Data di pubblicazione: 14/12/2017

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L’AFFIDAMENTO DI NR. 1 INCARICO DI ESPERTO NELLE ATTIVITA’ DI CERTIFICAZIONE DEI COSTI CON RIFERIMENTO AL  PROGETTO  “SOCIAL SEEDS – INTERREG EUROPE”

 

La Fondazione Federico II Partner del progetto SOCIAL SEEDS

RENDE NOTO

E’ indetta la procedura di selezione, mediante valutazione comparativa, per il conferimento di un incarico individuale ad un esperto con profilo professionale di revisore contabile senior in materia di progetti finanziati attraverso progetti comunitari, per l’attività da svolgere nell’ambito del progetto “Social Seeds”, finanziato nell’ambito del Programma Interreg Europe

All’affidamento dell’incarico si procederà ai sensi del Regolamento in materia di conferimento di incarichi individuali nelle pubbliche amministrazioni, secondo le modalità e nel rispetto dei requisiti indicati nel presente avviso di selezione, previa valutazione comparativa dei curriculum presentati.

Art. 1 – oggetto dell’incarico

  1. Con il presente avviso pubblico viene dato avvio alla procedura di selezione comparativa, per l’affidamento dell’incarico di n. 1 esperto con profilo professionale di revisore contabile senior in materia di progetti finanziati attraverso progetti comunitari, con esperienza anche nella valutazione e implementazione di progetti di carattere transnazionale, per l’attività da svolgere nell’ambito del progetto Social Seeds
  2. L’incarico oggetto del presente avviso prevede lo svolgimento delle seguenti prestazioni:
  3. verificare che le spese rendicontate in ciascun Rapporto intermedio soddisfino le seguenti condizioni:
  • I costi siano ammissibili;
  • Le condizioni del programma, dell’application form approvato e del Grant agreement siano rispettate;
  • Le entrate ed i pagamenti siano correttamente registrati e sufficientemente documentati;
  • Le attività relative al progetto, le forniture ed i servizi esternalizzati siano in corso di svolgimento o siano state completate;
  • Le regole dell’Unione Europea siano state rispettate con particolar riferimento a informazione e divulgazione, procedure di appalto pubblico, pari opportunità e protezione ambientale;
  1. supervisione delle attività di rendicontazione inerenti al progetto;
  2. predisposizione di qualunque altra documentazione necessaria per una migliore gestione e controllo dell’andamento del progetto, richiesta dal Lead partner e dal Direttore Amministrativo della Fondazione.

Art. 2 – modalità di esecuzione dell’incarico

  1. L’incarico è svolto dal soggetto affidatario in piena ed assoluta autonomia, senza vincoli d’orario, senza alcun inserimento nell’organizzazione della Fondazione e senza alcun assoggettamento gerarchico o funzionale e con l’esclusione di qualsiasi vincolo di subordinazione.
  2. L’incarico è svolto a stretto contatto con la Direzione Amministrativa ed in linea con le indicazioni elaborate dalla stessa Direzione.
  3. Al fine di svolgere il proprio incarico in modo ottimale, il soggetto affidatario potrà accedere agli uffici della Fondazione e utilizzare gli strumenti che gli saranno messi a disposizione nei termini e nei modi opportunamente concordati con il Direttore Amministrativo o dei funzionari da questo indicati.

Art. 3 – durata dell’incarico e compenso

  1. L’incarico è conferito mediante contratto in forma di scrittura privata, con decorrenza dalla comunicazione di eseguibilità del contratto.
  2. Per lo svolgimento dell’attività prevista per la figura di esperto valutatore è stabilito un compenso lordo di € 10500,00 a fronte della predisposizione delle revisioni per i 6 rapporti intermedi più quella relativa al rendiconto finale.
  3. Le attività oggetto dell’incarico devono essere svolte entro il 31 luglio 2020, fatto salvo eventuali proroghe o slittamenti dell’attività relativi al progetto e gli adempimenti inerenti alla consegna del report finale.

Art. 4 – requisiti generali di ammissione

  1. I requisiti generali per l’ammissione alla selezione per il conferimento dell’incarico, dichiarati dal candidato con dichiarazione sostitutiva ex artt. 46 e 47 del P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 “Testo unico sulla documentazione amministrativa”, pena l’esclusione, sono i seguenti:
  1. essere in possesso della cittadinanza italiana o cittadinanza di uno dei Paesi membri dell’Unione europea;
  2. avere il godimento dei diritti civili e politici;
  3. non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, non essere stato licenziato per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo, non essere stato dichiarato decaduto da un impiego pubblico per aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
  4. non aver riportato condanne penali e non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale;
  5. non avere procedimenti penali pendenti a proprio carico; qualora gli stessi sussistano dovranno essere specificatamente dichiarati.
  1. I requisiti generali di ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del presente avviso, al momento del conferimento dell’incarico e devono essere mantenuti per tutta la durata dell’incarico stesso.
  2. I cittadini di altri Stati membri dell’Unione Europea devono essere in possesso, fatta eccezione per la titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri analoghi requisiti previsti per i cittadini della Repubblica italiana. I medesimi devono, inoltre, possedere una perfetta conoscenza parlata e scritta della lingua italiana.

Art. 5 – requisiti specifici

  1. I candidati in possesso di tutti i requisiti di ordine generale possono presentare domanda di partecipazione alla selezione per esperto revisore contabile senior in materia di progetti finanziati attraverso fondi comunitari, per la quale sono richiesti i seguenti requisiti specifici:
    • Iscrizione all’albo dei revisori contabili;
    • Ottima conoscenza della lingua inglese;
    • Buona conoscenza di sistemi operativi e applicativi informativi di larga diffusione (Windows, Office professional, Word, Excel)
    • Esperienza professionale: successiva all’iscrizione all’albo, effettiva, complessiva di almeno due anni di attività esperita e comprovata presso Enti pubblici o privati riferita a aree professionali di ambito comunitario o internazionale riguardanti almeno uno dei seguenti tre aspetti:
  • rendicontazione di progetti finanziati attraverso i Fondi strutturali comunitari e/o altri fondi internazionali, comunitari, nazionali, regionali;
  • verifica e validazione delle rendicontazione presentate sui progetti finanziati attraverso i Fondi strutturali;
  • forme di finanza agevolata e contributi alle imprese ed alle pubbliche amministrazioni.
  1. Al fine di garantire l’indipendenza delle attività di revisione, i candidati non devono avere in corso altre collaborazioni a qualunque titolo con la Fondazione, né possono avere legami di parentela con collaboratori e dipendenti della Fondazione, né possono fare parte degli organi direttivi e di vigilanza della Fondazione.
  2. Sono altresì valutate positivamente le seguenti conoscenze e esperienze:

– master/corsi di specializzazione post laurea nell’ambito delle materie in considerazione presso enti ed istituti accreditati a livello nazionale comunitario;

– conoscenze specifiche nell’ambito delle tematiche riguardanti il presente interpello;

– tirocini formativi/work experience negli specifici settori lavorativi in considerazione presso Enti pubblici o privati;

– l’aver svolto la propria attività  professionale presso un ufficio Politiche comunitarie oppure presso istituti che si occupano prevalentemente di relazioni internazionali e comunitarie o imprese quali: Comunità Montane, Agenzie di sviluppo locale, Enti di formazione, società di Consulenza, Enti di promozione europea o comunque altri soggetti privati specificatamente attivi nelle materie comunitarie e internazionali, sportelli informativi europei e di altri uffici che svolgano al loro interno una attività legata all’Unione Europea od alle relazioni internazionali;

  1. I requisiti specifici prescritti debbono essere posseduti dai candidati alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di ammissione, nonché al momento della stipula del contratto.
  2. Ai fini del computo dei periodi di esperienza di cui al punto 1 lettera c, si prenderanno a riferimento i periodi di vigenza dei singoli contratti, escludendo sovrapposizioni temporali, sommandoli in termini di mesi di 30 giorni; i resti di giorni concorrono a formare un mese se la somma è pari a A tale fine, nella domanda allegata, dovranno essere indicate con la massima precisione la struttura nella quale l’attività è stata svolta, le mansioni espletate, il periodo di attività, con l’indicazione della data di inizio e termine. Qualora il candidato non dovesse indicare con precisione le date richieste ma solamente il mese di riferimento, la Commissione computerà i periodi contrattuali a decorrere dal mese successivo per la parte iniziale e dal mese precedente per la parte finale.

Art. 6 – criteri di valutazione delle candidature

Fermo restando che non potranno essere valutate le candidature prive dei requisiti generali di cui all’articolo 4 e di quelli specifici di cui all’articolo 5, l’incarico sarà conferito secondo l’ordine risultante dalle graduatorie determinate attraverso l’attribuzione dei punteggi ai seguenti titoli:

  1. Dottorati, master o corsi di specializzazione post laurea attinenti (sono attribuiti punti 2 per ciascun titolo ottenuto, fino ad un massimo di 6 punti);
  2. Corsi di formazione professionale, di aggiornamento, tirocini formativi e/o work experience in materie attinenti (sono attribuiti punti 0,50 per corso completato, fino ad un massimo di 4 punti);
  3. Esperienze professionali post-laurea attinenti, comprovate e svolte presso soggetti pubblici o privati, anche tramite consulenza in materia, riferite al monitoraggio ed alla valutazione di progetti afferenti al programma comunitario per l’apprendimento permanente (sono attribuiti punti 0,50 per ogni mese, computato secondo quanto al precedente articolo 5 c. 3, fino ad un massimo di 30 punti).

Art. 7 – modalità di selezione

  1. La valutazione comparativa è affidata ad una Commissione interna della Fondazione. Il giudizio della Commissione è insindacabile.
  2. La Commissione, verificata la regolarità formale della documentazione pervenuta ed accertata per ciascuna candidatura la sussistenza dei requisiti generali e specifici di ammissibilità di cui rispettivamente agli articoli 4 e 5, procede alla valutazione comparativa dei candidati ammessi alla selezione, sulla base dell’esame della documentazione allegata alla domanda di partecipazione, assegnando i punteggi secondo quanto previsto all’articolo 6.
  3. La procedura comparativa si conclude entro 15 giorni lavorativi dalla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione. Al termine della valutazione, la Commissione forma la graduatoria di merito dei candidati ed indica il soggetto risultato più idoneo a ricevere l’affidamento dell’incarico. Qualora più candidati risultassero classificati ex aequo è data la precedenza al candidato più anziano d’età.
  4. Nel corso dell’attività di valutazione dei curricula presentati, la Commissione può contattare direttamente i candidati in ordine ad eventuali necessità di chiarificazione.
  5. A conclusione della procedura di selezione viene redatta la graduatoria finale. Con proprio atto, il Direttore Amministrativo approva la graduatoria finale. La graduatoria finale ha validità per due anni dalla data del provvedimento di approvazione della graduatoria stessa.
  6. Nel caso in cui il candidato selezionato rinunci all’incarico, la Fondazione può conferire l’incarico medesimo al candidato che segue in graduatoria.
  7. La Fondazione si riserva di non procedere all’affidamento dell’incarico nel caso in cui, a proprio insindacabile giudizio, nessuna candidatura sia ritenuta idonea.
  8. L’incarico può essere affidato anche in presenza di una sola candidatura.

Art. 8 – disposizioni e procedure specifiche

La Fondazione si riserva la facoltà di verificare in qualsiasi fase della selezione la veridicità dei dati riportati nelle dichiarazioni sostitutive di atto notorio e nel curriculum vitae e di richiederne la documentazione giustificativa. La non conformità tra quanto dichiarato all’atto della presentazione della domanda e quanto diversamente accertato dall’Amministrazione, fermo restando quanto stabilito dall’articolo 76 del DPR 445/2000, comporta l’immediata esclusione della candidatura e l’adozione di ogni altra azione prevista dalla legge.

Art. 9 termini e modalità di presentazione delle domande

  1. Gli interessati devono presentare la domanda di ammissione alla selezione pubblica, in busta chiusa, debitamente sottoscritto in originale in calce, senza necessità di alcuna autentica, ai sensi dell’articolo 39 del DPR 445/2000.
  2. La busta chiusa deve riportare la seguente dicitura: “Domanda di partecipazione a procedura comparativa per l’affidamento di incarico individuale di esperto nelle attività di certificazione dei costi – Progetto SOCIAL SEEDS – NON APRIRE”.
  3. Nella domanda deve essere indicato un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) o, in alternativa, un numero di fax, cui trasmettere le eventuali comunicazioni.
  4. La domanda di ammissione alla selezione pubblica deve contenere una dichiarazione sostitutiva, resa dal candidato ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445, attestante il possesso da parte dello stesso dei requisiti generali di cui all’articolo 4 del presente avviso.
  5. Alla domanda di ammissione devono essere allegati:
  1. il curriculum vitae, redatto in formato europeo, datato e sottoscritto in originale dal candidato, attestante la qualità, oltre che il possesso, dei requisiti specifici di cui all’articolo 5 del presente avviso, contenente una dichiarazione sostitutiva, resa dal candidato ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000, che attesta la veridicità delle informazioni contenute e recante l’autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 196/2003. Il curriculum vitae deve essere di data non anteriore a 30 giorni rispetto alla data di presentazione della domanda;
  2. una fotocopia fronte/retro di un documento di riconoscimento del richiedente in corso di validità.
  1. Tutta la documentazione deve essere prodotta in lingua italiana.
  2. Sono escluse dalla selezione le domande:
  • non sottoscritte in originale;
  • non datate;
  • non presentate nelle forme prescritte dal presente avviso, ovverosia non compilate anche in parte;
  • non presentate entro i termini o secondo le modalità di cui al presente articolo.
  1. Dal 1° gennaio 2012 le Pubbliche amministrazioni non possono più richiedere atti o certificati contenenti informazioni già in possesso della P.A. I certificati sono sempre sostituiti da dichiarazioni sostitutive di certificazioni o dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà. Pertanto, non verrà preso in considerazione quanto contenuto in certificazioni rilasciate da Pubbliche Amministrazioni ed eventualmente allegate alla domanda.
  2. La domanda, comprensiva dei relativi allegati, deve pervenire perentoriamente, a pena di esclusione, entro e non oltre 10 giorni dalla Pubblicazione sul sito della Fondazione, esclusivamente mediante una delle seguenti modalità:
  1. servizio postale, con raccomandata con avviso di ricevimento inviata al seguente indirizzo: Via Nicolò Garzilli, 36 – 90141 PALERMO . Ai fini del rispetto del termine, fa fede la data di spedizione della raccomandata. Non vengono prese in considerazione le raccomandate pervenute dopo sette giorni dalla scadenza dell’avviso ancorché spedite nei termini;
  2. invio con Pec al seguente indirizzo: amministrazione.federicosecondo@pec.it
  1. La Fondazione non assume alcuna responsabilità per eventuali ritardi o disguidi postali e declina ogni responsabilità in ordine al mancato o tardivo recapito del plico, restando la cura dello stesso posta in capo al candidato.
  2. Il termine per l’arrivo delle domande, ove scada in giorno non lavorativo per l’ufficio competente, è prorogato al primo giorno lavorativo seguente.
  3. La Fondazione si riserva la facoltà di prorogare o riaprire il termine di scadenza di presentazione delle domande, nonché si riserva la facoltà di sospendere, modificare e annullare la procedura relativa alla presente selezione in qualunque momento e qualunque sia lo stato di avanzamento della stessa, senza che gli interessati possano esercitare nei suoi confronti alcuna pretesa a titolo di risarcimento o di indennizzo.
  4. La pubblicazione del presente avviso non comporta per la Fondazione alcun obbligo di attribuzione di eventuali incarichi né, per i soggetti che presentino una candidatura, alcun diritto a qualsivoglia prestazione o rimborso da parte dell’Amministrazione stessa.
  5. Il candidato è tenuto a comunicare per iscritto l’eventuale cambiamento del recapito, che avvenga successivamente alla data di presentazione della domanda, per l’invio delle comunicazioni relative alla selezione.
  6. La Fondazione non assume alcuna responsabilità nel caso di dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del candidato o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili a colpa dell’Amministrazione stessa.

 

 

Art. 10 – pubblicità e comunicazioni

  1. La graduatoria finale è pubblicata sul sito della Fondazione e si provvederà a darne diretta comunicazione agli interessati all’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) o al numero di fax indicati nella domanda di partecipazione.
  2. Qualora la Fondazione si avvalga della facoltà di sospendere, modificare o annullare la procedura di valutazione comparativa di cui al presente avviso o comunque ritenga di non procedere all’affidamento dell’incarico, ne verrà data notizia esclusivamente sul sito istituzionale.

 

 

Art. 11 – affidamento incarico

  1. Al candidato selezionato verrà affidato l’incarico per lo svolgimento delle funzioni di cui all’articolo 1 del presente avviso, relativamente al progetto comunitario SOCIAL SEEDS
  2. L’incarico sarà attribuito con apposito contratto individuale. A tale fine il candidato selezionato dovrà presentare, a pena di decadenza, una dichiarazione attestante:
  1. l’accettazione dell’incarico;
  2. l’assenza di altri rapporti o incarichi con la Fondazione Federico II e di rapporti di parantela con dipendenti o collaboratori della stessa Fondazione;
  3. i dati previdenziali.

 

 

Art. 12 – informazioni sull’avviso

  1. Il presente avviso è pubblicato, sul sito internet istituzionale www.federicosecondo.org voce di menu ‘Amministrazione Trasparente’
  2. Il responsabile del procedimento è il Direttore Amministrativo, Sig. Rosaria Razete, Via Nicolò Garzilli, 36 – 90141 PALERMO indirizzo email antonella.razete@federicosecondo.org

 

 

Art. 13 – trattamento dati personali

I dati personali forniti dai candidati saranno trattati ai sensi del D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 e successive modificazioni e integrazioni.

Scarica il Bando in versione PDF

Avviso Controller Social Seeds