e/o fondazioni con scopi similari.

Articolo 5) PATRIMONIO

Il patrimonio della Fondazione è costituito:

– dalla dotazione iniziale di euro 1.032.913,80 (unmiolionetrentaduemilanovecentotredici centesimi ottanta)

– da quanto successivamente acquisito a titolo gratuito o oneroso e dai relativi incrementi;

Articolo 6) RENDITE E RISERVA

Per l’adempimento dei suoi compiti la Fondazione dispone di regola delle rendite dei patrimoni e, ove necessario, anche delle somme facenti parte del patrimonio e delle somme che derivano da alienazioni di beni facenti parte del patrimonio, nonché delle rendite e dalle unità ad essa comunque derivanti dallo svolgimento dei propri compiti istituzionali e delle attività ad essa affidate.

Le somme da destinare agli scopi istituzionali, anche quale capitale di rischio per specifiche iniziative, non potranno comunque mai superare l’80% (ottanta per cento) delle somme liquide disponibili.

Il residuo 20% (venti per cento) dovrà essere sempre destinato a riserva indisponibile, sin quando l’ammontare complessivo della stessa non sia di euro 413.165,52 (quattrocentotredicimilacentosessantacinque centesimi cinquantadue)

Articolo 7) ORGANI

Sono organi della Fondazione:

– Il Consiglio di Amministrazione;

– Il Presidente della Fondazione;

– Il Comitato Direttivo;

– Il Comitato Scientifico;

– Il Direttore Generale;

– Il Collegio dei Revisori dei Conti.

Articolo 8) CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

La Fondazione sarà amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da:

– tutti i membri del Consiglio di Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana;

– tre componenti nominati dal Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana scelti tra i deputati dell’Assemblea Regionale Siciliana in carica e/o tra rappresentanti del mondo della cultura e/o professionisti aventi specifiche competenze nel settore economico-giuridico.

La Presidenza del Consiglio di Amministrazione spetta di diritto al Presidente dell’Assemblea Regionale che della stessa Fondazione ha in via esclusiva, salvo quanto previsto dall’art. 8, la rappresentanza anche processuale.

Al Consiglio di Amministrazione spettano i compiti di:

a) approvare entro il mese di dicembre il conto preventivo dell’anno seguente ed entro il mese di aprile il conto consuntivo dell’anno precedente;

b) esercitare tutti i poteri per l’amministrazione del patrimonio della Fondazione e per la gestione delle entrate ordinarie e straordinarie;

c) eleggere due componenti del Comitato Direttivo, con voto limitato ad uno, e i componenti del Comitato Scientifico la cui nomina non è riservata al Presidente del Consiglio di Amministrazione.

d) redigere ed approvare il Regolamento Contabile della Fondazione e del Comitato direttivo.

Il Consiglio di Amministrazione esercita tutte le proprie attribuzioni, escluse quelle di cui alle lettere a), c) e d) tramite il Comitato Direttivo.

Il Consiglio di Amministrazione deve essere convocato almeno due volte l’anno, nei mesi di aprile e ottobre, ogni qualvolta il Presidente lo giudichi necessario e ne sia fatta richiesta scritta da tre dei suoi membri con indicazione degli argomenti da trattare.

La convocazione è fatta dal Presidente con invito scritto diramato almeno otto giorni prima, con l’indicazione dell’ordine del giorno, salvi i casi d’urgenza, nei quali potrà essere convocato con qualsiasi mezzo idoneo e almeno con un preavviso di un giorno.

Le adunanze del Consiglio di Amministrazione sono valide se è presente la maggioranza dei membri che lo compongono. Le deliberazioni sono prese con il voto favorevole della metà più uno dei presenti espresso in modo palese, tranne nelle materie riguardanti persone, nelle quali si delibera a scrutinio segreto.

In caso di parità di voti prevale il voto del Presidente o di chi ne fa le veci.

Il Segretario Generale dell’Assemblea Regionale Siciliana partecipa alle sedute del Consiglio di Amministrazione ed assiste il Presidente per tutti gli aspetti concernenti i rapporti tra la Fondazione e l’Assemblea regionale siciliana.

Il Direttore Generale assiste alle sedute del Consiglio di Amministrazione.

L’eventuale assenza del Segretario Generale e del Direttore Generale non incide sul computo della maggioranza richiesta per la validità delle sedute del Consiglio di Amministrazione.

Articolo 9) RAPPRESENTANZA DELLA FONDAZIONE

La rappresentanza legale della Fondazione di fronte ai terzi ed in giudizio spetta al Presidente del Consiglio di Amministrazione.

Per singoli atti o specifici affari egli può conferire mandati e nominare procuratori.

Articolo 10) ATTRIBUZIONI DEL PRESIDENTE

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione, oltre a rappresentare la Fondazione:

– convoca il Consiglio di Amministrazione e il Comitato Direttivo e li presiede proponendo le materie da trattare nelle rispettive adunanze;

– firma gli atti e quanto occorra per l’esplicazione di tutti gli affari che vengono deliberati;

– sorveglia il buon andamento amministrativo della Fondazione;

– cura l’osservanza dello statuto e ne promuove la riforma qualora si renda necessario;

– provvede all’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio e ai rapporti con le autorità tutorie;

– adotta in caso di urgenza ogni provvedimento opportuno riferendo nel più breve tempo al Comitato Direttivo.

In caso di assenza o altro impedimento del Presidente, ne fa le veci il Vice Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana più anziano per voti riportati nell’elezione del Consiglio di Presidenza. In caso di assenza o impedimento di quest’ultimo, ne farà le veci l’altro Vice Presidente.

Articolo 11) COMITATO DIRETTIVO

Il Comitato Direttivo è composto da cinque membri e precisamente dal Presidente del Consiglio di Amministrazione, dai due Vice Presidenti del Consiglio di Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana (componenti di diritto) e da due componenti del Consiglio di Amministrazione.

Il Comitato Direttivo è presieduto di diritto dal Presidente del Consiglio di Amministrazione o da chi ne fa le veci.

Il Comitato Direttivo è convocato dal Presidente senza alcuna formalità ogniqualvolta sia ritenuto necessario da ciascuno dei suoi membri.

Il Comitato Direttivo delibera con la presenza e con il voto favorevole di almeno tre dei suoi componenti.

In aggiunta ai compiti oggetto di delega e di cui al superiore art. 7), il Comitato Direttivo:

– provvede alla ripartizione delle rendite annuali fra le diverse istituzioni o sezioni attraverso le quali la Fondazione persegue i propri scopi;

– redige ed approva il Regolamento Contabile ed Amministrativo del Direttore Generale.

Articolo 12) VERBALI DELLE DELIBERAZIONI

I verbali delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Direttivo devono essere raccolti in ordine cronologico e devono essere sottoscritti dal Presidente e dal Direttore Generale della Fondazione.

I verbali redatti per atto notarile sono sottoscritti dal Presidente della Fondazione, anche in momento successivo a quello dello svolgimento dell’adunanza o assemblea.

Articolo 13) COMITATO SCIENTIFICO

Il Comitato Scientifico non è organo necessario. Esso è organo di consultazione del Consiglio di Amministrazione e contribuisce alla elaborazione delle linee fondamentali e degli indirizzi culturali della Fondazione.

Il Comitato Scientifico è composto da non più di sei membri.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione designa fino a tre membri; il restante numero è designato dal Consiglio di Amministrazione, il quale può integrare di ulteriori tre membri il Comitato Scientifico, per singole e particolari iniziative.

I membri del Comitato Scientifico sono scelti fra personalità del mondo delle scienze, dell’arte, della cultura, di nazionalità italiana e straniera; fra personalità delle istituzioni, del mondo del lavoro, dell’impresa e della finanza pubblica e privata di nazionalità italiana e straniera che abbiano acquisito particolari meriti nello sviluppo economico, sociale e culturale del Mezzogiorno d’Italia, del Paese, dell’Europa, dell’area mediterranea.

Il Comitato Scientifico si riunisce almeno due volte l’anno.

Articolo 14) DIRETTORE GENERALE

Il Direttore Generale è nominato dal Presidente, sentito il Comitato Direttivo, fra personalità del mondo della cultura e della società civile, di alta qualificazione accademica e/o professionale.

Della nomina è data comunicazione al Consiglio di Amministrazione.

Per la carica di Direttore Generale sono corrisposti, con le modalità e negli importi stabiliti dal Presidente, un compenso annuo avente carattere di globalità ed il rimborso delle spese di trasferta e soggiorno sostenuti per ragioni dell’incarico.

Il rapporto con il Direttore Generale può essere regolato da contratto di lavoro autonomo.

Il Direttore Generale indirizza e coordina l’attività dei servizi e degli uffici per il migliore espletamento delle funzioni ad esso attribuite.

Assiste con voto consultivo, alle sedute del Consiglio di Amministrazione, del Comitato Direttivo e del Comitato Scientifico.

È il capo del personale e sovrintende alla migliore utilizzazione dello stesso nell’ambito dei servizi e degli uffici.

Assegna, secondo le direttive del Presidente, tenuto conto anche della consistenza dell’organico, il personale ai vari servizi.

Sovrintende a tutte le iniziative della Fondazione in conformità alla direttive degli organi di amministrazione.

Articolo 15) COLLEGIO DEI REVISORI

Il Collegio dei Revisori dei Conti effettua il riscontro della gestione della Fondazione. È composto da un Presidente e da altri due componenti, tutti scelti nell’albo dei Revisori dei Conti.

Il Presidente del Collegio e gli altri due componenti sono nominati dal Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana sentito il Consiglio di Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Essi durano in carica cinque anni, e possono essere riconfermati per una sola volta per un periodo analogo.

Qualora venga meno taluno dei revisori, si provvederà, con la stessa modalità prevista per la nomina del Collegio, alla sostituzione. Quelli rimasti in carica continueranno a svolgere le loro funzioni.

Qualora vengano a cessare, per qualsiasi causa, tutti i revisori, si procederà a nuova nomina.

Il Collegio dei Revisori dei Conti esercita il suo mandato a norma degli articoli 2403 e seguenti del Codice Civile in quanto applicabili, vigilando sulla gestione, sulla regolare tenuta dei libri e delle scritture contabili, nonché sull’osservanza del presente statuto. In particolare dovrà redigere le relazioni sul bilancio preventivo e sul conto consuntivo.

Il Collegio dei Revisori deve essere convocato dal Presidente almeno una volta l’anno o quando due dei membri ne faccia richiesta motivata indicando l’argomento da trattare.

L’avviso di convocazione contenente l’ordine del giorno predisposto dal Presidente dovrà essere inviato ai componenti del Collegio almeno otto giorni prima.

Il Collegio delibera, qualunque sia il numero degli intervenuti, a maggioranza.

Articolo 16) DURATA IN CARICA

I componenti del Consiglio di Amministrazione, del Comitato Direttivo e del Comitato Scientifico durano in carica per il periodo corrispondente alla durata effettiva della legislatura dell’Assemblea Regionale Siciliana e, in ogni caso, per prorogatio, fino all’integrale costituzione del nuovo Consiglio di Amministrazione.

Articolo 17) RETRIBUZIONI

I componenti del Consiglio di Amministrazione, del Comitato Direttivo, e del Comitato Scientifico non percepiscono alcun compenso per l’attività svolta, salvo il rimborso delle eventuali e documentate spese sostenute in ragione della carica.

I componenti del Collegio dei Revisori dei Conti percepiscono un compenso pari a quello previsto per i Revisori dei Conti dei Comuni fino a sessantamila abitanti.

Articolo 18) ATTIVITA’ IN HOUSE, CONTROLLO STRATEGICO E CONTROLLO ANALOGO

Nel rispetto della normativa di riferimento e secondo quanto previsto all’articolo 3 del presente statuto, al fine dell’esaustivo conseguimento dei propri scopi la Fondazione può gestire e svolgere attività nonché curare iniziative alla stessa comunque delegate per atto normativo, regolamentare, amministrativo o in regime di convenzione dalla Regione Siciliana (attività in house).

Per le attività in house svolte dalla Fondazione l’ente pubblico di riferimento è l’Assessorato regionale competente a svolgere attività analoghe a quelle gestite in house dalla Fondazione.

L’ente pubblico di riferimento, per le attività in house svolte dalla Fondazione, esercita un controllo sulla gestione, analogo a quello esercitato sui propri servizi.

Allo stesso ente pubblico di riferimento spetta l’approvazione preventiva del programma di attività gestite in house.

L’ente pubblico di riferimento, nell’ambito delle attività in house, autorizza preventivamente gli atti di amministrazione straordinaria e quegli altri che hanno una rilevante incidenza finanziaria, gestionale o strategica, verifica il raggiungimento degli obiettivi ed esercita il controllo finanziario a consuntivo.

Articolo 19) FORME E MODALITA’ DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA’ DELLA FONDAZIONE

Spetta al Consiglio di Amministrazione della Fondazione deliberare sulle forme e modalità di svolgimento delle attività ed iniziative di propria competenza, assicurando comunque che le stesse siano svolte direttamente dalla Fondazione, con personale e mezzi propri, ovvero mediante costituzione di apposite società nelle quali la Fondazione sia socio unico o socio unitamente ad altri enti a prevalente partecipazione pubblica le cui partecipazioni non siano trasferibili a soggetti di diritto privato.

Articolo 20) ESERCIZIO FINANZIARIO

L’esercizio finanziario della Fondazione ha inizio il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ciascun anno.

Articolo 21) LIQUIDAZIONE E DEVOLUZIONE

La Fondazione è costituita a tempo indeterminato.

In caso di estinzione della stessa dichiarata dall’Autorità Governativa, i beni eventualmente residuati, dopo esaurita la liquidazione, saranno devoluti alla Regione Siciliana.

Articolo 22) MODIFICHE STATUTARIE

Le modifiche del presente statuto sono di competenza del Consiglio di Amministrazione e, una volta adottate, sono immediatamente esecutive.

La Fondazione Federico II, istituita il 9 dicembre 1996 con la legge regionale n.44, è un ente di diritto pubblico, la cui personalità giuridica è stata riconosciuta nell’agosto 1997 con decreto del Presidente della Regione Siciliana; è Organo culturale e informativo dell’Assemblea Regionale Siciliana. Intitolata al monarca che nel XIII secolo fece della Sicilia la culla delle lettere e delle arti e che seppe integrare le diversità etnico-culturali presenti allora nell’Isola, la Fondazione Federico II ha il compito di valorizzare il patrimonio culturale della Sicilia e dei suoi artisti. Inoltre, la Fondazione, in base all’art. 51 della legge regionale 15 del 2004, cura la gestione dei servizi aggiuntivi relativi al Complesso monumentale di Palazzo dei Normanni e della Cappella Palatina (bigliettazione e bookshop) e copre, attraverso tali attività, i propri costi di funzionamento.

La Fondazione cura la stampa e la diffusione di un quindicinale, Cronache Parlamentari Siciliane, realizzando in tal modo il compito di diffondere la conoscenza dell’attività degli Organi Istituzionali della Regione Siciliana.

Infine la Fondazione organizza, negli appositi spazi concessi dell’Assemblea Regionale Siciliana, eventi e mostre.

IL SERVIZIO DI VIDEO GUIDA E RADIO GUIDA AL PALAZZO REALE DI PALERMO E ALLA CAPPELLA PALATINA

SCOPRI LA NUOVA VIDEOGUIDA DI PALAZZO DEI NORMANNI

INIZIA IL TUO VIAGGIO NELLA STORIA DI PALAZZO DEI NORMANNI

NOLEGGIA LA VIDEOGUIDA SU IPOD TOUCH PER SCEGLIERE ED APPROFONDIRE IL TUO PERCORSO DI VISITA

LA VIDEOGUIDA PUO’ ESSERE NOLEGGIATA IN BIGLIETTERIA O AL DESK DEL BOOKSHOP

COSTO DEL SERVIZIO: € 5,00 – DISPONIBILE IN ITALIANO, INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO E RUSSO.

**************

PER I GRUPPI TURISTICI È DISPONIBILE ANCHE IL SERVIZIO DI RADIOGUIDA, AL COSTO DI € 1,50 PER PERSONA.

INGRESSO TURISTICO DA PIAZZA DEL PARLAMENTO

Oltre alla Cappella Palatina e alla Mostra, nel percorso turistico sono incluse tutte le sale degli Appartamenti Reali con esclusione della Sala Pio La Torre e Sala Piersanti Mattarella.

*************

COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO REALE E CAPPELLA PALATINA

L’offerta di visita monumentale si arricchisce della visita ai Giardini Reali per un costo di 2 euro. I fruitori del Complesso Monumentale, in modo facoltativo, potranno inserirlo nel percorso turistico.

*************

Nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì gli Appartamenti Reali sono interdetti al pubblico per lo svolgimento delle attività parlamentari, mentre resta visitabile la Cappella Palatina, ad eccezione di quando vi si celebrano le funzioni religiose. Le chiusure anticipate per la Cappella Palatina sono, dettagliatamente, specificate mese per mese sulla pagina di questo sito.

In caso di chiusure anticipate per la Cappella Palatina rimarranno visitabili i Giardini reali e la mostra “ROSALIA eris in peste patrona”. In questo caso la biglietteria emetterà l’ultimo titolo di ingresso alle ore 16,40.

ORARI

Lunedì/Sabato dalle ore 8.15 alle ore 17.40

(ultimo biglietto ore 16.40)

Domenica e festivi dalle ore 8.15 alle ore 13.00

(ultimo biglietto ore 12.00)

………………………….

LA PROCESIÓN CINQUECENTO ANNI DI STORIA – PALAZZO MONCADA CALTANISSETTA 

Visitabile dal 15 marzo al 15 maggio 2019

Da martedì a sabato dalle 10 alle 13 (ultimo ingresso ore 12.30) e dalle 17 alle 20 (ultimo ingresso 19.30)

Giorni di chiusura: 21 e 22 aprile

COSTI MOSTRA LA PROCESIÓN

intero 5 euro, visite guidate 6 euro, ridotto (scolaresche e ragazzi dai 7 ai 18 anni) 2,50 euro, ridotto (gruppi di minimo 10 unità) 3 euro.

Gratuito per bambini fino ai 6 anni, diversamente abili e loro accompagnatori,  insegnanti che accompagnano scolaresche, guide turistiche che accompagnano gruppi.

*****************

CHIUSURE ANTICIPATE DI APRILE 2019

Domenica 7 le visite in Cappella Palatina saranno interdette dalle ore 9,30 alle ore 11,00.

Domenica 14, 21, 28 le visite in Cappella Palatina saranno interdette dalle ore 9,30 alle ore 11,30.

Martedì 9, la biglietteria emetterà l’ultimo biglietto di ingresso alla Cappella Palatina alle ore 14,30. Rimarranno visitabili i Giardini Reali e la mostra ROSALIA eris in peste patrona per i quali l’ultimo biglietto sarà alle ore 16,40;

Mercoledì 3 la biglietteria emetterà l’ultimo titolo di ingresso alle ore 16,30;

Giovedì 4 la Biglietteria emetterà l’ultimo biglietto di ingresso alle ore 16,00. Rimarranno visitabili i Giardini Reali e la mostra ROSALIA eris in peste patrona per i quali l’ultimo biglietto sarà alle ore 16,30;

Giovedì 4, sabato 13, giovedì 18, venerdì 19, martedì 23, mercoledì 24, sabato 27, martedì 30 la Biglietteria emetterà l’ultimo biglietto di ingresso alle ore 16,00. Rimarranno visitabili i Giardini Reali e la mostra ROSALIA eris in peste patrona per i quali l’ultimo biglietto sarà alle ore 16,40;

**********

Venerdì 19 aprile, in occasione dei precetti della Settimana Santa, all’interno della Cappella Palatina si invitano i visitatori ad osservare il più assoluto silenzio.

Nelle giornate di lunedì 22 e giovedì 25 aprile il Complesso Monumentale chiuderà alle ore 13,00 (ultimo biglietto emesso ore 12,00).

**********

Dal 19 aprile al 1° maggio gli Appartamenti Reali saranno visitabili dal lunedì al sabato dalle 8.15 alle 17.40 (ultimo biglietto ore 16.40) e la domenica e i festivi dalle 8.15 alle 13.00 (ultimo biglietto ore 12.00).

**********

GIORNI DI CHIUSURA

25 Dicembre e 1 Gennaio.

GIORNI DI CHIUSURA ANTICIPATA

I giorni 15 Luglio e 4 Settembre sono nella città di Palermo giorni festivi, dunque la chiusura è prevista alle ore 13.00, ultimo ingresso alle ore 12.00.

COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO REALE E DELLA CAPPELLA PALATINA

L’offerta di visita monumentale si arricchisce della visita ai Giardini Reali per un costo di 2 euro. I fruitori del Complesso Monumentale, in modo facoltativo, potranno inserirlo nel percorso turistico.

Da mercoledì 5 settembre, con il nuovo ingresso da Piazza del Parlamento, l’offerta si arricchisce della mostra, allestita nelle Sale Duca di Montalto, ROSALIA, eris in peste patrona. La mostra presenta, per la prima volta, trentotto opere d’arte, tra le più importanti, dedicate a Santa Rosalia, Patrona della città di Palermo. 

COSTO BIGLIETTI

Ingresso solo mostra

Intero  € 6,00

Ridotto

– Ragazzi di età compresa tra 14/17 anni € 3,00

– Studenti in visita didattica scolastica     € 1,00

Ingresso solo Giardini Reali

Tutti i giorni  € 2,00

Ingresso mostra, Cappella Palatina e Appartamenti Reali

Da venerdì a lunedì e festivi e quando gli Appartamenti Reali sono visitabili

Intero  € 12,00            Ridotto      € 10,00

Ingresso mostra e Cappella Palatina

Da martedì a giovedì e quando gli Appartamenti Reali non sono visitabili

Intero  € 10,00            Ridotto      € 8,00

Hanno diritto al biglietto ridotto gli insegnanti di ruolo e i ragazzi di età compresa tra i 18 e i 25 anni.

COSTO BIGLIETTO RIDOTTO TUTTI I GIORNI

Cittadini di età pari o superiore ai 65 anni    € 8,00

Ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni € 4,00

Studenti in visita didattica scolastica           € 2,00

BIGLIETTI OMAGGIO

  • Docenti accompagnatori di studenti in visita didattica
  • Bambini e ragazzi di età fino a 13 anni, se accompagnati da adulti e non in visita didattica
  • Docenti e studenti regolarmente iscritti a corsi di laurea in materie storico, artistico e letterarie
  • Giornalisti, membri ICOM e dipendenti dell’Assessorato regionale dei Beni culturali
  • Diversamente abili e a un loro accompagnatore ove previsto.

Tutte le condizioni relative alle riduzioni e agli ingressi gratuiti sono garantiti a tutti i cittadini dei Paesi dell’Unione Europea e a quelli dei Paesi extra Unione Europa ma in condizioni di reciprocità.

Non si effettuano riduzioni sui biglietti cumulativi.

FRUIZIONE DEL PALAZZO REALE PER I DISABILI

Al fine di assicurare un migliore servizio di accoglienza e accompagnamento (comunque garantito) ai diversamente abili in carrozzina si prega, cortesemente, di comunicare, anche tramite mail, il giorno e l’ora della visita.

VISITE TURISTICHE DI GRUPPI, SCOLARESCHE E PRIVATE

Per avere maggiori informazioni sulle visite turistiche di gruppi e scolaresche o visite private vi preghiamo di scrivere un’email al seguente indirizzo fondazione@federicosecondo.org; o contattare gli uffici di Piazza della Vittoria, 23 al numero di telefono 091/7055611 – riferimento Sig. Claudio Picciurro.

VIDEOGUIDE

All’interno del bookshop è possibile noleggiare la videoguida, un IPOD touch, che illustra il percorso di visita con foto e testi in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo e russo.

Acquista il biglietto On Line

Biglietteria On Line

Il 29 giugno 1143, l’arcivescovo di Taormina, Filagato da Cerami, nel corso della cerimonia di inaugurazione della Cappella Palatina, pronunciò una famosa omelia: << […] Il tetto non si può certo saziare di guardarlo, e desta meraviglia a vederlo e sentirne parlare, essendo adornato di certi finissimi intagli variamente lavorati a forma di piccoli canestri, e rifulgendo d’oro da tutte le parti imita il cielo quando nell’aria serena risplende per il coro delle stelle […]>>

La Cappella Palatina è ubicata al primo piano del Palazzo dei Normanni e fu dedicata, per volere di Ruggero II come si evince da uno scritto del 1132, a San Pietro Apostolo già prima del documento ufficiale del 1140. Reca l’anno 1143 l’iscrizione sulla base della cupola, che pone una datazione coeva ai mosaici del presbiterio e lasciando, come viene comprovato dalle analisi stilistiche, contemporanei al regno di Guglielmo I i mosaici delle navate.

Essa è l’esempio più elevato dal punto di vista storico-artistico, della convivenza tra culture, religioni e modi di pensare apparentemente inconciliabili, poiché furono coinvolte dalla sapiente gestione del potere di Ruggero II, maestranze bizantine, musulmane e latine. La Cappella sorse per sintetizzare le necessità liturgiche del rito latino e di quello greco, ne è d’altronde prova la pianta basilicale (latina) a tre navate ed il presbiterio (bizantino), sormontato da una cupola.

L’immagine di maggiore impatto è il Pantocratore benedicente, presente nella cupola, esattamente realizzato secondo i più classici canoni bizantini. Interessante è la ripetizione di tale elemento nel catino dell’abside centrale, dove ha un effetto comunicativo e misericordioso nei confronti di chi accede all’interno della chiesa. Tra i mosaici più antichi, nel Diaconicon, spicca il battesimo di Cristo, opera realizzata con una stupefacente stilizzazione delle onde.

Immagini di Santi e Padri della Chiesa sono presenti nei pilastri e negli intradossi degli archi.

Nelle navate laterali, decorate sotto Guglielmo I, sono narrati episodi della vita di San Pietro e di San Paolo ed in quella centrale gli eventi dell’Antico Testamento. Il candelabro in marmo per il cero pasquale, addossato all’ambone, è un’elegante scultura da attribuire probabilmente ad artisti legati alla cultura del nord Italia.

Le maestranze arabe eseguirono il soffitto a muqarnas che sovrasta la navata centrale, pregevole ed unico esempio al mondo di decorazioni pittoriche islamiche con rappresentazioni di figure umane all’interno di un luogo di culto. Tale opera, è una struttura modulare in legno, finemente lavorata e composta da elementi stalattitici ed alveolari, che ricordano una grotta.

Un’iscrizione in latino, greco e arabo del 1142, a ricordo dell’orologio idraulico fatto costruire da Ruggero II, testimonia l’intrecciarsi di molteplici culture nella Palermo normanna (si trova nel secondo loggiato del Cortile Maqueda del Palazzo Reale di Palermo, poco prima del vestibolo della Cappella Palatina, in direzione della scala che conduce al Cortile della Fontana ed è così tradotta nella sua versione bizantina “O meraviglia nuova! Il forte Signore Ruggiero avendo avuto lo scettro da Dio, frena il corso della fluida sostanza, la cognizione distribuendo scevra di errori delle ore del tempo. Nel mese di marzo indizione quinta e di nostra salute l’anno 1142, e del suo felice regno l’anno XIII”).

I mosaici del vestibolo furono opera all’inizio del XIX secolo di Santi Cardini e Pietro Casamassima. Questi raffigurano le storie di Assalone, figlio ribelle di re David, ciclo realizzato su committenza di Ferdinando III di Borbone (presente insieme alla moglie Maria Carolina nel medaglione del mosaico col Genio di Palermo incoronato).

TUTELA DEI DIRITTI
In rif. all’art. 1 comma 1, la Fondazione Federico II tutela i dati personali dei propri utenti / visitatori. Il trattamento dei dati avviene nel rispetto degli art. 2 e 3 garantendo la dignità e la libertà degli interessati ed agendo secondo il principio di necessità del trattamento. Ai sensi e per gli effetti della legge applicabile sulla protezione dei dati personali, il titolare del trattamento dei dati personali è la Fondazione Federico II, 36/A, Via Nicolò Garzilli, 36 Palermo 90141. Siamo impegnati nel proteggere e rispettare la Sua privacy. Desideriamo informarla su come utilizziamo e proteggiamo le informazioni personali che ci fornisce. Questa policy (“Privacy Policy”) descrive come utilizziamo e proteggiamo qualsiasi informazione da Lei fornitaci nell’utilizzare questo sito web e in particolare per utilizzare la sessione “Book-Shop/ Tiraz del nostro sito”. La informiamo che potremo modificare questa policy di tanto in tanto aggiornando di conseguenza questa pagina e, pertanto, La invitiamo a controllare questa pagina di volta in volta al fine di assicurarsi che le eventuali modifiche siano per Lei accettabili.

ACCESSO AI DATI
Viene garantito il diritto di accesso ai dati personali nel rispetto dell’art. 7:
1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L’interessato ha diritto di ottenere indicazione:
a) dell’origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L’interessato ha diritto di ottenere:
a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Definizioni:
– “trattamento”: qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l’ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la conservazione, la consultazione, l’elaborazione, la modificazione, la selezione, l’estrazione, il raffronto, l’utilizzo, l’interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati.
– “dato personale”: qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale.
– “dati identificativi”: i dati personali che permettono l’identificazione diretta dell’interessato.
– “dati sensibili”: i dati personali idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.
Dati Trattati:
La Fondazione Federico II raccoglie, registra (in forma cartacea e/o elettronica) e tratta dati personali non sensibili idonei a rivelare l’identificazione e la caratterizzazione di chi fa espressa richiesta di informazioni commerciali e/o organizzative o presenta la sua candidatura per future collaborazioni lavorative. Durante l’accesso e la consultazione del sito web  www.fondazionefedericosecondo.it vengono raccolte e registrate automaticamente le seguenti informazioni:
– dominio internet e protocollo IP;
– tipo di browser e sistema operativo del computer utilizzato;
– data, ora e permanenza nel sito;
– pagine visitate;
– nel caso in cui ci contatti, potremmo conservare evidenza della corrispondenza;
– eventuale motore di ricerca dal quale si è entrati nel sito.
Tali dati sono raccolti in forma anonima e dal loro trattamento non permettono di identificare il visitatore.
La Fondazione Federico II tiene a precisare che l’utilizzare di questo sito web non fornisce alcun:
– dati di registrazione del Suo account, inclusi il Suo nome, numero di telefono, indirizzo postale e indirizzo e-mail, per l’acquisto dei prodotti Tiraz;
– informazioni per la fatturazione, informazioni sulle operazioni di acquisto e sulla carta di credito, per l’acquisto dei prodotti Tiraz;
– informazioni relative ai Suoi interessi personali e professionali, dati demografici, esperienze con i prodotti Tiraz e riferimenti di Suo gradimento per l’invio di ulteriore corrispondenza relativa ai prodotti e servizi Tiraz.
Tutti i dati personali comunicati per l’acquisto dei prodotti Tiraz sono gestiti esclusivamente dalla ditta Michele Matranga & Co.
I dati registrati possono essere utilizzati per fini statistici e per l’ottimizzazione dell’usabilità del sito e dei suoi contenuti. Gli stessi dati possono essere trasmessi agli organi di polizia preposti in caso di comportamenti fraudolenti e/o tentativi di sabotaggio.
Qualora gli utenti/visitatori collegandosi a questo sito inviino propri dati personali per accedere a determinati servizi, ovvero, per effettuare richieste in posta elettronica, ciò comporta l’acquisizione da parte di Carmelo Antico dell’indirizzo del mittente e/o di altri eventuali dati personali che verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta, ovvero per la fornitura del servizio.
Nessun dato derivante dal servizio web verrà comunicato o diffuso.

COME UTILIZZIAMO LE INFORMAZIONI RACCOLTE?
Trattiamo queste informazioni anche mediante strumenti elettronici per fornirle un servizio migliore e, in particolare, per le seguenti finalità:
– tenuta degli archivi interni;
– per migliorare i nostri prodotti e servizi;
– per comunicare con Lei via e-mail;
– se ha acquistato un prodotto per mezzo della ditta Matranga & Co. o se lo abbia espressamente richiesto, verrà inserito nella mailing list della Fondazione Federico II e riceverà via e-mail nostre comunicazioni periodiche (nel caso in cui non desideri più ricevere un catalogo e/o comunicazioni periodiche a mezzo posta elettronica, potrà comunicarcelo via e-mail e verrà immediatamente cancellato dalla nostra mailing list);

MARKETING DIRETTO
Come sopra specificato, vorremmo fornirle informazioni su nuovi prodotti, promozioni, offerte speciali e altre informazioni che riteniamo possano interessarle. Nel caso in cui ci abbia espressamente autorizzato a farlo, Le potremo inviare dette informazioni per posta e telefonicamente, a meno che non abbia specificato diversamente. Nel caso in cui acquisti presso la ditta Matranga un prodotto Tiraz, questa società ci comunicherà il Suo indirizzo e-mail che potremo conservare per future comunicazioni. Qualora, in qualsiasi momento, desideri che i Suoi dati non vengano utilizzati per finalità di marketing diretto, potrà comunicarcelo via e-mail al seguente indirizzo: fondazione@fondazionefedericosecondo.it e non Le invieremo più alcuna comunicazione commerciale.

EMAIL MARKETING
Vorremmo inoltre fornirle le suddette informazioni via e-mail. Tuttavia, riconosciamo che negli ultimi anni lo “spam” via e-mail è divenuto un problema.
Se ha acquistato un prodotto Tiraz o ha prestato il consenso all’invio di e-mail commerciali:
– potremo contattarla con riferimento al Suo acquisto o per altre ragioni relative a nostro sito web o per inviarle via e-mail informazioni sui nostri prodotti, a meno che non ci abbia chiesto di non farlo;
– potremo anche utilizzare il Suo indirizzo e-mail per condividere informazioni sui nostri prodotti, servizi ed eventi che potrebbero essere di Suo interesse, attraverso e-mail informative della “Fondazione Federico II, a meno che non ci abbia chiesto di non farlo.
Per il resto, al momento in cui fornirà i Suoi dati personali, Le chiederemo se sia interessato a ricevere le e-mail informative della Fondazione Federico II.

COME È POSSIBILE OTTENERE COPIA O MODIFICARE LE INFORMAZIONI CHE ABBIAMO RACCOLTO
Ai sensi e per gli effetti della legge applicabile sulla protezione dei dati personali, potrà chiedere di conoscere quali dati personali che La riguardano sono in nostro possesso. Se desidera ricevere copia delle informazioni in nostro possesso che La riguardano può scrivere al nostro responsabile del trattamento dei dati, dott. Carmelo Antico, presso Fondazione Federico II, 36 Via Nicolò Garzilli, Palermo 90141 o via e-mail al seguente indirizzo carmelo.antico@fondazionefedericosecondo.it .
Se ritiene che qualche informazione che La riguarda da noi detenuta non è corretta o è incompleta, o se desidera che i Suoi dati vengano rimossi dal nostro database dei contatti, potrà scrivere al nostro responsabile del trattamento dei dati dott. Carmelo Antico, presso Fondazione Federico II, 36 Via Nicolò Garzilli, Palermo 90141 o via e-mail al seguente indirizzo carmelo.antico@fondazionefedericosecondo.it . Provvederemo a correggere o aggiornare qualsiasi dato non appena possibile.

SICUREZZA E CONSERVAZIONE
Al fine di prevenire accessi o divulgazioni non autorizzate abbiamo posto in essere idonee misure fisiche ed elettroniche e procedure di gestione per salvaguardare e proteggere le informazioni che raccogliamo on-line. Si precisa che noi non raccogliamo, comunichiamo o trasferiamo informazioni relative alla carte di credito da Voi utilizzate per l’acquisto dei preziosi TIRAZ dal sito web della ditta Matranga o che scambiate con il server della ditta Matranga&Co., in quanto noi non gestiamo o trattiamo detti dati che sono gestiti e trattati esclusivamente dalla ditta Matranga&Co.

COLLEGAMENTI
Sul nostro sito web potremo creare dei collegamenti ad altri siti web che non sono sotto il nostro controllo. In questi casi, cercheremo di fare in modo che nel momento in cui Lei abbandonerà il nostro sito ciò sia il più chiaro possibile. Non siamo comunque responsabili in alcun modo di tali siti web. Una volta uscito dal nostro sito web, non possiamo essere responsabili della protezione e riservatezza di nessuna delle informazioni che Lei fornirà. La invitiamo pertanto ad agire con cautela e prendere visione delle dichiarazioni sulla privacy relative a detti altri siti.
Cookies
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione  di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L’uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza  della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.
Ciò posto, è opportuno precisarle che in alcune aree del nostro sito web potremmo utilizzare cookies, inclusi, ma non solo, cookies di sessione, cookies persistenti e web beacons. I cookies sono file che archiviano informazioni sul Suo hard disk o sul browser e ciò significa che il nostro sito web può riconoscere che Lei ha già visitato il nostro sito web in precedenza. I cookies Le rendono più semplice conservare le Sue preferenze sul sito web e, rilevando come Lei usa il sito web, ci permettono di personalizzare il sito sulla base delle Sue preferenze e valutare la fruibilità del sito. Utilizziamo cookies per:
– registrare informazioni sulla Sua sessione di accesso (ad esempio particolari prodotti acquistati dal nostro sito web);
– registrare le specifiche informazioni che ha selezionato per la visualizzazione sulle pagine web.
Se desidera, potrà disabilitare i cookies dal Suo browser e cancellare tutti cookies attualmente detenuti sul Suo computer. Su Microsoft Internet Explorer, ciò può essere fatto selezionando “Strumenti/Opzioni Internet” e reimpostando le Sue impostazioni sulla privacy o selezionando “cancella cookies”. Tuttavia si tenga presente che ciò potrebbe impedire la possibilità di fruire appieno del sito web. Può avere maggiori dettagli su come far ciò con il Suo specifico browser cliccando “Aiuto” sul menu del Suo browser o visitando www.allaboutcookies.org. Nessuna informazione ottenuta attraverso i cookies con la quale i clienti possono essere identificati verrà utilizzata per finalità di marketing. I dati personali al di fuori dell’Area Economica Europea con le modalità, per le finalità e nei limiti specificati nella Privacy Policy sopra riportata.

ESERCIZIO DEI DIRITTI
Le modalità di richiesta, accesso, e le limitazioni sono quelle di cui agli art. 8, 9 e 10 del codice per la privacy. Le richieste devono essere rivolte al Titolare del trattamento. Il diritto di cancellazione o la trasformazione in forma anonima non si applica ai casi in contrasto con la legislazione vigente in ambito delle telecomunicazioni ed amministrativo.

TITOLARE, RESPONSABILI ED INCARICATI
Il titolare del trattamento dei dati personali è la Fondazione Federico II nella persona del legale rappresentante. Il responsabile del trattamento è il dott. Carmelo Antico.

CONSENSO
Ai sensi e per gli effetti dell’art 23 del dlgs 196/2003, la Fondazione Federico II accetta e registra richieste ed offerte solo ed esclusivamente se accompagnate dall’esplicito consenso al trattamento dichiarato nella presente informativa. Chiede inoltre ai medesimi utenti/visitatori di assumersi per intero i rischi di intercettazione dei propri dati derivanti dalla vulnerabilità del canale di comunicazione telematico sia in spedizione che in ricezione.
Per ogni eventuale controversia che dovesse insorgere in merito all’accesso od all’uso del sito, o in relazione al download od all’uso del materiale inviato, o a qualsiasi altro titolo, tra l’utente / visitatore ed il titolare del sito o altri soggetti che hanno collaborato, collaborano o collaboreranno alla realizzazione ed alla gestione dello stesso, l’utente accetta la giurisdizione dello Stato Italiano e, in ogni caso, l’applicazione della legge italiana indipendentemente dal proprio domicilio o dalla propria sede.
Il foro competente in tali circostanze sarà quello di Palermo.

COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE
La Fondazione Federico II non diffonde i dati personali comuni e/o sensibili dei propri utenti/visitatori.

2. CONDIZIONI D’USO
L’utilizzo da parte vostra del Sito è soggetto ai presenti termini e condizioni d’utilizzo che descrivono le condizioni alle quali potrete utilizzare il nostro Sito.
Vi invitiamo a leggere con attenzione le presenti Condizioni d’Uso che disciplinano i rapporti con voi in relazione al Sito congiuntamente alla nostra policy in materia di tutela della privacy e alle Condizioni di Vendita, qualora acquistiate dei Prodotti attraverso il nostro Sito. Qualora abbiate delle domande rispetto ad esse, ovvero non intendiate accettarle, vi invitiamo cortesemente a contattare il nostro responsabile all’indirizzo: carmelo.antico@federicosecondo.org prima di utilizzare questo Sito.
Potremo modificare le presenti Condizioni d’Uso aggiornando la presente pagina in qualsiasi momento. Dovrete quindi verificare di volta in volta la presente pagina per rivedere le presenti condizioni e essere certi di essere d’accordo con le eventuali modifiche. L’utilizzo o l’accesso a questo Sito rappresenta la vostra accettazione delle presenti Condizioni d’Uso. Se non accettate le presenti Condizioni d’uso, siete cortesemente invitati a non continuare l’utilizzo di questo Sito.

CHI SIAMO
La Fondazione Federico II, istituita il 9 dicembre 1996 con la legge regionale n.44, è un ente di diritto pubblico, la cui personalità giuridica è stata riconosciuta nell’agosto 1997 con decreto del Presidente della Regione Siciliana; è Organo culturale e informativo dell’Assemblea Regionale Siciliana. Intitolata al monarca che nel XIII secolo fece della Sicilia la culla delle lettere e delle arti e che seppe integrare le diversità etnico-culturali presenti allora nell’Isola, la Fondazione Federico II ha il compito di valorizzare il patrimonio culturale della Sicilia e dei suoi artisti. Inoltre, la Fondazione, in base all’art. 51 della legge regionale 15 del 2004, cura la gestione dei servizi aggiuntivi relativi al Complesso monumentale di Palazzo dei Normanni e della Cappella Palatina (biglietteria e book-shop). La Fondazione, cura la stampa e la diffusione di un quindicinale, Cronache Parlamentari Siciliane, realizzando in tal modo il compito di diffondere la conoscenza dell’attività degli Organi Istituzionali della Regione Siciliana. Infine la Fondazione organizza, negli appositi spazi concessi dell’Assemblea Regionale Siciliana, eventi e mostre.
Potete contattarci via e-mail all’indirizzo fondazione@federicosecondo.org ovvero chiamando il numero 0039 (091) 626.28.33.
Il sito web al quale si applicano le presenti Condizioni d’Uso e per il quale siamo responsabili è http://www. federicosecondo.org

IL VOSTRO USO DI QUESTO SITO E I NOSTRI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE
Questo Sito è reso disponibile a voi per il vostro uso personale, esclusi vostri fini commerciali. Possiamo modificare, recedere dal, o negare l’accesso a questo Sito in qualsiasi momento.
Possiamo recedere dal, o negare l’accesso al presente Sito in qualsiasi momento nei confronti di un utilizzatore che violi una qualsiasi disposizione delle presenti Condizioni d’Uso. Se scegliete, o vi viene fornito, un codice identificativo personale, una password o altre informazioni in base alle nostre procedure di sicurezza, dovete custodire tali dati in modo sicuro e trattare gli stessi quali dati riservati e non dovete divulgarli a terzi.
Questo Sito e tutti i suoi contenuti inclusi, senza limitazione, qualsiasi testo, software, codice sorgente, marchio, logo, design, immagine, fotografia, materiale audiovisivo, materiale scritto ovvero qualsiasi materiale in qualsiasi forma sono di nostra proprietà o ci sono stati licenziati da terze parti. Tutti i diritti d’autore o di proprietà intellettuale di tutti i Contenuti del Sito sono di nostra proprietà o di proprietà dei nostri licenzianti. Tutti i diritti o le licenze sui Contenuti del Sito che non siano espressamente concessi dalle Condizioni d’Uso sono riservati.
Tutti i diritti d’autore o di proprietà intellettuale sul design delle opere Tiraz sono di proprietà di proprietà della ditta Matranga. Tutti i diritti o le licenze sui prodotti Tiraz dei quali siamo espressamente concessionari esclusivi sono concessi dalle Condizioni d’Uso e sono riservati.
Salvo quanto previsto nelle presenti Condizioni d’Uso il Vostro uso dei Contenuti del Sito senza il permesso scritto dei proprietari dei Contenuti del Sito è severamente vietato. Potete stampare una copia, e potete effettuare il download di estratti di qualsiasi pagine di questo Sito per il vostro uso personale a fini non commerciali, a condizione che:
– non provvediate a modificare, distribuire, trasmettere, mostrare, riprodurre, creare opere derivate da, vendere, licenziare o sfruttare altrimenti i contenuti del sito senza il nostro permesso scritto;
– nessun segno grafico sia utilizzato separatamente dal testo che lo accompagna;
– le nostre informazioni sul diritto d’autore e marchi siano riprodotti in ogni copia e voi riconosciate questo Sito quale fonte del materiale;
– le persone alle quali fornite questi materiali siano informate delle presenti restrizioni.
Vigiliamo sul mercato al fine di identificare violazioni dei nostri diritti di proprietà intellettuale e ci riserviamo il diritto di intraprendere qualsiasi azione che riteniamo opportuna per la tutela dei nostri diritti.

LA NOSTRA RESPONSABILITÀ NEI VOSTRI CONFRONTI
Le presenti Condizioni d’Uso non escludono la nostra eventuale responsabilità nei vostri confronti in caso di:
– Lesione personale o morte derivanti dalla nostra negligenza;
– Dolo;
– Qualsiasi circostanza in base alla quale sarebbe illegittimo escludere o cercare di limitare la nostra responsabilità nei vostri confronti.
Non forniamo alcuna garanzia che il presente Sito sarà compatibile con ogni e qualsiasi hardware e software che voi potreste usare. Non garantiamo che l’utilizzo del presente Sito non causerà danno a eventuali proprietà, inclusi, ma non limitatamente a, perdita di dati e virus. Rifiutiamo qualsiasi responsabilità per eventuali virus, e siete invitati ad adottare ogni e qualsiasi misura di protezione prima di effettuare il download di informazioni o immagini dal Sito. Non garantiamo che il presente Sito sarà disponibile in ogni tempo o in momenti specifici. Ci riserviamo il diritto di recedere o di modificare il presente Sito in qualsiasi momento.
Siamo responsabili nei vostri confronti solo per le perdite che doveste subire in conseguenza della nostra violazione delle presenti Condizioni d’Uso. Non siamo responsabili nei vostri confronti per eventuali perdite che doveste subire che non siano conseguenza prevedibile della violazione da parte nostra delle presenti Condizioni d’Uso, per esempio qualora tali perdite non siano state considerate da voi a da noi prima del vostro accesso a questo Sito. La nostra responsabilità nei vostri confronti non potrà in alcun caso includere perdite di affari che possiate subire, incluse la perdita di dati, di profitto o l’interruzione di attività.
In nessun caso le previsioni delle presenti Condizioni d’Uso avranno effetto sui vostri diritti inderogabili.

INFORMAZIONI SU QUESTO SITO
Le informazioni contenute in questo Sito sono fornite a titolo di informazione e per interesse generale. Nonostante cerchiamo di mantenere le informazioni contenute nel presente Sito aggiornate e accurate, non possiamo essere ritenuti responsabili per eventuali imprecisioni nelle informazioni. Pertanto, non dovrete fare affidamento su tali informazioni, e vi raccomandiamo di ricevere ulteriori pareri o ulteriori linee guida prima di intraprendere una qualsiasi azione in base alle informazioni contenute nel presente Sito. Le presenti previsioni non hanno effetto sulla nostra responsabilità nei vostri confronti come sopra indicato.
Specificatamente, vi preghiamo di tenere presente che alcuni prodotti presenti sul nostro Sito potranno apparire leggermente più grandi o più piccoli della loro dimensione effettiva a causa di difetti dello schermo o delle tecniche fotografiche. Altri Prodotti potranno esser rappresentati con dimensioni maggiori delle loro dimensioni reali al fine di mostrare in modo più chiaro eventuali dettagli, ovvero con dimensioni minori al fine di mostrare l’intero oggetto.
Pertanto vi invitiamo a valutare con attenzione le Vostre scelte, precisando che sul nostro sito non potete effettuare nessuna forma di acquisto.

3. CONDIZIONI DI VENDITA
La Fondazione Federico II attraverso il suo sito web www.federicosecondo.org  non effettua alcuna vendita on-line dei preziosi TIRAZ. Gli oggetti visionati sul nostro sito web sono realizzati e commercializzati anche on-line dalla ditta Matranga, la quale risulta essere l’unica responsabile. La Fondazione Federico II non è responsabile della formazione del contratto da Voi sottoscritto con la ditta Matranga per l’acquisto dei preziosi, del pagamento, della consegna, dei difetti o danneggiamenti degli stessi, compreso anche l’esercizio del diritto di recesso.
Pertanto la merce da Voi acquistata tramite il sito web http://www.jewelsprivateoutlet.com/category/66-tiraz.aspx sarà garantita dal venditore e gli acquirenti dovrebbero stare attenti a presunte merci vendute attraverso canali non autorizzati. Attenzione alle contraffazioni. Inoltre noi cercheremo di rendere trasparente e chiara l’uscita dal nostro sito web.
Si precisa che alcuni oggetti presenti sul sito web www.federicosecondo.org possono apparire leggermente più grandi o più piccoli rispetto alle dimensioni reali dell’oggetto al fine di adattare l’oggetto allo schermo o a causa di tecniche fotografiche. Altri elementi possono essere raffigurati in una dimensione più grande rispetto a quella reale al fine di mostrare chiaramente i dettagli, o più piccola rispetto alle dimensioni reali al fine di mostrare l’articolo per intero.

Novecento Italiano - Una Storia

Fondazione Federico II - Sala Duca di MontaltoLa mostra ospitata nelle Sale Duca di Montalto di Palazzo Reale presenta un racconto che non ha la pretesa di essere esaustivo, ma vuole mostrare la grandezza del nostro patrimonio creativo attraverso un viaggio in cui ogni tappa è una storia esaltante che vede protagonisti alcuni tra i più grandi artisti del XX secolo. Si tratta di un’esposizione di sessanta quadri, otto sculture di quarantaquattro autori che possono, a ragione, essere considerati i manifesti delle loro correnti di riferimento. Sono almeno quindici i movimenti artistici rappresentati in questa esposizione: si va dal Ritorno al mestiere all’Idealismo, passando per la Metafisica del quotidiano, il Realismo magico, la Scuola romana, il Gruppo forma; e ancora l’Onirismo siderale, gli Italien de Paris, il Primordialismo plastico, la Scuola di via Cavour e il Gruppo di Piazza del Popolo.

Il Novecento italiano include una serie di artisti che si sentivano traduttori dello spirito del XX secolo, provenivano da esperienze e correnti differenti, ma legate da un senso comune di ritorno alle origini nell’arte, reinterpretate secondo la modernità: il Novecento torna quindi ad avere come supremo riferimento l’antichità classica, la purezza delle forme e l’armonia nella composizione. Un filone composito, che perfettamente si incastona in una Sicilia tributaria di molteplici apporti culturali.

L’arte italiana del Novecento propone esempi significativi di un percorso che evidenzia da un lato l’importanza della storia, dall’altro induce a riflettere sugli aspetti rivoluzionari del mondo contemporaneo. Vi è un marcato impulso verso il futuro che sottolinea le feconde utopie del secolo scorso: se ne possono cogliere i primi segnali nell’opera di Giacomo Balla e dei suoi giovani allievi Umberto Boccioni, Gino Severini, Mario Sironi, preludio divisionista all’avventura internazionale del futurismo, da loro affrontata con grande coraggio e documentata dalle opere esposte.

Il clima dei primi Anni Venti è quello della “fuga dalle avanguardie”, del “rappel à l’ordre”, del “ritorno al mestiere”, di cui sono alfieri Giorgio De Chirico, di origine siciliana, ed il piemontese Carlo Carrà. Vi è così la stagione metafisica di De Chirico, ed il particolare realismo di Carrà, nutrito anch’esso dalla esperienza metafisica e dall’amore per la tradizione italiana, che dominerà la sua lunga vita creativa. A questo filone la mostra dà un tributo, senza dimenticare la sorprendente originalità di Alberto Savinio, fratello di De Chirico, e l’impressionismo tutto italiano di Filippo De Pisis.

La mostra cerca così di condurre il visitatore in un percorso nella vivace temperie culturale e artistica novecentesca, dove si passa dalle avanguardie degli anni Venti alla novità del “Gruppo Forma”, cui partecipano Pietro Consagra, Antonio Sanfilippo e tanti altri maestri animati dalla volontà di essere “formalisti e marxisti”, senza dimenticare Mario Schifano, il più celebre esponente di quella che possiamo definire la risposta italiana alla Pop Art americana.

Un tributo importante ad una stagione che ha visto protagonista anche Jannis Kounellis, recentemente scomparso, insieme ad una serie di tanti altri artisti che si sono segnalati per il vigore e l’originalità di esperienze ineludibili.

Costi e Orari

Dove siamo

Come raggiungere il Palazzo Reale di Palermo e la Cappella Palatina:

  • Da Catania: A19 – uscita Palermo – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza dell’Indipendenza – Entrare nella zona pedonale oltre Porta Nuova – Piazza del Parlamento
  • Da Trapani: A29dir/E933 – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza dell’Indipendenza – Entrare nella zona pedonale oltre Porta Nuova – Piazza del Parlamento
  • In città: Stazione Metro Orleans – Entrare nella zona pedonale oltre Porta Nuova – Piazza del Parlamento
  • Bus: 304 Capolinea, 104, 108, 118, 105, 110

Sede Legale:
Piazza del Parlamento, 1 - 90134 Palermo
Direzione Generale e Uffici:
Piazza della Vittoria, 23 - 90134 Palermo
Centralino 091/7055611

E-mail: fondazione@federicosecondo.org

Informazioni - PEC:
direzione.federicosecondo@pec.it
amministrazione.federicosecondo.@pec.it
personale.federicosecondo.@pec.it

  • (*) obbligatorio

Orari

  • Lunedì/Sabato

    dalle ore 8.15 alle ore 17.40

  • Palazzo Reale / Cappella Palatina
  • Domenica e festivi

    dalle ore 8.15 alle ore 13.00

  • Palazzo Reale / Cappella Palatina

La Procesión
Cinquecento anni di storia

Palazzo Moncada – Caltanissetta

  • Complesso monumentale


  • Come raggiungere il Palazzo Reale di Palermo e la Cappella Palatina:

    Da Catania: A19 – uscita Palermo – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza Indipendenza – Entrare nella zona pedonale oltre Porta Nuova

    Da Trapani: A29dir/E933 – Viale della Regione siciliana – Corso Calatafimi – Piazza Indipendenza – Entrare nella zona pedonale oltre Porta Nuova

    In città: Stazione Metro Orleans

    Bus: 304 Capolinea, 104, 108, 118, 105, 110

  • ORARI


        • Lunedì/Sabato dalle ore 8.15 alle ore 17.40 (ultimo biglietto ore 16.40)
        • Domenica e festivi dalle ore 8.15 alle ore 13.00 (ultimo biglietto ore 12.00)
        • N.B. SI PREGA VERIFICARE GLI ORARI NELLA PAGINA ORARIO
  • INFO BIGLIETTI


EVENTI